All Blacks: Steve Hansen, conferme verso l’addio dopo il 2019

Per il dopo Hansen, il CEO Tew fa quattro nomi. Tre allenano in Europa

steve hansen all blacks

ph. Sebastiano Pessina

Dopo la RWC del 2019, gli All Blacks potrebbero cambiare allenatore. Dopo le voci dei mesi scorsi, nei giorni precedenti all’esordio contro i Lions i media neozelandesi avevano rilanciato la questione, avvalorata dalle parole del diretto interessato, coach Steve Hansen.

 

Penso che senza un totale impegno da parte mia e del mio staff – ha dichiarato il tecnico a Staff– sia poco produttivo continuare a stare sulla panchina degli All Blacks. Stiamo parlando con la Federazione per individuare quali persone termineranno l’impegno tecnico e quali invece potranno prolungarlo nei prossimi anni. Ci sono alcuni buoni candidati che abbiamo individuato“.

 

Dichiarazioni che sanno di commiato e che riprenderebbero le parole espresse da Wayne Smith, che di Hansen è stato assistente per lungo tempo e che ha deciso anch’egli di lasciare gli All Blacks; alla fine, però, del Championship 2017. Una situazione in via di definizione più di quanto si pensi, con programmazione e futuro: in pieno stile All Blacks. Tanto che sempre dalle pagine del sito neozelandese spunta il candidato forte alla sostituzione di Hansen: Ian Foster, altro componente dello staff della nazionale numero uno al mondo che ha recentemente rinnovato.

 

Ma le recenti parole del CEO Steve Tew guardano anche verso l’Europa. “Ian Foster è un candidato forte, ma ce ne sono altri – ha dichiarato al Guardian – Joe Schmidt si trova in Irlanda ma ci piacerebbe portarlo a casa. Vern Cotter allena a grandi livelli e nemmeno Warren Gatland può essere escluso. Non sappiamo cosa farà Steve Hansen, ma vogliamo farci trovare pronti. A fine anno inizierà il processo di ricerca ed eventuale selezione”.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

E se Hoskins Sotutu giocasse con l’Inghilterra?

Scopriamo perchè e come il fenomeno dei Blues potrebbe vestire la maglia numero 8 della squadra di Eddie Jones

item-thumbnail

“Non canterò più Swing Low, Sweet Chariot “, lo dice il CEO della Federazione Inglese

In Inghilterra continua a far discutere il canto dei tifosi della Nazionale della Rosa

item-thumbnail

Francia: Galthié svela alcuni retroscena del ritiro internazionale di Jefferson Poirot

Il ct della nazionale transalpina offre un punto di vista diverso alla vicenda

item-thumbnail

Eddie Jones lancia l’allarme: “Il rugby? Sta diventando troppo simile al football americano”

Il coach dell'Inghilterra analizza l'evoluzione del gioco negli ultimi vent'anni

item-thumbnail

World Rugby approva 10 regole sperimentali per la ripartenza del gioco

Il governo ovale mondiale vuole aiutare le federazioni nazionali a ricominciare nel più breve tempo possibile