Benetton, Federico Ruzza: “Disciplina cruciale, restiamo concentrati per domenica”

L’avanti dei Leoni fa il punto verso la seconda sfida stagionale con le Zebre. Intanto a Parma è arrivato il primo successo esterno in URC

Benetton, Federico Ruzza: "Disciplina cruciale, restiamo concentrati per domenica" ph. Ettore Griffoni

Benetton, Federico Ruzza: “Disciplina cruciale, restiamo concentrati per domenica” ph. Ettore Griffoni

Tra i protagonisti del derby vinto dal Benetton lo scorso 24 dicembre c’è senza dubbio Federico Ruzza. L’avanti biancoverde ha segnato la prima meta dei suoi, in una gara nella quale il suo apporto si è fatto decisamente sentire in tante situazioni di gioco. Intervistato da Benetton TV, Ruzza è partito dal fatto che vincere la partita d’andata con il bonus offensivo sia stato un ottimo risultato contando quante volte negli anni le sfide con le Zebre sono state molto chiuse e tirate. Nonostante tutto serve continuare a rimanere concentrati per il ritorno di domenica, considerando quanto il giocare due partite di fila con lo stesso avversario possa essere particolare.

Leggi anche: Classifica, risultati e calendario di URC

Considerando la sconfitta del Benetton a Gloucester, Ruzza non ha dubbi che sia stata la disciplina a fare la differenza, oltre alla capacità di sfruttare meglio i propri possessi. L’ordine e la precisione in attacco hanno portato al 14-39 finale, risultato comunque nato dalla resa mentale della squadra che è stata concentrata per tutti gli 80 mintui di gioco.

Sul derby di ritorno a Monigo, in programma domenica alle 14.00, Ruzza pensa che il Benetton possa migliorare nelle fasi statiche, dalle quali potrebbe arrivare migliori palloni da giocare. Questo comunque partendo dal presupposto che il pubblico biancoverde darà una mano ai Leoni, vogliosi di ripetersi anche per esaltare Monigo.

Guarda anche: Gli highlights del derby di andata

Parlando del fatto che a Parma è arrivata la prima vittoria stagionale esterna, Ruzza aggiunge: “E’ vero che quest’anno fuori casa non abbiamo sempre dato il meglio e non siamo stati performanti come a Monigo. Sappiamo comunque che giocare in trasferta non è mai facile, ti mette alla prova andare a giocare in certi campi. Poi però, quando sei in campo, devi giocare le partite indipendentemente da alcuni fattori. Quest’anno le migliori partite non sono coincise con quelle in trasferta, ma non è solo quello il motivo delle prestazioni altalenanti lontano da Monigo. Sicuramente dobbiamo fare meglio fuori casa, perché portare a casa punti dalle trasferte è un aspetto che porta autostima e fa sempre bene, per di più perché giochi in campi ostici. A tal proposito, portare punti dalla trasferta del derby, che solitamente è una delle partite più chiuse dell’anno, è stata un’ottima cosa”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui per restare aggiornato sul regolamento del rugby.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Benetton, Pettinelli: “I nuovi arrivi portano aria fresca. Abbiamo cambiato qualcosa in difesa”

Continua il lavoro pre-stagione dei Leoni. Il terza linea: "C'è tanto entusiasmo in squadra"

item-thumbnail

Benetton, Bortolami: “Se Ioane torna, bene, altrimenti faremo a meno di lui”

Il capo allenatore dei Leoni è stato chiaro: "Per me vige il concetto di squadra, non del singolo"

item-thumbnail

Benetton, Zatta: “Abbiamo obiettivi importanti. La Challenge? Non esistono squadre facili”

Il presidente introduce la stagione 2022-23: "Puntiamo a giocarci le nostre carte"

item-thumbnail

United Rugby Championship: le date e gli orari delle partite del Benetton

Tutte le informazioni su quando giocheranno i Leoni nel prossimo campionato

item-thumbnail

Benetton Rugby, Sam Hidalgo-Clyne: “Voglio portare il mio contributo proponendo un gioco rapido e istintivo”

Il mediano di mischia ha raccontato le sue prime impressioni con indosso la maglia biancoverde

item-thumbnail

Benetton-Ioane, la rabbia di Zatta: “Non ha rispettato i patti”, si rischiano le vie legali

Il presidente: "Prima Garbisi, poi Gustard. Non possiamo rimetterci ogni volta"