Australia, Michael Cheika: “Lascerò il mio incarico se non vinceremo i Mondiali 2019”

Il ct dei Wallabies, dopo il secondo posto del 2015, vede solo due strade: migliorare o andarsene lasciando la sua eredità

ph. Sebastiano Pessina

“La via che vedo è questa: all’ultima Rugby World Cup siamo arrivati secondi, quindi solo la vittoria nella prossima edizione dei Mondiali potrà farci migliorare il risultato ottenuto; altrimenti è giusto che qualcun’altro abbia l’opportunità di farlo al mio posto”. Parole consegnate al Daily Telegraph dal coach dell’Australia Michael Cheika che si è dato quindi una specie di aut aut.

“Quello che vorrei – prosegue – è lasciare qualcosa di concreto: un’eredità tecnica su cui costruire qualcosa per le nazionali del futuro. La gente può pensare che ciò che dico sia poco importante, ma è un pensiero che mi viene da dentro. La World Cup sarà un’occasione per lasciare e lasciarsi qualcosa di concreto alle spalle: questo è l’obiettivo prossimo. Dobbiamo fare del nostro meglio. E il meglio è la prima cosa che deve arrivare”.

Cheika, che nella sua gestione ha un record di 24 vittorie su 45 incontri, ha detto anche di essere concentrato sulla creazione di strutture a medio-lungo termine per il rugby australiano.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Test Match, calendario novembre 2018: date, orari e luoghi dell’autunno ovale internazionale

Tutti i dettagli da sapere sulla prossima finestra internazionale

item-thumbnail

La federazione inglese mette pressione ad Eddie Jones

Steve Brown, CEO di RFU, si aspetta che l'Inghilterra vinca tutti i test del prossimo autunno

item-thumbnail

L’ultima vittoria di Sam Warburton

Che non ha portato ad una vittoria, ma al pareggio più memorabile nella storia recente del rugby

item-thumbnail

Sfruttare le fasi statiche in modo creativo

Mischia e touche sono sempre più utilizzate per lanciare schemi elaborati e fantasiosi. Due esempi dall'ultima stagione

item-thumbnail

Australia: i dubbi e le certezze di Michael Cheika

Dalla finestra estiva è uscita una nazionale sconfitta ma forte, in crescita e in grado di mettere in difficoltà anche i migliori

item-thumbnail

Israel Folau è stato squalificato per una giornata

La Federazione australiana ha già presentato ricorso. Punito il contrasto aereo con Peter O'Mahony nell'ultimo Test Match