Test Match giugno 2018: Irlanda ed Australia si vogliono testare in vista del Giappone

Inizia da Brisbabe una delle serie più attese di giugno

irlanda sexton 2018

ph. Sebastiano Pessina

La numero 2 conto la numero 4 del mondo, Folau contro Kearney, O’Mahony e Stander contro Hooper e Pocock: Irlanda-Australia  è tutto questo, ma anche molto altro.

Per Joe Schmidt, ad esempio, la serie contro gli Wallabies è la grande occasione per testare, ai massimi livelli, alcuni dei talenti più fulgidi sull’Isola di Smeraldo. Si pensi a Joey Carbery, scelto per iniziare gara1 della serie, a Brisbane, col numero 10 sulle spalle.

“Vogliamo che questo tour sia un altro step fondamentale nella costruzione del blocco squadra”, ha dichiarato il coach neozelandese. “Abbiamo grandi obiettivi per la prossima stagione, ma poche possibilità per valutare al meglio varie opzioni a nostra disposizione. Questa in Australia é una di quelle e la utilizzeremo al meglio. Per Joey Carbery sarà una bella sfida, ma siamo sicuri la possa vincere”, ha concluso l’ex Leinster.

L’Irlanda è reduce da 12 vittorie consecutive, ma l’Australia sa come si fermano le grandi strisce di succesi, visto cheche gli Wallabies, nell’ultima gara dello scorso ottobre fermarono quella quasi surreale degli All Blacks. Cheika si affida alla coppia navigata Genia-Foley in regia, per mantenere la barca sulla giusta rotta, e chiede a Folau (coadiuvato da Koroibete e Haylett-Petty) un lavoro superbo sulle palle alte che proporranno con costanza gli irlandesi. In mezzo al campo, invece, grande fantasia e solidità, con il tandem Kerevi Beale, che ha tutte le carte in regola per affrontare i rivali diretti (Aki-Henshaw), senza dover necessariamente pagar dazio. Sarà invece più interessante capire come reggerà il confronto il pacchetto degli avanti, che affianca a uomini di esperienza e classe mondiale anche un paio didi debuttanti.

Le formazioni

Australia: 15 Israel Folau, 14 Marika Koroibete, 13 Samu Kerevi, 12 Kurtley Beale, 11 Dane Haylett-Petty, 10 Bernard Foley, 9 Will Genia, 8 Caleb Timu, 7 Michael Hooper (c), 6 David Pocock, 5 Adam Coleman, 4 Izack Rodda, 3 Sekope Kepu, 2 Brandon Paenga-Amosa, 1 Scott Sio
A disposizione: 16 Tolu Latu, 17 Allan Alaalatoa, 18 Taniela Tupou, 19 Rob Simmons, 20 Lukhan Tui, 21 Pete Samu, 22 Nick Phipps, 23 Reece Hodge

Irlanda: 15 Rob Kearney, 14 Keith Earls, 13 Robbie Henshaw, 12 Bundee Aki, 11 Jacob Stockdale, 10 Joey Carbery, 9 Conor Murray, 8 CJ Stander, 7 Jordi Murphy, 6 Peter O’Mahony (c), 5 Iain Henderson, 4 James Ryan, 3 John Ryan, 2 Rob Herring, 1 Jack McGrath
A disposizione: 16 Sean Cronin, 17 Cian Healy, 18 Tadhg Furlong, 19 Quinn Roux, 20 Jack Conan, 21 Kieran Marmion, 22 Johnny Sexton, 23 Jordan Larmour

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

All Blacks: è arrivato il momento di Damian McKenzie

Smiley ha esordito da numero dieci a livello internazionale, e sabato dovrebbe partire da titolare vista la concussion di Barrett

item-thumbnail

Test Match, Rassie Erasmus fotografa gli Springboks: “Ci prendiamo le vittorie, ma c’è tanto da fare”

L'allenatore dei sudafricani analizza la situazione dei suoi citando anche il lavoro fatto da Coetzee

item-thumbnail

Test Match: due azzurri nel XV ideale del weekend di Planet Rugby

Matteo Minozzi e Jake Polledri nella formazione tipo del prestigioso portale ovale

18 giugno 2018 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Benjamin Fall non è stato squalificato dopo l’espulsione in All Blacks-Francia

La commissione disciplinare non ha ritenuto volontario o incauto il suo intervento. L'estremo sarà a disposizione per la terza sfida

item-thumbnail

I momenti migliori del secondo sabato di Test Match

Gli highlights delle partite più importanti giocate ieri, da Suva a Houston passando per Wellington, Melbourne e Bloemfontein

17 giugno 2018 Foto e video
item-thumbnail

Test Match: gli Stati Uniti battono la Scozia, il Galles domina i Pumas

Vittoria a sorpresa degli Eagles a Houston. L'Argentina perde ancora nettamente a Santa Fe