Inghilterra, verso la World Cup 2019: c’è un rebus sul capitano. Sono tre i possibili candidati

Eddie Jones vorrebbe confermare Owen Farrell, ma le alternative non mancano

ph. Sebastiano Pessina

Subire un parziale di 0-38 non deve essere stato piacevole, per lo più se stavi vincendo 31-0, eri in casa e giocavi contro la Scozia cercando di riprenderti davanti a i tuoi tifosi la Calcutta Cup. Ma è successo e questo ha riscatenato in Inghilterra mille questioni intorno alla nazionale guidata da Eddie Jones. Per il tecnico e la sua squadra non esiste il concetto di “pedalare in pianura”: o in discesa, com’è stato nel primo anno e mezzo e in qualche recente parentesi, o in salita, come sta avvenendo quasi ininterrottamente da dodici mesi. A tutto questo poi c’è da sommare lo spettro impaurito e nervoso dell’opinione pubblica inglese e del movimento rugbystico nazionale, che non vuole vivere una nuova Rugby World Cup come quella del 2015, quando i padroni di casa salutarono anzitempo la competizione venendo eliminati nella fase a gironi.
La carne al fuoco è tanta, le decisioni da prendere su ogni singolo aspetto diventano di vitale importanza, soprattutto in un caso: la scelta del capitano per i prossimi Mondiali. Ecco la possibile rosa dei papabili e le motivazioni per ogni singola scelta.

Owen Farrell: la continuità di Eddie Jones
Prima co-capitano, poi leader unico. Il mediano d’apertura sembra essere il prescelto dall’allenatore, che su Farrell ripone molte speranze. La leadership indubbiamente non gli manca, solo che spesso gli viene imputata la mancanza di freddezza: sono note a tutti infatti le sue entrate di spalla, spesso perdonate dagli arbitri a livello internazionale nei Test Match o nel corso degli incontri del Sei Nazioni. In molti, fra gli addetti ai lavori, temono però che la vetrina planetaria del Mondiale porti più attenzione fra i direttori di gara e questo faccia correre il rischio alla Rappresentativa della Rosa di finire le partite in quattordici. Altro punto a sfavore, contestato dall’opinione pubblica, è la gestione sul campo del gruppo durante la rimonta dei rivali scozzesi, poco più di sette giorni fa.

Maro Itoje: l’uomo a sorpresa del leading by example 
Ha saltato quasi tutto l’ultimo Sei Nazioni per un problema al ginocchio, riscontrato nella prima partita contro l’Irlanda, ma l’avanti dei Saracens – compagno di squadra di Farrell peraltro – è uno che ha sempre dato tutto, se non di più, quando ce n’è stato bisogno e non si è mai tirato indietro assumendosi spesso responsabilità non sue. Canta e porta la croce dimostrando in campo astuzia e questo scalda l’opinione pubblica a suo favore.

Dylan Harley: un comeback (forse) troppo clamoroso
Il primo capitano dell’era Eddie Jones, poi declassato a co-capitano, infine a soldato semplice. Gli infortuni lo hanno messo fuorigioco nell’ultimo periodo, ma qualcuno è pronto a giurare che non sarebbe stato comunque – in molti casi – della partita perchè non più nelle grazie dell’allenatore. In sua assenza, Jamie George ha dimostrato di meritarsi la maglia numero 2; certo che però non vederlo nemmeno nei trenta per il Giappone desterebbe scalpore.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

I migliori assist delle mete segnate alla Rugby World Cup

Un concentrato di creatività e altruismo, per alcuni delle marcature più iconiche della storia della Coppa del Mondo

27 Dicembre 2020 Foto e video
item-thumbnail

Rugby World Cup 2023: definite le date della prima parte delle qualificazioni europee

Rugby Europe Championship 2020 (in parte) e 2021 si svolgeranno nell'anno solare che sta per cominciare

17 Dicembre 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Rugby World Cup 2023: le reazioni degli allenatori ai sorteggi

Il pensiero dei coach sull'esito dell'estrazione di ieri a Parigi

15 Dicembre 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Rugby World Cup 2023: date, gironi e stadi del prossimo Mondiale

Tutto quello che c'è da sapere sulla prossima Coppa del Mondo di rugby

15 Dicembre 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Rugby World Cup 2023: Eddie Jones e il suo rapporto col Giappone

Il tecnico dell'Inghilterra sarà il "Grande Ex" della sfida fra i britannici e i nipponici

15 Dicembre 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

Rugby World Cup 2023: Franco Smith, Fabien Galthiè e Ian Foster dopo il sorteggio

Gli allenatori di Italia, Francia e Nuova Zelanda hanno espresso le loro sensazioni riguardo la terribile Pool A

14 Dicembre 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023