Il miglior giocatore italiano 2017/2018 è Matteo Minozzi

Battuto in finale Jake Polledri con una percentuale del 58% dei voti

minozzi

ph. Sebastiano Pessina

Matteo Minozzi è stato votato come miglior giocatore italiano della stagione 2017/2018. L’estremo della nazionale italiana e delle Zebre ha battuto nella finale del sondaggio di OnRugby con i lettori Jake Polledri, terza linea del Gloucester e degli azzurri.

Il premio di MVP è andato al 22enne padovano con una percentuale del 58% sui voti totali, che comprendono i sondaggi lanciati sul nostro sito e attraverso le Storie del nostro profilo Instagram (i votanti totali per questo round finale sono stati circa 3600). Nel corso del torneo, Minozzi (sorteggiato come testa di serie n. 1) aveva superato nei quarti Tommaso Allan e nelle semifinali Sebastian Negri. La corsa di Polledri si è invece arrestata dopo le vittorie su Carlo Canna e Tommaso Castello.

I risultati della finale nel dettaglio

Matteo Minozzi – Jake Polledri 58% – 42%

Minozzi
Sondaggio su OnRugby: 48% (quasi 2000 votanti)
Sondaggio su Instagram: 72% (quasi 1600 votanti)
Polledri
Sondaggio su OnRugby: 52% (quasi 2000 votanti)
Sondaggio su Instagram: 28% (quasi 1600 votanti)

Il tabellone riassuntivo

 

Minozzi è stata la grande rivelazione stagionale nel panorama professionistico italiano. Le sue qualità erano già note dai tempi dell’Under 20 e delle due annate trascorse al Calvisano, ma il salto dall’Eccellenza al Pro14 e al test rugby rappresenta di solito uno step mai scontato da superare. Il grande merito dell’ex Valsugana, invece, è stato proprio quello di aver fatto sembrare facile i suoi passaggi attraverso i vari livelli della palla ovale internazionale, fino all’importante riconoscimento dell’ingresso nella lista dei cinque migliori giocatori del Sei Nazioni 2018 (Andrea Masi è stato l’unico italiano a vincerlo nel 2011).

Rapidità nello stretto, cambi di passo e accelerazioni brucianti sono le caratteristiche salienti del giocatore, ossigeno puro per la manovra offensiva italiana da febbraio in avanti, ovvero quando O’Shea gli ha consegnato la maglia numero 15 titolare. Da quel momento, Minozzi non l’ha più tolta. L’estremo delle Zebre ha dimostrato di meritarsela pienamente a suon di mete (quattro in quattro partite consecutive) e di prestazioni nel complesso ampiamente sopra la media della nazionale italiana, sia per letture di gioco sia per abilità difensive nell’uno contro uno.

Su un campo sempre più intasato per via dei fisici imponenti del rugby odierno, un folletto come Minozzi (1,75m per 84kg, non è mai vano ricordarlo) è imprescindibile non solo per Zebre e Italia, ma anche per la palla ovale nel suo complesso, grazie alla sua unicità che lo rende diverso da tutti.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

La piccola rivoluzione del rugby femminile italiano

La FIR vuole incentivare lo sviluppo del rugby femminile a quindici, e adotterà la formula X Rugby proposta da World Rugby

20 luglio 2018 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Matteo Pratichetti ha annunciato il suo ritiro dal rugby

La decisione è arrivata a seguito dei persisteni problemi alle vertebre cervicali. Il centro aveva giocato 24 volte in nazionale

20 luglio 2018 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

FIR e Credito Sportivo firmano la convenzione per l’impiantistica

Siglato l'accordo che riguarda riqualificazioni di strutture e acquisti di attrezzature per l'alto livello

18 luglio 2018 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Dietro le quinte della nazionale: intervista con il video analyst David Fonzi

Da un decennio con gli azzurri, Fonzi ci ha spiegato suo lavoro, le tecnologie utilizzate e l'approccio ideale da avere con questo strumento.

17 luglio 2018 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Dove giocheranno gli azzurrini dell’ultimo Mondiale Under 20?

24 su 30 saranno impegnati nel massimo torneo italiano. Iachizzi resta a Perpignan, in due entreranno in Accademia

16 luglio 2018 Rugby Azzurro
item-thumbnail

Qual è l’identità dell’Italia?

Rispetto ad altre nazionali, gli azzurri stanno faticando a sviluppare una propria personalità complice una serie di fattori

9 luglio 2018 Rugby Azzurro / La Nazionale