Sei Nazioni 2018: l’Italia femminile attende l’Inghilterra a Reggio Emilia

Di Giandomenico si affida all’esperienza delle veterane e a una panchina di esordienti (o quasi). Diretta tv su Eurosport 2

italia femminile

ph. Federugby

Per l’Italdonne è il momento di fare sul serio. Il Sei Nazioni femminile mette le Azzurre subito davanti all’avversario più forte, l’Inghilterra, nella sfida in programma al ‘Mirabello’ di Reggio Emilia. Dopo il ritiro di sette nazionali al termine dell’ultima Coppa del Mondo, Andrea Di Giandomenico ha operato un ampio ricambio generazionale, con diverse atlete già testate nel Test Match giocato a novembre contro la Francia a Biella.

In quell’occasione, sono stati fatali i famigerati ultimi venti minuti: le Azzurre erano in vantaggio 21-15 fino al 60′, salvo poi subire quattro mete che hanno consentito alle transalpine di rimontare e scavalcare un solco importante al fischio finale. La continuità di rendimento sarà probabilmente uno dei punti interrogativi lungo tutto il torneo per lo staff tecnico, a partire proprio dalla sfida di questo pomeriggio, vista la panchina composta quattro ragazze con un solo cap e tre pronte all’esordio.

Il loro impatto potrebbe essere l’ago della bilancia all’interno della partita, anche perché – come dimostrato a novembre – la formazione titolare ha le qualità per cercare di tenere il passo delle squadre più forti. Rispetto al test contro la Francia, inoltre, sulla trequarti rientrano due pedine importanti come Michela Sillari e Maria Magatti, che insieme a Manuela Furlan rappresentano le armi offensive più pericolose a disposizione dell’Italia. In terza linea, con Locatelli e Giordano, c’è Arrighetti, a completare una formazione che nel suo XV titolare guidato da capitan Barattin ha la giusta esperienza per affrontare una partita ostica contro le vice campionesse del mondo.

Tra le Red Roses non c’è Emily Scarratt, ma coach Middleton può contare su una formazione esperta guidata dal talento di Sarah Hunter e Mclean in cabina di regia. Una sola uncapped nei 23: è Charlotte Pearce, che parte dalla panchina.

Kick-off alle ore 18:30, diretta tv su Eurosport 2

Inghilterra: 15. Ellie Kildunne, 14. Abigail Dow, 13. Lauren Cattell, 12. Rachael Burford, 11. Danielle Waterman, 10. Katy Daley-Mclean, 9. Leanne Riley, 1. Rochelle Clark, 2. Lark Davies, 3. Sarah Bern, 4. Abbie Scott, 5. Tamara Taylor, 6. Poppy Cleall, 7. Marlie Packer, 8. Sarah Hunter
A disposizione: 16. Amy Cokayne, 17. Vickii Cornborough, 18. Justine Lucas, 19. Rowena Burnfield, 20. Izzy Noel-Smith, 21. Caity Mattinson, 22. Zoe Harrison, 23. Charlotte Pearce

Italia: 15 Manuela Furlan, 14 Sofia Stefan, 13 Michela Sillari, 12 Beatrice Rigoni, 11 Maria Magatti, 10 Veronica Madia, 9 Sara Barattin, 8 Isabella Locatelli, 7 Elisa Giordano, 6 Ilaria Arrighetti, 5 Valeria Fedrighi, 4 Valentina Ruzza, 3 Lucia Gai, 2 Melissa Bettoni, 1 Eleonora Ricci
A aisposizione: 16 Silvia Turani, 17 Giorgia Durante, 18 Michela Merlo, 19 Giordana Duca, 20 Beatrice Veronese, 21 Arianna Corbucci, 22 Jessica Busato, 23 Aura Muzzo

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Italia femminile: svelati gli stadi per gli appuntamenti del ’18/’19

Le azzurre giocheranno tra Puglia, Veneto, Lombardia ed Emilia-Romagna

item-thumbnail

La piccola rivoluzione del rugby femminile italiano

La FIR vuole incentivare lo sviluppo del rugby femminile a quindici, e adotterà la formula X Rugby proposta da World Rugby

20 luglio 2018 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Italia femminile: due test in Spagna a novembre?

Le azzurre potrebbero disputare un torneo a Valencia

19 giugno 2018 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Flavia Severin: la campionessa europea di pugilato che gioca e ama il rugby

Arrivare sul trono continentale della nobile arte passando per placcaggi e mischie. Ecco come si fa

15 giugno 2018 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Una carriera brillante, tra libri ed ovale: intervista a Michela Sillari

Abbiamo sentito l'utility back azzurra, che ci ha parlato di Sei Nazioni femminile e delle sue esperienze nel mondo di Ovalia

item-thumbnail

L’Italia femminile dopo il Sei Nazioni: parlano Barattin e Di Giandomenico

Il CT azzurro: "Esiste una scuola italiana di rugby che sa come affrontare le situazioni e allenare le giocatrici"