Inghilterra: dentro 5 volti nuovi, mentre Cipriani lavorerà in separata sede

Torna Mike Brown, mentre il numero 10 di Gloucester e due illustri colleghi dovranno affrontare una preparazione fisica mirata a parte

Ph. Sebastiano Pessina

E’ incominciato domenica il nuovo raduno dell’Inghilterra di Eddie Jones in vista dell’appuntamento mondiale. La sede, stavolta, è Bristol, dove si sono radunati i 40 convocati di Eddie Jones, impegnati fino al prossimo 18 luglio, con qualche variazione rispetto alle precedenti convocazioni.

Dopo due training camp nella seconda metà del mese di giugno, infatti, lo staff tecnico inglese ha diramato nella prima settimana di luglio il gruppo allargato dei 38 giocatori impegnati nella preparazione della coppa del mondo.

Rispetto alla precedente lista, Jones ha ritenuto di aggiungere cinque nuovi giocatori in Mike Brown, Alex Dombrandt e Marcus Smith degli Harlequins, Tom Dunn di Bath e Ollie Thorley di Gloucester. Nonostante non fossero presenti nella prima lista, questi cinque giocatori hanno partecipato ai due training camp di giugno.

Per contro, tre nomi illustri vengono rimandati a casa: si tratta di Danny Cipriani, Anthony Watson e Sam Underhill, per i quali lo staff tecnico ha previsto un lavoro di preparazione fisica e atletica in separata sede, quindi non con i compagni nel raduno di Bristol.

Spiega così questa decisione l’head coach: “La nostra preparazione si deve assicurare che i giocatori siano al picco della forma alla coppa del mondo, non si tratta di essere pronti adesso. Pensiamo che alcuni giocatori beneficeranno dall’essere lontani dal camp per un po’ e affronteranno un po’ di lavoro mirato di preparazione atletica.”

“E’ importante che riusciamo a mantenere la squadra fresca e viva, e vogliamo assicurarci che ci sia quel pizzico di competizione cooperativa per la selezione.”

“Questa settimana siamo a Bristol per cambiare un po’ scenario. Abbiamo a disposizione ottime strutture e continuiamo a lavorare molto duramente soprattutto sulla parte fisica, ma anche sulla nostra abilità di implementare il nostro piano di gioco in questo condizioni di fatica. I giocatori che sono arrivati dopo la finale di Premiership incrementeranno il loro contributo, mentre gli altri sono già nella loro quarta settimana e incominciano ad essere vicini a una buona condizione atletica.”

L’Inghilterra chiuderà giovedì il camp di Bristol per ricominciare la preparazione alla Rugby World Cup il prossimo 22 luglio a Treviso, dove rimarrà fino al due agosto. Dopo la trasferta in Italia, affronterà tre test: una serie di andata e ritorno contro il Galles (11 e 17 agosto) e un match contro l’Irlanda (24 agosto). Sarà quindi la volta di una seconda trasferta a Treviso, dal 28 agosto al 5 settembre, prima di volare a Newcastle per affrontare proprio l’Italia a St. James’ Park, sede dell’ultima finale di Champions Cup.

 

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Nigel Owens ha temuto di non andare alla Rugby World Cup 2019

Un'eventualità poi fugata: Owens è stato l'arbitro della semifinale fra All Blacks e Inghilterra

27 Luglio 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: tutte le cifre del più grande evento sportivo dell’anno scorso

Una Coppa del Mondo vinta soprattutto fuori dal campo. Impatto eccezionale del turismo

24 Giugno 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

OnRugby Relive: Inghilterra v All Blacks, Rugby World Cup 2019 semifinal

Rivivi una delle partite rimaste nella storia della Coppa del Mondo

3 Maggio 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Richie Mo’unga e quei pochi attimi fatali

Il numero 10 è tornato nel dettaglio su un'azione della semifinale mondiale contro l'Inghilterra: un raro spaccato di cosa significa giocare a tale li...

14 Aprile 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Eddie Jones: “La nostra Rugby World Cup stava per impolodere”

Ma poi, svela l'head coach, la psicologa della squadra ha risolto la situazione

8 Aprile 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: 5 mete incredibili del Mondiale giapponese

Dalla realizzazione di Kenki Fukuoka a quella di George Bridge: la possibilità di rivivere alcuni momenti iridati

20 Marzo 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019