Addio Madiba, il mondo piange Nelson Mandela

La notizia purtroppo è arrivata: in Sudafrica è morto un uomo capace di unire una nazione divisa dal razzismo. Anche grazie al rugby

Action Images

Questa volta non ce l’ha fatta, l’infezione polmonare è stata più forte di questo piccolo grande uomo. Nelson Mandela ci ha lasciati, a 95 anni, dopo essere stato più volte ricoverato negli ultimi mesi.
I medici avevano registrato un miglioramento. Ora, purtroppo la tristissima notizia della morte di Madiba.
Nelson Rolihlahla (che significa “piantagrane”) Mandela era nato il 18 luglio 1918 a Mvezo, un villaggio del Transkei (sud-est) da una famiglia di sangue reale Xhosa, una delle principali etnie sudafricane. Studia Legge e si avvicina all’African National Congress (Anc), il primo partito fondato (nel 1912) dai neri in Sudafrica. La vittoria del razzista Fronte nazionale nelle elezioni del 1948 radicalizza le sue posizioni e nel 1961 fonda il braccio armato dell’Anc, l’MK (Umkhonto we Sizwe, ‘Lancia della Nazione’), dedito ad azioni di sabotaggio, guerriglia, addestramento paramilitare. Nell’agosto del 1962 viene arrestato e condannato a 5 anni di carcere per attività sovversive ed espatrio illegale dopo essere rientrato da una lunga missione in Africa e Europa. Un’altra condanna, questa volta ai lavori forzati a vita, giunge nel 1964. Dal banco degli imputati, Mandela pronuncia un celebre discorso in difesa del diritto degli oppressi alla lotta armata come ultima risorsa contro la violenza degli oppressori. Proclama però anche il suo ideale di società non razzista con uguali diritti per bianchi e neri. Un ideale per cui proclama di essere pronto a morire. Mandela viene trasferito nel carcere di massima sicurezza di Robben Island, al largo di Cape Town. Ci passerà 18 dei suoi 27 anni di prigione: verrà liberato il 2 febbraio 1990. Il suo capolavoro politico è quello di tenere insieme un paese che sembrava sull’orlo della guerra civile dopo l’abolizione dell’apartheid. Per riuscirci “userà” anche i Mondiali di rugby del 1995: sport “bianco” per eccellenza, trasforma gli Springboks da simbolo di una minoranza a bandiera della nazione arcobaleno. Mandela è stato uno dei giganti del XX secolo. Ci mancherà tantissimo.
onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Italia: Tommaso Menoncello fuori per le prime due partite del Sei Nazioni

Lo ha annunciato Kieran Crowley, che ha anche detto che i giocatori più giovani potrebbero essere rilasciati alla under 20

28 Gennaio 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, Crowley: “Al Sei Nazioni sempre in campo con il miglior XV”

Il tecnico neozelandese ha detto che non farà turnover per puntare ad una partita in particolare

28 Gennaio 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni 2022: il calendario delle partite del Galles

Tre trasferte molto impegnative per i Dragoni campioni in carica

28 Gennaio 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

E infine accadde: gli Exeter Chiefs cambiano logo

Il club mantiene il nome, ma cambia il simbolo del pellerossa con uno di più appropriata appartenenza culturale

27 Gennaio 2022 Foto e video
item-thumbnail

Sei Nazioni: TikTok sarà il title sponsor del Torneo femminile

Accordo di partnership con la piattaforma social che comprenderà anche le altre categorie della competizione e i test autunnali

27 Gennaio 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Benetton: tre esordienti nella formazione che sfiderà i Dragons

Giacomo Da Re e Matteo Meggiato in campo. Tommy Bell in panchina. Insieme a loro tanti giovani per una sfida fondamentale