Romania: la restaurazione passa attraverso Marius Tincu

L’ex gloria della nazionale est-europea sarà coadiuvato dall’ex head coach Lynn Howells

ph. Sebastiano Pessina

La Romania si avvia a preparare il prossimo Rugby Europe Championship sotto l’egida di un nuovo, ma non poi così tanto, staff tecnico.

Dopo la brusca e rapida separazione da Thomas Lievremont avvenuta a inizio dicembre, appena tre mesi dopo il suo insediamento, la federazione delle Oaks ha ufficialmente annunciato chi prenderà le redini di una nazionale storica del panorama ovale internazionale, che sta però soffrendo una grande crisi di risultati e una profonda mancanza di ricambio generazionale.

Ad assumere il ruolo di allenatore in capo è Marius Tincu, con la carica di Caretaker Coach. Un traghettatore, insomma, un coach ad interim. Tincu, ex gloria della nazionale rumena con 53 caps fra il 2002 e il 2012, ha passato la sua carriera da giocatore in Francia, tallonatore per Rouen, Pau e Perpignan.

Nella Rugby World Cup 2007 segnò tre mete in quattro partite. A 41 anni vive quella che è sostanzialmente la sua prima esperienza importante da allenatore.

Al suo fianco ci sarà Lynn Howells, il tecnico gallese precedente selezionatore della nazionale rumena. Howells si era dimesso dopo la mancata qualificazione alla coppa del mondo in Giappone, avvenuta a causa della continuativa selezione di un giocatore equiparato violando il regolamento internazionale in proposito, ma comunque al termine di una serie di risultati deludenti della squadra nazionale.

Una sorta di restaurazione, quindi, in vista di un Rugby Europe Championship dove la Romania dovrà guardarsi dalle insidie di Russia e Spagna per rimanere la seconda forza del torneo.

 

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Sei Nazioni, Irlanda: si ferma Tadhg Beirne, out per le prime due del Torneo

Il seconda linea di Munster avrebbe potuto essere una delle novità per Schmidt, visto il momento di forma

21 gennaio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Slow Motion #32: Qualcosa rimane fra le pagine chiare e le pagine scure

Nonostante la stagione fallimentare, in Tolone ci sono ancora sprazzi di bellezza, come nella meta di Filipo Nakosi

21 gennaio 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Il meglio della sesta giornata di Champions Cup

Un tabellone intrigante, i Saracens pigliatutto e una coppia stellare per palati fini a Parigi. Questo e molto altro in Parole e numeri

21 gennaio 2019 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Inghilterra: “Johnny Sexton ha il batsegnale per gli arbitri” dice Eddie Jones

Secondo l'head coach della nazionale inglese, il 10 dell'Irlanda riceverebbe attenzioni speciali dai fischietti

21 gennaio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Serie B: tutto quello che è successo nell’undicesima giornata

Vincono Lumezzane, Casale e Villa Pamphili. Pareggio nel big match del Girone 2

item-thumbnail

Benetton, è solo l’inizio

La qualificazione ai quarti è svanita per una serie di dettagli, ma ci sono altri due obiettivi e un progetto sempre più convincente

21 gennaio 2019 Pro 14 / Benetton Rugby