Super Rugby, Mark Ella: “Se non possiamo batterli, ingaggiamoli”

La leggenda Wallaby vorrebbe che le franchigie australiane di Super Rugby assoldassero giocatori neozelandesi

ph. Thomas Peter/Action Images

In una intervista diramata quest’oggi dalla Austalian Associated Press, l’ex mediano di mischia della nazionale australiana Mark Ella, 25 caps con gli Wallabies e figura leggendaria del rugby down under, si è espresso in favore del fatto che le franchigie australiane possano reclutare giocatori neozelandesi per cercare di alzare il proprio livello e rendere così il Super Rugby un campionato più equo.

Secondo Ella, infatti, lavorare a una maggiore libertà per i giocatori di trasferirsi all’estero potrebbe portare a una maggiore competitività e a un Super Rugby migliore, piuttosto che in una situazione come quella recente, dove le squadre neozelandesi sono padrone incontrastate del torneo.

“Dopo la sconfitta degli Waratahs contro i Blues lo scorso sabato non credo ci sia nessuna squadra australiana che possa batterne una neozelandese in questa stagione” ha detto Ella. Attualmente sono 38 le partite consecutive chele squadre australiane hanno perso contro un avversario neozelandese.

“Se non puoi batterli, ingaggiali. Immaginate che differenza potrebbe fare se i Brumbies mettessero sotto contratto Beauden Barrett o se i Waratahs reclutassero Brodie Retallick.”

L’idea di Ella non è tanto indirizzata ai club australiani, quanto alla SANZAAR, che governa il Super Rugby, e alle federazioni nazionali, per allentare i vincoli al trasferimento dei giocatori fra una nazione e l’altra.

“Ci sarebbe bisogno solamente di uno o due giocatori chiave neozelandesi per rendere le squadre australiane di nuovo competitive – ha proseguito Ella – Se i giocatori fossero liberi di giocare per una qualsiasi squadra del torneo, sarebbe di aiuto nel rendere il Super Rugby una competizione migliore e più equilibrata.”

Il ragionamento dell’ex mediano di mischia si concentra soprattutto sul rendere il Super Rugby un prodotto migliore e più appetibile quando si tratterà di negoziare l’imminente nuovo accordo per i diritti televisivi, pur sapendo che l’attuale politica di trattenere i giocatori nella propria nazione contribuisce a costruire squadre nazionali di livello più alto. Una questione di priorità che merita di essere esplorata, in particolare in una paese come l’Australia, dove un prodotto come il Super Rugby sta progressivamente perdendo attenzione.

 

 

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Coach Mida: tutto quello che Scott Robertson tocca diventa oro

La carriera del capo allenatore dei Crusaders ha un tasso di successo impressionante, e il futuro sembra serbargliene altro. Lui, però, vuole rimanere...

13 agosto 2018 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Il nuovo allenatore dei Jaguares

Sulla panchina della franchigia sudamericana arriva Gonzalo Quesada, dopo tanti anni passati in Francia

8 agosto 2018 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Super Rugby: il (sorprendente) XV della stagione scelto dalla SANZAAR

A gran sorpresa, solo 1 Crusader nella formazione ideale del torneo australe

7 agosto 2018 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Super Rugby: numeri e statistiche dall’altro mondo

Qualche dato che riassume la stagione appena conclusa, dai successi di Scott Robertson alle abitudini di McKenzie

6 agosto 2018 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

L’albo d’oro del Super Rugby

Come (non) cambia l'albo d'oro di Super Rugby dopo il trionfo dei Crusaders

5 agosto 2018 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Super Rugby: le reazioni dei protagonisti della finale di Christchurch

Robertson è soddisfatto, ma pensa già alla prossima stagione

4 agosto 2018 Emisfero Sud / Super Rugby