British & Irish Lions: Scott Robertson nello staff come specialista della difesa

Aiuterà Andy Farrell iniziando a prendere dimestichezza con la realtà internazionale

Scott Robertson

British & Irish Lions: Scott Robertson parla già come un membro dello staff tecnico (Photo by Marty MELVILLE / AFP)

Intorno ai British & Irish Lions comincia a crearsi un certo hype. La selezione d’oltremanica, che fra poco meno di un anno andrà in Sudafrica per sfidare i campioni del mondo degli Springboks, è in fase di costruzione sotto tutti i punti di vista e questo stimola il dibattito sia sulla composizione del roster dei giocatori sia sull’assemblaggio dello staff tecnico.

Chi aiuterà l’head coach Warren Gatland?
Dopo gli abboccamenti delle scorse settimane, a sbilanciarsi in maniera decisa è stato Scott Robertson. L’attuale capoallenatore dei Crusaders sarebbe infatti vicinissimo a far parte dell’insieme di assistenti e specialisti tecnico/tattici dei British & Irish Lions, in particolare occupandosi della fase difensiva assieme a Andy Farrell (il ct dell’irlanda) : “Sono felice di poter aiutare Andy in quell’area del gioco. L’obiettivo sarà quello di tirare fuori il meglio dai giocatori ed è per questo che si ha uno staff così ampio, considerando i numerosi impegni che si andranno ad affrontare fra Test Match e midweek game”.

L’inizio di una carriera internazionale
Iniziare facendo l’assistente dei British & Irish Lions, con un ruolo di grande importanza e apprendimento, ma comunque secondario nel quadro generale, potrebbe rappresentare una buona rampa di lancio per chi come Scott Robertson in cuor suo spera un giorno di arrivare a sedersi sulla panchina degli All Blacks: “Questa per me – afferma – sarà una chance di crescita, sia dal punto di vista professionale sia dal punto di vista personale. Ci saranno tanti aspetti da osservare in un gruppo speciale. Sarò lì anche per guardare e. Se potrò essere d’aiuto, sarà bellissimo”.

L’immediato futuro si chiama ancora Crusaders
La voglia di misurarsi sul massimo palcoscenico ovale è un’ambizione che Robertson non nasconde, senza dimenticare però che attualmente è ancora legato da un saldo rapporto con i suoi Crusaders: “Il mio prossimo step? Se ho firmato coi Crusaders, vuol dire che arriverò a stare con loro per sette anni. Sono pieno di energie e passione. E’ chiaro che la possibilità degli All Blacks e delle partite internazionali sono nella mia testa e nei miei occhi. Ora però mi sento totalmente fedele al mio club. In futuro so però che arriverà un momento in cui dovrò operare una scelta per la mia carriera”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

British & Irish Lions: una nuova ipotesi. La serie contro il Sudafrica può disputarsi in Australia?

Un'idea suggestiva che potrebbe incontrare anche il gradimento delle parti

2 Febbraio 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Dai British & Irish Lions 2009 ai British & Irish Lions 2021: il punto di vista di Peter de Villiers

Non solo ricordi legati alle partite, ma anche a tutto l'indotto portato dalla selezione d'oltremanica

26 Gennaio 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Rassie Erasmus: “Pur di giocare contro i Lions siamo disposti a qualsiasi cosa”

Il responsabile tecnico degli Springboks esprime il suo punto di vista sulla vicenda

18 Gennaio 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

British & Irish Lions: petizione popolare, con richiesta di rinvio del tour al 2022

I tifosi si schierano dalla parte della storia itinerante della selezione, senza dimenticare l'indotto turistico sudafricano

13 Gennaio 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Joel Stransky: “Cancellare il tour dei Lions sarebbe un disastro”

Lo storico numero 10 degli Springboks vede un futuro nero per l'atteso scontro tra Sudafrica e Lions

item-thumbnail

British & Irish Lions: e se il Tour del 2021 contro il Sudafrica si disputasse “in casa”?

La clamorosa ipotesi è al vaglio: da valutare ci sono incastri economici, logistici, sanitari, finanziari e tecnici