Le preoccupazioni di David Pocock per il suo collo

L’australiano continuerà ad allenarsi per arrivare in forma il prossimo anno, ma intanto deve fare i conti con dei dolori persistenti

david pocock australia

ph. Sebastiano Pessina

La peggior stagione degli ultimi 60 anni non è l’unico motivo di apprensione per l’Australia di questi tempi. Mercoledì, a Sydney, David Pocock ha ritirato un premio assegnato dalla Rugby Union Player Association, ma il tema principale non è stato il riconoscimento per il fenomenale flanker dei Wallabies, bensì per le dichiarazioni rilasciate ai media presenti sul posto.

Il capitano australiano (76 cap con la nazionale) ha soprattutto espresso preoccupazione per il suo collo, visti i dolori con cui sta convivendo nelle ultime settimane, oltre ad annunciare che salterà il periodo di vacanza previsto dopo il tour in Europa. “[Il collo] Fa ancora male, ad essere onesti. Di solito a dicembre torno in Zimbabwe (suo Paese d’origine, ndr), ma quest’anno ho deciso di restare in Australia per cominciare a prepararmi al meglio in vista del prossimo anno – ha detto Pocock – Spero che il 2019 possa essere l’anno più importante per me nel rugby, e che possa giocare al mio massimo. Devo essere pronto fisicamente per riuscirci”.

“Sono realmente preoccupato per il mio collo. Mi sta causando un bel po’ di dolore. Nella tua mente, dopo che i dottori te lo hanno ricordato, pensi anche al fatto che c’è una vita dopo il rugby. Devo conviverci e gestirlo in maniera intelligente”.

Dopo essere tornato da un anno sabbatico trascorso proprio in Zimbabwe, insieme al nonno, Pocock ha vissuto da protagonista il travagliato 2018 dei Wallabies, capaci di vincere appena 4 partite su 12 tra Test Match e Rugby Championship. Il 30enne dei Brumbies è stato costantemente tra i migliori in campo per Michael Cheika, coach sempre più discusso in patria, ma ad un certo punto dell’anno Pocock ha cominciato ad attirare le attenzioni di analisti e media soprattutto per il trattamento ricevuto dai suoi avversari.

Sia il suo coach nel Super Rugby, Dan McKellar, sia lo stesso Cheika si sono lamentati per le tecniche irregolari utilizzate per evitare i grillotalpa di Pocock nel breakdown, dove secondo loro gli avversari puntavano costantemente a “pulire” il flanker prendendolo per il collo.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Super Rugby: ora è ufficiale. Dal 2021 saranno 14 le partecipanti, non ci saranno i Sunwolves

Nel comunicato Sanzaar si spiegano le ragioni di questa scelta e il nuovo format del torneo

22 marzo 2019 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Super Rugby: i Crusaders non cambieranno nome al momento

La franchigia neozelandese ritiene che la questione necessiti di un fisiologico tempo per rifletterne

21 marzo 2019 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Super Rugby: dal 2021 ci saranno solo 14 squadre. I Sunwolves dovrebbero essere esclusi

La franchigia giapponese non sembra aver riscosso nè l'interesse nè i risultati attesi dalla SANZAAR

20 marzo 2019 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Super Rugby: parole e numeri di un turno particolare

Il dramma di Christchurch ha portato alla cancellazione di Highlanders-Crusaders. I Chiefs hanno interrotto la striscia negativa

18 marzo 2019 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Super Rugby: i risultati della quarta giornata

Cosa è successo nel campionato australe, dove hanno vinto soltanto le squadre che giocavano in casa

10 marzo 2019 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

All Blacks: Kieran Read lascerà la Nuova Zelanda al termine della stagione 2019

Il terza linea dei Crusaders, dal prossimo anno, giocherà con il club nipponico Toyota Verblitz

6 marzo 2019 Emisfero Sud / Super Rugby