Inghilterra, verso la World Cup 2019: c’è un rebus sul capitano. Sono tre i possibili candidati

Eddie Jones vorrebbe confermare Owen Farrell, ma le alternative non mancano

ph. Sebastiano Pessina

Subire un parziale di 0-38 non deve essere stato piacevole, per lo più se stavi vincendo 31-0, eri in casa e giocavi contro la Scozia cercando di riprenderti davanti a i tuoi tifosi la Calcutta Cup. Ma è successo e questo ha riscatenato in Inghilterra mille questioni intorno alla nazionale guidata da Eddie Jones. Per il tecnico e la sua squadra non esiste il concetto di “pedalare in pianura”: o in discesa, com’è stato nel primo anno e mezzo e in qualche recente parentesi, o in salita, come sta avvenendo quasi ininterrottamente da dodici mesi. A tutto questo poi c’è da sommare lo spettro impaurito e nervoso dell’opinione pubblica inglese e del movimento rugbystico nazionale, che non vuole vivere una nuova Rugby World Cup come quella del 2015, quando i padroni di casa salutarono anzitempo la competizione venendo eliminati nella fase a gironi.
La carne al fuoco è tanta, le decisioni da prendere su ogni singolo aspetto diventano di vitale importanza, soprattutto in un caso: la scelta del capitano per i prossimi Mondiali. Ecco la possibile rosa dei papabili e le motivazioni per ogni singola scelta.

Owen Farrell: la continuità di Eddie Jones
Prima co-capitano, poi leader unico. Il mediano d’apertura sembra essere il prescelto dall’allenatore, che su Farrell ripone molte speranze. La leadership indubbiamente non gli manca, solo che spesso gli viene imputata la mancanza di freddezza: sono note a tutti infatti le sue entrate di spalla, spesso perdonate dagli arbitri a livello internazionale nei Test Match o nel corso degli incontri del Sei Nazioni. In molti, fra gli addetti ai lavori, temono però che la vetrina planetaria del Mondiale porti più attenzione fra i direttori di gara e questo faccia correre il rischio alla Rappresentativa della Rosa di finire le partite in quattordici. Altro punto a sfavore, contestato dall’opinione pubblica, è la gestione sul campo del gruppo durante la rimonta dei rivali scozzesi, poco più di sette giorni fa.

Maro Itoje: l’uomo a sorpresa del leading by example 
Ha saltato quasi tutto l’ultimo Sei Nazioni per un problema al ginocchio, riscontrato nella prima partita contro l’Irlanda, ma l’avanti dei Saracens – compagno di squadra di Farrell peraltro – è uno che ha sempre dato tutto, se non di più, quando ce n’è stato bisogno e non si è mai tirato indietro assumendosi spesso responsabilità non sue. Canta e porta la croce dimostrando in campo astuzia e questo scalda l’opinione pubblica a suo favore.

Dylan Harley: un comeback (forse) troppo clamoroso
Il primo capitano dell’era Eddie Jones, poi declassato a co-capitano, infine a soldato semplice. Gli infortuni lo hanno messo fuorigioco nell’ultimo periodo, ma qualcuno è pronto a giurare che non sarebbe stato comunque – in molti casi – della partita perchè non più nelle grazie dell’allenatore. In sua assenza, Jamie George ha dimostrato di meritarsi la maglia numero 2; certo che però non vederlo nemmeno nei trenta per il Giappone desterebbe scalpore.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019 – Le squadre: Tonga

Dice un proverbio tongano: Oua lau e kafo kae lau e lava. Che all’incirca dovrebbe tradursi come: rimani positivo e ringrazia per quello che hai...

23 luglio 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Inghilterra: i convocati per il primo training camp a Treviso

Eddie Jones ha scelto 38 elementi per la trasferta italiana

22 luglio 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

Francia, verso la Rugby World Cup 2019: Brunel non esclude modifiche al gruppo iridato

L'allenatore transalpino potrebbe mischiare le carte prima di volare alla volta del Giappone

22 luglio 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup – The History. Il videoracconto dell’edizione 1999 in Galles

Quarta puntata del documentario prodotto da OnRugby sulla Webb Ellis Cup raccontata dalla voce dei protagonisti

21 luglio 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: gli arbitri per le partite dell’Italia

C'è Nigel Owens per la sfida contro il Canada, che dirigerà anche la partita inaugurale. Anche un australiano e due inglesi per gli azzurri

19 luglio 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

La nuova maglia della Scozia per la Rugby World Cup

Tornano gli inserti in tartan sulla divisa che gli scozzesi indosseranno ai Mondiali in Giappone

19 luglio 2019 Foto e video
  1. Parvus 29 marzo 2019, 11:01

    mi viene da ridere quando ripenso a tutti i post che dicevano…, vinceremo con la scozia!!!!!
    quando saremo anche noi in grado di ribaltare una situazione così compromessa con l’inghilterra, come hanno fatto gli scozzesi, potremmo anche pensare di fare il contro pleo alla nazionale del cardo…, prima no…

    ma vederete il prossimo anno quanti post saranno dello stesso avviso…

    • Mich 1 aprile 2019, 10:30

      Premesso che concordo sul fatto che Scozia e Francia, a differenza di quanti molti sperano/sostengono, sono abbondantemente fuori dalla nostra portata, ma leggo un articolo sulle opzioni di leadership inglese alla RWC 19 e mi ritrovo un post critico e gratuito sulla nostra nazionale.
      Non è che la nostra situazione migliori se iniziamo a disseminare i forum di autocritiche gratuite. Non capisco nè il contributo nè il senso di questo intervento.

  2. Mich 1 aprile 2019, 10:32

    Premesso che concordo sul fatto che Scozia e Francia, a differenza di quanti molti sperano/sostengono, sono abbondantemente fuori dalla nostra portata, ma leggo un articolo sulle opzioni di leadership inglese alla RWC 19 e mi ritrovo un post critico e gratuito sulla nostra nazionale.
    Non è che la nostra situazione migliori se iniziamo a disseminare i forum di autocritiche gratuite e decontestualizzate. Non capisco nè il contributo nè il senso di questo intervento.

Lascia un commento