Irlanda, Munster: Thomond Park potrebbe cambiare nome per ragioni economiche

La franchigia irlandese deve risanare il suo debito con la Federazione e per farlo sta pensando a tutte le possibili alternative

ph. Paul Harding/Action Images

Da Lansdowne Road ad Aviva, da Ravenhill a Kingspan Stadium e da Musgrave Park a Irish Independent Park: gli stadi del rugby in Irlanda cambiano spesso nome per motivazioni economiche, una cosa che a breve potrebbe riguardare anche lo storico Thomond Park di Limerick.
Secondo quanto riporta il the42.ie infatti, una nuova denominazione dell’impianto aiuterebbe Munster a trovare soldi necessari a saldare il debito della franchigia con la Federazione Irlandese; che attualmente ammonta a 6.860.000 milioni di euro di euro.

La questione è ormai sul tavolo: il club, dopo aver rinegoziato il piano di rientro con la IRFU passando da 500.000 a 100.000 euro all’anno più ulteriori rimborsi su biglietti, merchandising e hospitality, ha consultato degli esperti in materia finanziaria cercando di capire se effettuando questa mossa si possano trarre dei reali benefici, anche perchè – di contro – qualcuno, annusata la notizia, si è già mosso per tutelare la “tradizione di un catino” che ha resistito lo scorrere del tempo.

Vendere i diritti di denominazione per uno stadio già esistente, rispetto a uno da costruire, non è facile – ammette il CEO federale Philip Browne – detto questo, sappiamo che vendere quelli dell’Aviva è stato un successo. I tradizionalisti continueranno a chiamarli con il loro vecchio nome, ma ormai il nuovo sta avanzando e l’accordo prolungato – in quel di Dublino – sino al 2025 è stata una cosa fantastica.
Il debito di Munster sta scendendo. A volte ottenere un pareggio e una perdita di bilancio non dipende dall’avere o meno una struttura da squadra professionistica, ma dai risultati che si conseguono sul campo; come ad esempio un cammino europeo più o meno lungo. Munster sta facendo bene il suo lavoro e siamo contenti di aver rinegoziato l’accordo-prestito con loro senza sottoporre nessuno a particolari pressioni”.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Tyler Bleyendaal dice basta a 29 anni

Il numero 10 della Red Army fermato da un infortunio al collo: la sua parentesi ovale sul campo è finita

21 Maggio 2020 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Mentre Hadleigh Parkes lascia il Galles, gli Ospreys cambiano proprietà

Diverse uscite annunciate dagli Scarlets. La franchigia di Swansea acquistata da un gruppo asiatico

14 Maggio 2020 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Prodigi ovali: John Cooney ha colpito la traversa eseguendo la Rabona

Il giocatore di Ulster si è cimentato nel Crossbar Challenge in maniera particolare

13 Maggio 2020 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Leigh Halfpenny ha deciso sul suo futuro

Il forte estremo gallese, dopo mesi di dubbi, ha praticamente scelto dove giocare dall'anno prossimo

21 Aprile 2020 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

La particolare squalifica di James Cronin

Il pilone di Munster e dell'Irlanda è stato fermato per un mese in seguito a una vicenda quantomeno curiosa

21 Aprile 2020 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

John Barclay: “Molti giocatori potrebbero aver giocato la loro ultima partita, senza saperlo”

L'avanti scozzese dedica un pensiero a molti dei suoi colleghi che dovranno appendere i propri scarpini al chiodo

21 Marzo 2020 Pro 14 / Altri club