Italia, è il grande giorno. Tra poche ore comunicata la lista dei 31 giocatori iridati

L’elenco di chi volerà ai Mondiali inglesi è difficile da intuire. Ma qualche considerazione può essere fatta…

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

Ci siamo. Nel primo pomeriggio, e più esattamemte alle ore 14, lo staff azzurro annuncerà i 31 convocati per il Mondiale inglese. La lista attuale comprende 34 giocatori, e gioco forza saranno tre di questi a non staccare il pass iridato, escludendo quasi con certezza un clamoroso ritorno di Biagi e Favaro, in campo coi rispettivi club ma non con l’Italia (giocare quaranta minuti di amichevole pre stagionale con la propria squadra è ben diverso dal giocare un Mondiale). La lista dei prescelti è molto difficile da intuire, tanto più che lo stesso Brunel ha dichiarato che decisive sono state soprattutto le valutazioni fatte durante i tre ritiri. Qualche considerazione, comunque, la possiamo fare.

 

La sensazione è che una delle scelte potrebbe essere tra Vunisa e Barbieri, giocatori abbastanza simili. A rigor di logica, ma anche per quanto fatto vedere sabato a Torino, il posto potrebbe spettare all’ex terza linea delle Zebre, tra i migliori dell’Olimpico. Capitolo mediani di mischia: andare via con due e basta, di cui solo uno al 100% numero nove di ruolo, è un azzardo. Dove si potrebbe avere un’altra esclusione è allora in seconda linea, dove quattro giocatori più Minto adattabile sembrano sufficienti. Poste le presenze di Furno e Geldenhuys, le altre tre seconde sono Bortolami, Bernabò e Fuser. Il primo in un Mondiale potrebbe servire dentro ma anche fuori dal campo, il secondo contro la Scozia ha dimostrato voglia e sacrificio, il terzo potrebbe a questo punto non volare a Londra. L’ultimo “non posto” potrebbe allora andare a discapito di una prima linea o di un trequarti, aperture escluse per evidenti ragioni di coperta ai limiti del non pervenuto. La bombarda di Garcia è indispensabile? Forse in una partita punto a punto come potrebbe essere con la Francia o l’Irlanda, ma difficilmente il centro bianconero è così avanti nelle gerarchie da partire nelle due partite decisive del nostro Mondiale. Benvenuti quel poco che ha fatto sabato (o meglio, quel poco che quella partita gli ha concesso di fare), lo ha fatto con voglia e trovando un break e vincendo più volte la linea del vantaggio, ma è in forse per un problema al ginocchio rimediato proprio contromla Scozia. Ma, più semplicemente, potrebbe essere uno tra Esposito e Visentin a non entrare nei 31. E voi chi portereste al Mondiale?

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Italia: Kieran Crowley dice la sua sul poco utilizzo degli azzurri in Inghilterra

Il commissario tecnico torna a parlare delle sue scelte verso il Sei Nazioni 2022 ormai sempre più vicino al suo inizio

17 Gennaio 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Toa Halafihi: “Sarebbe bello giocare con Parisse. In azzurro per andare oltre i limiti”

Il terza linea del Benetton è carico per guadagnarsi un posto nel prossimo Sei Nazioni, portando all'Italia tutta la sua fisicità

14 Gennaio 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Crowley: “Il minutaggio di Varney? Un Problema. Vogliamo fare un passo avanti”

L’head coach azzurro in conferenza stampa commenta le sue scelte verso il Sei Nazioni

14 Gennaio 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Eleggibili, Parisse e Zebre: Kieran Crowley racconta le sue scelte

L'head coach degli Azzurri motiva le esclusioni di Minozzi e Canna

13 Gennaio 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: i convocati per il raduno in preparazione al Sei Nazioni 2022

Kieran Crowley ha selezionato 33 atleti per l'appuntamento di Verona

13 Gennaio 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

La diretta Streaming dell’annuncio dei convocati dell’Italia per il Sei Nazioni 2022

A partire dalle ore 15 il ct Krowley renderà noti i nomi del gruppo azzurro per le prime due giornate del Six Nations

13 Gennaio 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale