Tri Nations: equilibrio totale tra Argentina e Australia

A Newcastle tanti errori, e una netta rimonta dei Pumas nel finale. Nessuna meta in campo, e tre squadre in vetta alla classifica del Tri Nations

Nel Tri Nations pareggio tra Argentina e Australia Ph: Stuart Walmsley / Rugby Australia

Nel Tri Nations pareggio tra Argentina e Australia Ph: Stuart Walmsley / Rugby Australia

Di fronte al tutto esaurito di Newcastle, Argentina e Australia si sfidano per la quarta giornata del Tri Nations 2020. Entrambe sono reduci da un successo contro la Nuova Zelanda, e dunque guardano alla vetta della classifica del torneo in uno scontro che si presenta senza un padrone, e dal pronostico praticamente impossibile. Novità importanti in formazione a poche ore per i Pumas, che perdono per infortunio il numero nove Cubelli e devono inserire Bertranou nel XV, portando Ezcurra in panchina. Questa l’unica novità nello schieramento sudamericano, mentre gli australiani schierano tre giocatori diversi tutti in mischia, con Hanigan, Tuopu e Sio che partono dall’inizio. Questo è il 33esimo scontro diretto tra le due formazioni, coi Pumas che si sono imposti sei volte contro le venticinque degli australiani, con un solo pareggio.

Leggi anche: Come seguire tutta la seconda giornata della Autumn Nations Cup

La prima fiammata è australiana con White, che accelera e porta i suoi nei 22, quindi un fallo Pumas vale lo 0 a 3 firmato da Hodge. Dal calcio di rinvio però Montoya causa un tenuto, e Sanchez pareggia immediatamente i conti a quota 3, quindi fino al quarto d’ora la gara è assolutamente equilibrata nello svolgimento, con la battaglia che è centrata nella zona di metà campo senza particolari sussulti. Poi l’Australia sale di colpi e, dopo aver costretto gli avversari a una serie di falli, si installa letteralmente nei 22 avversari, con touche a ripetizione e occasioni solo potenziali. Il raccolto è un triste zero per la squadra di Rennie, fermata dalla difesa argentina, dai lanci sbagliati di Paenga-Amosa, dagli avanti commessi per fretta, e dal TMO che annulla una spettacolare meta in tuffo di Petaia. Alla mezz’ora il possesso dice 70-30 per i Wallabies, ma sono i Pumas a passare poco dopo, ancora con Sanchez, che finalizza dalla piazzola in una delle rare sortite offensive. Nel finale il canovaccio ritorna il solito, ma quantomeno gli australiani riescono a concretizzare con due piazzati di Hodge, in mezzo ad altre chance sprecate in una gara dove la tensione si fa sentire. Diversi scontri infatti accendono la miccia nel finale della prima frazione, che al multiplo fischio dell’arbitro dice 6 a 9 per i Wallabies.

Leggi anche: La storia del capitano Pumas Pablo Matera

L’inizio del secondo tempo vede subito due falli degli argentini, che sul secondo pagano con un giallo a Montoya e il facile piazzato di Hodge. Questi però saranno gli unici punti subiti in inferiorità numerica, anzi va registrato l’errore di Sanchez da posizione angolata al piede. La gara prosegue tra tanti errori, da una parte e dall’altra, e con la pioggia che inizia ad accompagnare le due squadre. Al 54esimo sembra che i Wallabies possano trovare la fuga buona, con il quinto piazzato di Hodge che da facile posizione fa 6 a 15, ma il finale di match è tutto dei Pumas. Si parte con un’azione nei 22 avversari non concretizzata, poi è la mischia a schiantare gli avversari e guadagnarsi il calcio del -6. Tra il 67esimo e il 70esimo ci sono poi due errori australiani di indisciplina, ed è semplicemente perfetto Sanchez al piede infilando l’acca entrambe le volte e rimettendo tutto in equilibrio sul 15 a 15. Gli ultimi dieci minuti si giocano sul filo della tensione, e l’errore decisivo sembra poter essere quello di Orlando, che a terra mette le mani dove non potrebbe: il calcio di Hodge dalla linea dei 10 metri è però sbagliato, e il punteggio resta inchiodato. Ossigeno e lucidità latitano nel finale, quando nessuna delle due riesce a piazzare la zampata del sorpasso, chiudendo sul 15 a 15. Secondo pareggio nella storia tra le due squadre, che salgono al primo posto in classifica del Tri Nations assieme alla Nuova Zelanda, tutti a quota 6 punti.

Clicca qui per vedere risultati, classifica e calendario del Tri Nations 2020

Il tabellino di Argentina – Australia 15-15, quarta giornata del Tri Nations 2020:

Argentina: 15 Santiago Carreras, 14 Bautista Delguy, 13 Matias Orlando, 12 Santiago Chocobares, 11 Juan Imhoff, 10 Nicolas Sanchez, 9 Gonzalo Bertranou, 8 Rodrigo Bruni, 7 Marcos Kremer, 6 Pablo Matera (c), 5 Matias Alemanno, 4 Guido Petti, 3 Francisco Gomez Kodela, 2 Julian Montoya, 1 Nahuel Tetaz Chapparo
A disposizione: 16 Santiago Socino, 17 Mayco Vivas, 18 Santiago Medrano, 19 Santiago Grondona, 20 Facundo Isa, 21 Felipe Ezcurra, 22 Emiliano Boffelli, 23 Santiago Cordero

Marcatori Argentina:

Calci piazzati: Sanchez (5’, 31’, 63’, 67’, 70’)

Australia: 15 Tom Banks, 14 Tom Wright, 13 Jordan Petaia, 12 Hunter Paisami, 11 Marika Koroibete, 10 Reece Hodge, 9 Nic White, 8 Harry Wilson, 7 Michael Hooper (c), 6 Ned Hanigan, 5 Matt Philip, 4 Rob Simmons, 3 Taniela Tupou, 2 Brandon Paenga-Amosa, 1 Scott Sio
A disposizione: 16 Folau Fainga’a, 17 Angus Bell, 18 Allan Alaalatoa, 19 Rob Valetini, 20 Liam Wright, 21 Jake Gordon, 22 Noah Lolesio, 23 Filipo Daugunu

Marcatori Australia:

Calci piazzati: Hodge (3’, 35’, 44pt’ 44’, 56’)

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui, invece, se vuoi saperne di più sulle regole del gioco del Rugby.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Rugby Championship 2021: ecco il XV del torneo secondo Planet Rugby

Quade Cooper "si prende" la maglia come miglior apertura della manifestazione

5 Ottobre 2021 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Video: gli highlights di Sudafrica-Nuova Zelanda

Ecco le immagini della splendida partita che ha visto gli Springboks vincere a tempo scaduto contro gli All Blacks

2 Ottobre 2021 Foto e video
item-thumbnail

Rugby Championship: show stupendo in chiusura di torneo, il Sudafrica batte gli All Blacks 31-29

Decisivo il piazzato di Jantjies in un finale pazzo. All Blacks che avevano comunque già vinto il torneo

2 Ottobre 2021 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Rugby Championship: All Blacks-Springboks, la carica dei 101

Il Sudafrica alla ricerca del riscatto dopo le tre sconfitte consecutive

2 Ottobre 2021 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Rugby Championship, Ardie Savea: “Non è sempre facile pensare solo al campo”

Il capitano degli All Blacks parla della vita quotidiana all'interno del ritiro neozelandese

1 Ottobre 2021 Emisfero Sud / Rugby Championship