La crescita in campo e il progetto Valorugby: Roberto Manghi parla del suo Reggio

Il coach dei Diavoli tra futuro del club, collaborazione con le aziende e percorso dei giovani

reggio

ph. Luigi Mariani

Per quasi quattro mesi il campionato del Reggio non è andato secondo le aspettative del suo tecnico Roberto Manghi, che a inizio stagione aveva fissato molto in alto l’asticella per l’Eccellenza 2017/2018. La squadra emiliana è stata l’ultima ad aver tolto lo ‘zero’ alla voce punti in classifica nel torneo, sbloccandosi solo alla sesta giornata con la vittoria contro la Lazio. Prima dell’ottava, inoltre, i Diavoli avevano la peggior difesa prima di inanellare un successo contro Mogliano e una sconfitta contenuta in trasferta contro San Donà.

La vera svolta, tuttavia, è arrivata nelle ultime tre giornate, in cui Reggio ha collezionato due sconfitte di misure contro Calvisano e Petrarca e una grande vittoria (con bonus offensivo) in trasferta contro le Fiamme Oro. Pur in ritardo, le qualità della squadra reggiana stanno venendo fuori. “Ultimamente la squadra si sta esprimendo bene, dimostrandosi all’altezza delle top 4 del campionato – ha detto Roberto Manghi in un’intervista alla Gazzetta di Reggio –  L’aspetto che ci soddisfa maggiormente è la crescita dei nostri giovani. Nell’ultima partita abbiamo vinto grazie anche alle mete dei vari Messori, Costella, Mordacci e Panunzi. Sono tutti ragazzi giovani, un patrimonio per questa società”.

Un club che Manghi non ha nessuna intenzione di lasciare, ma in cui vuole essere protagonista del progetto iniziato dalla dirigenza negli anni scorsi. “Non a caso, siamo già al lavoro per definire l’assetto della squadra per il prossimo campionato con l’inserimento di due giovani di prospettiva dal territorio e di due stranieri di qualità” – ha precisato.

Quando Manghi parla di “progetto”, si riferisce all’iniziativa denominata «Valorugby», favorita dall’incontro tra il Reggio e l’imprenditore Enrico Grassi, che segue due fili conduttori: la crescita dei giovani e delle aziende aderenti a «Valorugby». “I nostri giocatori trovano qui a Reggio le condizioni ideali per frequentare l’Università e progettarsi un futuro nel rugby o fuori dal campo – spiega Manghi – La collaborazione con le imprese del progetto Valorugby va in questo senso. Noi formiamo e garantiamo alle aziende dei ragazzi che possono essere realmente un valore aggiunto per loro. Fare l’Eccellenza e studiare, infatti, non è uno scherzo. Occorre tanta determinazione. Non tutti ce la fanno”.

Dal punto di vista strettamente ovale, invece, Reggio può contare sui legami instaurati con con l’Accademia o le Zebre, “la franchigia di riferimento con cui abbiamo un ottimo rapporto di collaborazione”. A proposito di giovani, Manghi assicura: “. Li aiutiamo a maturare e a diventare protagonisti. È una scelta che va oltre i risultati sul campo. Anche per questo ho voluto coinvolgere insieme a me, due giocatori di esperienza come Rimpelli e Rodriguez, alla guida dell’Under 18. Vogliamo dare continuità ad un percorso che parte dalle giovanili, accompagnando i ragazzi in un processo di crescita incentrato sui valori, umani e tecnici”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Il Viadana potrebbe riaprire la sua sezione femminile

La società giallonera partirebbe con una formazione delle giovanili. Intanto, dall'Accademia arriva Enrico Ghigo

12 giugno 2018 Campionati Italiani / Eccellenza
item-thumbnail

Eccellenza: i nuovi giocatori delle Fiamme Oro

Diversi protagonisti dell'Under 20 saranno agli ordini di coach Guidi. Simone Favaro entra a pieno titolo nell’organico del XV della Polizia di Stato...

8 giugno 2018 Campionati Italiani / Eccellenza
item-thumbnail

A Rovigo è ancora scontro tra società e comune

È (ri)nato tutto dalle dimissioni a sorpresa annunciate dal presidente Nicola Azzi, con conseguenti reazioni di Zambelli e sindaco

5 giugno 2018 Campionati Italiani / Eccellenza
item-thumbnail

Ufficiale: Michele Rizzo torna al Petrarca dopo nove anni

Il pilone avrà un ruolo anche da allenatore nell'Under 18 della società tuttanera

1 giugno 2018 Campionati Italiani / Eccellenza
item-thumbnail

Il nuovo Mogliano si presenta: Andrea Cavinato sarà il capo allenatore

Il presidente sarà Maurizio Piccin. Al fianco di Cavinato anche Salvatore Costanzo e Darrel Eigner

24 maggio 2018 Campionati Italiani / Eccellenza
item-thumbnail

Rovigo: tredici giocatori lasciano il club rossoblu

Tra questi i due stranieri Robertson-Weepu e Davies, ma anche Boggiani, Parker e Muccignat tra gli altri

22 maggio 2018 Campionati Italiani / Eccellenza