L’Italia torna a sorridere e a vincere: Samoa battuta 24 a 13

La Banda Brunel si toglie di dosso paure e timori e torna a imporsi al termine di una gara combattuta. Molto bene Haimona

ph. Sebastiano Pessina

La nazionale del Pacifico inizia con il piede sull’acceleratore e cerca di sorprendere in velocità la nostra difesa battendo con un calcetto una punizione nei nostri 22 metri ma gli azzurri non si disuniscono e allontanano il pericolo.
Prima fase della gara che dopo questa fiammata si stabilizza con una squadra azzurra che sembra però determinata, difende bene e mostra idee molto chiare. Al 9′ prima possibilità di andare a punti con un piazzato di Haimona conquistato con una mischia ordinata e il giocatore – al debutto in nazionale – non sbaglia: 3 a 0.
Azzurri che non mollano, avanzano con il baricentro e tengono lontani gli avversari dalla propria metà campo. Buone anche alcune proposizioni offensive caratterizzate però da qualche errore di precisione di troppo che impedisce di andare a marcare. Al 19′ deve uscire Leonardo Sarto per u colpo alla testa ed entra Toniolatti.
Al 21′ bella iniziativa di Haimona che si porta avanti con un calcetto e conquista una punizione dentro i 22 metri samoani ma la palla non centra i pali e si rimane sul 3 a 0. Al 26′ la possibilità di calciare è invece per gli ospiti che da posizione molto favorevole non possono sbagliare ed è pareggio.
Al 30′  folata samoana con Tuifua che si invola verso la meta ma Gori lo ferma e riesce anche a tenere alto il pallone. La meta ospite arriva però nel giro di un paio di minuti con una maul avanzante finalizzata da Jack Lam e poi realizzata da Tusiata Pisi: si va sul 3-10.
immediata reazione italiana con una bella azione di Campagnaro che però perde il pallone dalle mani. L’inerzia della gara dopo una prima mezzora di marca azzurra cambia di mani e vede gli ospiti più propositivi e Banda Brunel che sembra tirare un po’ il fiato. Si gioca fino al 42′ ma il risultato non cambia: 3-10.

 

Il secondo tempo si apre con una punizione conquistata dall’Italia in posizione piuttosto centrale, appena fuori dai 22 metri, da dove Haimona non può sbagliare e si va sul 6-10. Cinque minuti dopo una maul avanzante regala agli azzurri la meta marcata da Simone Favaro, uno dei migliori i campo. Haimona colpisce il palo e azzurri avanti 11 a 10 ma il vantaggio dura poco perché al 51′ una punizione per un fallo evitabile riporta i samoani a +2. Altri due giri di orologio ed è Haimona che ha una nuova possibilità di piazzare la pedata: non sbaglia e Italia ancora avanti di un punto.
Le squadre però sono un po’ più indisciplinate rispetto al primo tempo e al 56′ sono di nuovo i pacifici ad avere la palla del nuovo controsorpasso, ma stavolta Tusiata Pisi non è preciso e l’Italia conduce 14 a 13.
C’è il tempo per un piazzato preciso ma corto di Haimona che arriva la seconda meta azzurra con Parisse, bravissimo ad allungarsi per prendere un bellissimo calcetto a scavalcare dello stesso Haimona: 21 a 13, Italia oltre il break.
Azzurri che vogliono chiudere la gara,  lottano su ogni pallone e mettono in grande difficoltà la retroguardia avversaria che anche con un po’ di fortuna si salva.
Al 73′ l’Italia vince una mischia importante  e conquista un piazzato che Haimona – davvero positiva la sua gara – mette tra i pali: 24 a 13. Samoa spinge fino all’ultimo ma non ottiene niente, finisce qui: l’Italia vince con merito e grande orgoglio una partita non facile e si mette alle spalle (si spera) un periodo davvero nero.

 

Italia: 15 Andrea Masi, 14 Luke Mclean, 13 Michele Campagnaro, 12 Luca Morisi, 11 Leonardo Sarto, 10 Kelly Haimona, 9 Edoardo Gori, 8 Sergio Parisse (c), 7 Simone Favaro, 6 Alessandro Zanni, 5 Joshua Furno, 4 Quintin Geldenhuys, 3 Dario Chistolini, 2 Leonardo Ghiraldini, 1 Matias Aguero
Riserve: 16 Andrea Manici, 17 Alberto De Marchi, 18 Lorenzo Cittadini, 19 Marco Bortolami, 20 Robert Barbieri, 21 Guglielmo Palazzani, 22 Luciano Orquera, 23 Giulio Toniolatti.

 

Samoa: 15 Fa’atoina Autagavaia, 14 Ken Pisi, 13 Johnny Leota, 12 Alapati Leiua, 11 David Lemi (c), 10 Tusiata Pisi, 9 Kahn Fotuali’i, 8 Taiasina Tuifua, 7 Jack Lam, 6 Piula Fa’asalele, 5 Fa’atiga Lemalu, 4 Kane Thompson, 3 Anthony Perenise, 2 Ti’i Paulo, 1 Sakaria Taulafo.
Riserve: 16 Ole Avei, 17 Albert Toetu, 18 Viliamu Afatia, 19 Teofilo Paulo, 20 Maurie Faasavalu, 21 Pele Cowley, 22 Michael Stanley, 23 Winston Stanley.

 

Marcatori per l’Italia
Mete: Favaro (47), Parisse (65)
Conversioni: Haimona (66)
Punizioni: Haimona (9, 43, 55)

 

Marcatori per Samoa
Mete: Jack Lam (32)
Conversioni: Tusiata Pisi (33)
Punizioni: Tusiata Pisi (27, 51)

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Kieran Crowley: “Italia hai ritrovato fiducia ma c’è ancora molto da fare”

Il tecnico degli azzurri parla di credibilità ritrovata, di capitan Michele Lamaro e di quanto ami il nostro paese

6 Dicembre 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

La stampa estera: “L’Italia ha dato segnali promettenti, diamole il tempo di crescere”

Dylan Coetzee, giornalista di Planet Rugby, ha tracciato un dettagliato bilancio della stagione azzurra

4 Dicembre 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

“Kieran, ti piace come gioca l’Italia?”

L'inconsueta domanda del presidente della Federazione Italiana Rugby Marzio Innocenti al Commissario Tecnico

2 Dicembre 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Ange Capuozzo è nel XV ideale di Planet Rugby per le Autumn Nation Series 2022

Menzioni d'onore anche per Michele Lamaro e Ignacio Brex

29 Novembre 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Lorenzo Cannone: “Con l’Italia è stato un novembre positivo. Ora testa alle gare col Benetton”

L'avanti ripensa al mese internazionale appena concluso proiettandosi verso il futuro

item-thumbnail

Grazie Italrugby, e adesso al lavoro verso il Sei Nazioni 2023

Qualche riflessione su cosa ci lascia il novembre azzurro

21 Novembre 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale