Il Bristol ha conquistato la promozione in Premiership con due turni d’anticipo

Mancava solo la certezza matematica, dopo un campionato dominato fin dall’inizio

pat lam

Pat Lam, allenatore del Bristol, in occasione della finale Connacht-Leinster del 2014/2015, a Murrayfield (ph. Sebastiano Pessina)

Il Bristol ha aritmeticamente conquistato la promozione in Premiership nell’ultimo turno giocato del Championship. Dopo un anno in seconda divisione, dunque, il club del sud ovest inglese torna subito nel massimo campionato nazionale, ottenendo la certezza matematica con due partite di anticipo sul calendario grazie alla vittoria sul Nottingham per 17-60.

In venti partite Bristol ha raccolto ben 93 punti, vincendo diciannove incontri e perdendone soltanto uno, e distanziando la seconda in classifica (gli Ealing Trailfinders) di diciotto lunghezze. Sul dominio di Bristol in campionato, del resto, c’erano ben pochi dubbi, anche solo guardando la composizione della rosa e dello staff tecnico, guidato da quel Pat Lam capace di portare Connacht al trionfo nel Pro12 2015/2016.

Il neozelandese, infatti, può contare su giocatori di spessore internazionale come Ian Madigan, ex Leinster e Bordeaux con 30 presenze con l’Irlanda, l’estremo australiano Luke Morahan (3 cap con i Wallabies), il mediano di mischia Rhodri Williams (3 cap con il Galles), il 14 volte All Blacks Steven Luatua, i nazionali tongani Siale Piutau e Soane Tongauiha e i samoani Jack Lam (cugino dell’allenatore) e Tusi Pisi.

La storia del Bristol negli ultimi anni è stata piuttosto unica nel suo genere. Tra il 2010 e il 2016, prima che venissero eliminati i playoff promozione dal Championship, il club ha vinto in cinque occasioni la regular season, perdendo tre volte la finale (2010, 2014, 2015) e una volta la semifinale (2012).

Dopo essere stato finalmente promosso in Premiership nel 2016, battendo Doncaster nel doppio confronto, Bristol è mestamente tornato in Championship nella scorsa stagione al termine di un campionato davvero negativo, in cui la prima vittoria è arrivata soltanto il 23 dicembre (all’undicesima giornata) e la retrocessione non era mai stata in discussione.

In vista del ritorno in Premiership, la società si è già mossa sul mercato per garantire una squadra più competitiva rispetto al disastroso 2016/2017, assicurandosi un giocatore di altissimo livello come Charles Piutau (16 cap con gli All Blacks) e un pilone di grande esperienza come John Afoa (anche lui ex All Black, 36 presenze).

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Premiership Rugby ha ufficializzato la retrocessione dei Saracens a fine stagione

I Campioni d'Europa giocheranno in Championship nel '20/'21

19 Gennaio 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Saracens rassegnati ad una nuova penalizzazione e alla retrocessione in Championship

Nei prossimi giorni verrà ufficializzato il secondo -35. La RFU ha garantito che i giocatori saranno convocabili in nazionale anche in caso di retroce...

18 Gennaio 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Saracens di nuovo sull’orlo del baratro

Se non riusciranno a rientrare nei limiti imposti dal salary-cap rischiano la retrocessione automatica

17 Gennaio 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Premiership, Saracens: i prossimi passi potrebbero essere dei tagli agli stipendi e alla rosa

In seguito agli oltre 5 milioni di multa, il club dovrà ridurre contratti e personale per rientrare nei parametri del salary cap

8 Gennaio 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Premiership: brilla la stella di Polledri, mentre Minozzi va ancora in meta

Il riassunto di quello che è successo in Inghilterra nel corso dell'ottava giornata

6 Gennaio 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Jonny Gray giocherà negli Exeter Chiefs dal prossimo anno

Dopo otto stagioni con i Glasgow Warriors, il seconda linea scozzese si trasferirà in Inghilterra

3 Gennaio 2020 Emisfero Nord / Premiership