Italia-Argentina: alcuni numeri dall’incontro di Treviso

Il secondo dell’autunno azzurro.

Statistiche Italia-Argentina

Statistiche Italia-Argentina ph. Sebastiano Pessina

Dopo aver analizzato nel dettaglio tutte le sfaccettature della sfida di sabato a Monigo, tra Italia ed Argentina, archiviata con successo (16-37, il punteggio finale) dai Pumas, diamo uno sguardo ai freddi numeri, con alcune delle statistiche più significative.

Leggi anche: Autumn Nations Series: programma e dirette tv del quarto weekend

In una gara dal possesso in equilibrio, con gli argentini leggermente in vantaggio in termini di percentuale di territorio (54% contro 46%), gli azzurri si sono affacciati più volte (rimanendo anche più a lungo) nei 22 avversari, ma portando a casa solo 0.8 punti per visita – troppi i palloni persi in attacco, ben 23 -, contro i 3.9 dei sudamericani – (che vantano statistiche decisamente migliori per quanto concerne uomini battuti (12 vs 9) e line breaks (6 vs 2) -, che di fatto hanno portato a casa il macinato ogni qual volta hanno messo piede in zona rossa.

Gli azzurri hanno mantenuto percentuali di placcaggi a segno simili a quelle contro i ‘tuttineri’, attestandosi sul 90% (contro il 94% sudamericano, peraltro su una mole di tackle ben più alta), portando a termine meno placcaggi dominanti (3 v 4) e forzando meno turnover con il fondamentale (2 v 5).

Nelle fasi di conquista, invece, pur faticando, 13 possessi vinti su 16 lanci a disposizione degli azzurri in rimessa laterale (1 pallone rubato agli Argentini, su 15 lanci Pumas). In chiusa solo in un’occasione (su 4) gli azzurri sono andati in difficoltà, reggendo di fatto l’urto con gli avanti sudamericani.

Leggi anche: World Rugby Ranking: rivoluzione nella Top10, con nuovo leader

Degna di nota, a livello individuale, la prova difensiva di Michele Lamaro, autore di 12 placcaggi a segno (su 12 tentati) – anche se con 3 turnover concessi (come Garbisi, 1 in meno di Padovani), così come quella di Luca Morisi (12 placcaggi a segno su 13 portati) – anche se macchiata in generale da 3 calci di punizione concessi – e Niccolò Cannone con 11 tackle. In attacco, 70 metri corsi – con 6 palle portate – per Matteo Minozzi, sempre efficace nel risalire il campo palla in mano.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui, invece, se vuoi saperne di più sulle regole del gioco del Rugby.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Irlanda, verso il Sei Nazioni 2022: alcuni recuperi e il dubbio Sexton

Lo staff tecnico sta valutando le situazioni di alcuni avanti e alcuni trequarti

19 Gennaio 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni, Inghilterra: Eddie Jones fa chiarezza sul ruolo di Owen Farrell

Il ct dei vicecampioni del mondo parla della posizione, dentro e fuori dal campo, del suo capitano

19 Gennaio 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sevens World Series, esordio in Spagna con assenze di peso

Le Sevens World Series 2022, dopo il doppio turno a Dubai, ripartono da Malaga (Spagna) con i forfait di Nuova Zelanda, Samoa e Fiji.

19 Gennaio 2022 Rugby Mondiale / Sevens World Series
item-thumbnail

FIR: il protocollo aggiornato per allenamenti e attività agonistica

Entra in vigore con effetto immediato da oggi, martedì 18 gennaio 2022

18 Gennaio 2022 Rugby Azzurro / Vita federale