Test Match: i Flying Fijians non si smentiscono mai

A Narbonne è show fra sottomano, ricicli e grandi cavalcate delle Fiji contro il Canada

fiji

ph. Sebastiano Pessina

Metti una fredda serata di novembre a Narbonne, nel sud della Francia fra Montpellier e Perpignan. Terra di rugby che ha ospitato lo scorso sabato il test match internazionale fra Canada e Fiji. Il pubblico non era molto, data la mancanza di una squadra di casa, ma non per questo lo spettacolo è mancato. Il merito è soprattutto della squadra isolana, che con un sonoro 57 a 17 hanno legittimato il proprio status nei confronti di un Canada mai in grado di arginare lo strapotere fisico e tecnico dei figiani.

Nove mete il conto totale presentato al Canada, segnate da otto interpreti diversi e condite da una meta tecnica ottenuta da mischia chiusa. La bellezza delle marcature è cresciuta con l’andare del tempo: la meta di Lomani a fine primo tempo propiziata da un incredibile offload sottomano di Josua Tuisova, quella di Nakarawa dove lo stesso seconda linea si esibisce in un basket pass stupendo, il contrattacco dai propri 22 che vale il 52 a 17, la partita di Sevens giocata in quindici in occasione dell’ultima meta.

Prestazioni notevoli da parte di Tuisova, ingestibile per la difesa, del solito Nakarawa e del suo compagno di seconda linea Peceli Yato, ventiquattrenne che milita a Clermont di cui sentiremo parlare ancora.

 

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Test Match: i 33 convocati degli All Blacks per la serie di giugno contro la Francia

In assenza di Kieran Read, Whitelock sarà il capitano. Tre i potenziali debuttanti

item-thumbnail

Australia, verso la Rugby World Cup 2019: Cheika lancia un ultimatum a Quade Cooper

Il selezionatore dei Wallabies ha "minacciato" l'apertura di non considerarlo più per la nazionale

item-thumbnail

Test Match 2018: Galles, dopo le convocazioni qualche modifica necessaria

Un infortunio e i giocatori militanti nel Campionato Inglese costringono Gatland a rivedere la sua rosa

item-thumbnail

Un rugby più leale, non più morbido: Nigel Owens risponde a James Haskell

L'arbitro gallese è tornato sulle recenti dichiarazioni dell'inglese. E porta alcuni esempi di giocatori "duri" e non "sporchi"

item-thumbnail

Inghilterra, Eddie Jones al veleno: “I giocatori inglesi sono degli egoisti”

L'allenatore della Rappresentativa della Rosa non risparmia i suoi e riserva una frecciatina a Cipriani

item-thumbnail

I convocati dell’Inghilterra per i Test Match in Sudafrica

C'è Brad Shields, ma soprattutto Billy Vunipola. Otto gli esordienti in totale (con un'apertura classe '99). Il capitano è Farrell