Leinster: tutti i numeri della storica cavalcata in Pro14

Gli irlandesi entrano nella leggenda al termine di una stagione indimenticabile

Leinster_Rugby

Leinster: Adam Byrne scappa via (Ph. Sighinolfi)

Sabato scorso al termine di una stagione lunghissima il Pro14 ha incoronato, nella finalissima dell’Aviva Stadium, Leinster come squadra campione del 2019/2020.

Ottanta minuti dominati da parte dei Dubliners contro Ulster, in una partita conclusasi 27-5, che hanno fornito una volta di più la dimensione del successo di Sexton e compagni.

Andiamo nel dettaglio però a scoprire tutti i numeri della stagione di Leinster.

17 su 17: la franchigia in maglia blu ha compiuto il cosiddetto percorso netto vincendo tutte e 15 le partite di regular season e le 2 dei playoff. E’ la seconda volta che Leinster riesce nell’impresa: la prima striscia vincente fu fatta registrare nel 2001-2002.

78 mete segnate: una media di 4,5 mete per partita. Dave Kearney è il giocatore degli irlandesi ad aver realizzato più marcature in stagione: 9 in sole 7 partite.

6.621 metri guadagnati: nessuna squadra ha ottenuto un numero di metri così alto. La seconda squadra classificata in questa particolare graduatoria è Edimburgo, che però “dista” oltre 600 metri. James Lowe ha fatto registrare da solo 642 metri guadagnati.

195 placcaggi: Will Connors li ha messi a referto in 14 partite giocate, con un rating di precisione pari al 92%

65 palloni portati avanti con successo: un incredibile dato fatto registrare da Caelan Doris, premiato fra l’altro anche come Guinness PRO14 Next-Gen Star of the Season. A questo, il flanker ci aggiunge ben 128 placcaggi, con il 98% di precisione.

208 rimesse laterali vinte: il numero che probabilmente fa capire molto del gioco di Leinster. Nessuna squadra nel Pro14 ha vinto così tante lineout, anche perchè non ha avuto (quantitativamente) queste possibilità. La pressione che porta la difesa della franchigia di Dublino nei confronti dei calciatori avversari è spesso così elevata che costringe i giocatori rivali a rifugiarsi in touche: una scelta che però non paga, visto che gli uomini di Leo Cullen sono – in questo fondamentale – pressoché infallibili.

96% di mischie vinte: si le rimesse laterali, ma guai a sottovalutare la mischia. Leinster costruisce gran parte dei suoi possessi su questa piattaforma precedendo in questa particolare classifica i Cardiff Blues e le Zebre. In stagione ha ottenuto inoltre 25 penalità a favore quando l’introduzione non era fatta da uno dei suoi mediani di mischia riuscendo così a invertire il possesso e a crearsi nuove chance offensive.

E’ attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news. Dai uno sguardo anche alla nostra pagina Instagram, sempre ricca di spunti

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Zebre: Giulio Bisegni capitano per il 2021/2022

Nel segno della continuità la fascia rimane al centro di Frascati, coadiuvato da David Sisi e Tommaso Boni

item-thumbnail

Zebre: un avanti e un numero nove per la rosa di Michael Bradley

Cristian Stoian e Alessandro Fusco, già permit un anno fa, tornano alla franchigia ducale per la prossima impegnativa stagione

item-thumbnail

Il Benetton sfiderà una nazionale dell’est in amichevole?

Potrebbe assumere contorni decisamente internazionali il pre-campionato dei Leoni, che intanto continuano a lavorare a Treviso

item-thumbnail

URC: Gran colpo di Edimburgo, presi Boffelli e Moyano

La franchigia scozzese mette a segno due colpi importantissimi: arrivano Emiliano Boffelli e Ramiro Moyano

27 Luglio 2021 United Rugby Championship
item-thumbnail

Benetton, Andrea Masi: «Rosa competitiva, bisogna lavorare duro»

Il nuovo allenatore dell'attacco racconta il suo inizio con il Benetton in vista di una stagione molto impegnativa