E se Hoskins Sotutu giocasse con l’Inghilterra?

Scopriamo perchè e come il fenomeno dei Blues potrebbe vestire la maglia numero 8 della squadra di Eddie Jones

Hoskins Sotutu

Per quale nazionale giocherà Hoskins Sotutu? ph. AFP

Non più tardi di qualche giorno fa qui su OnRugby avevamo acceso le luci dei riflettori su Hoskins Sotutu, 22enne terza centro delle meraviglie con la maglia dei Blues. Esploso in queste prime settimane di Super Rugby Aotearoa, il poderoso lottatore neozelandese ha fatto girare praticamente tutte le teste più importanti di ovalia, e dato che la sua casella dei caps internazionali è ancora ferma a zero l’interesse è clamorosamente alto.

Leggi il nostro approfondimento: Hoskins Sotutu, l’uomo del momento

Giocatore che mette insieme potenza e velocità come pochi altri, in tre giornate di Super Rugby Aotearoa guida la classifica degli offloads e dei placcaggi positivi, è uno dei ball carrier primari della squadra e il secondo bersaglio preferito del lancio in touche. Benissimo, allora uno pensa che sembra logica conseguenza la maglia tutta nera degli All Blacks con Ian Foster che gli stringe la mano e lo “benedice” nella squadra più famosa di ovalia…Alt! Sarebbero addirittura tre le potenziali nazionali nelle quali potrebbe militare: nato e cresciuto in Nuova Zelanda, ha il papà originario delle Fiji (ma difficilmente lo vedremo con i pacifici) e la mamma dell’Inghilterra. Inghilterra? Come poteva allora Eddie Jones non intervenire per provare a convincere Sotutu a rappresentare il paese della madre? L’allenatore inglese si è già lanciato al lavoro per portarsi a casa il talentuoso numero 8. Un suo eventuale passaggio con la maglia tutta bianca potrebbe caratterizzare i prossimi anni del rugby europeo: vista la cronica emergenza infortuni nel ruolo, in particolare coi problemi di Billy Vunipola, un prospetto del genere potrebbe mettere le radici a Twickenham. Per le regole di World Rugby il giocatore sarebbe poi immediatamente convocabile da parte di Eddie Jones, e questo pur non militando in Premiership. La Rugby Union infatti ammette “circostanze eccezionali” che fanno saltare questo vincolo, e il caso-Sotutu sembra perfetto.

Lui che ha giocato con l’Under 20 neozelandese, ed è figlio di un ex-giocatore delle Fiji con 12 caps (compresa una sfida all’Inghilterra nel Mondiale 1999) potrebbe mettere insieme un terno da paura. Il ragazzo ha dichiarato qualche settimana fa che “La decisione definitiva, quando la prenderò, arriverà facilmente”. Bel problema scegliere tra due delle squadre più forti del mondo vero?

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telgram.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

British & Irish Lions, Gatland: “Farrell e Itoje in Championship? Nessun problema”

L'allenatore fa il punto della situazione a un anno dal tour e fa sapere che potrebbe esserci un nuovo membro nello staff tecnico

item-thumbnail

Chris Robshaw: la depressione e il ruolo di Conor O’Shea

Il giocatore inglese torna sul post Rugby World Cup 2015 ricordando quei tristi momenti

item-thumbnail

Giappone e Fiji: perchè entrano loro nell’8 Nazioni?

Dietro la scelta della rappresentativa nipponica e di quella isolana

item-thumbnail

British & Irish Lions: il XV di Brian O’Driscoll per il tour 2021 in Sudafrica

Il totem irlandese ha scelto la sua formazione ideale in vista della sfida agli Springboks

item-thumbnail

Rugby Championship o Test Match? Il Sudafrica ha scelto

La federazione dei campioni del mondo ha espresso la sua posizione per il futuro internazionale

item-thumbnail

Greig Laidlaw: “La Scozia può vincere il Sei Nazioni nei prossimi due o tre anni”

Il mediano di mischia lancia la sua profezia per il futuro