Tommaso D’Apice vestirà il bianconero: matrimonio con le Zebre a un passo?

Il tallonatore avrebbe già raggiunto l’accordo con la franchigia che si ritrova con un tassello vuoto dopo l’addio di Festuccia

ph. Max Rossi/Action Images

Una partenza improvvisa e un arrivo che è ed era nell’ordine delle cose. Qualche ore fa vi abbiamo raccontato dell’addio di Carlo Festuccia alle Zebre, con il prima linea che andrà a rimpolpare l’organico dei London Wasps. Una destinazione di grande prestigio per un giocatore magari non più di primo pelo ma di grande qualità e quantità, un giusto coronamento per una carriera davvero importante di un atleta che ha dato molto al rugby italiano.
Ora però là davanti si apre un buco nella rosa della franchigia bianconera, un buco che però sarebbe già stato tappato. Secondo alcune informazioni giunte a OnRugby coach Cavinato potrà infatti contare su Tommaso D’Apice, l’anno scorso a Gloucester e ora senza contratto. Il 25enne di Benevento avrebbe già raggiunto l’accordo con la franchigia e l’annuncio ufficiale dovrebbe arrivare a stretto giro.
Una destinazione “naturale” per un giocatore non ancora del tutto sbocciato e che può dare un contributo importante anche in chiave azzurra.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Due avanti e tre trequarti lasciano le Zebre risolvendo il loro contratto

Novità importanti in casa ducale con le uscite di quattro giocatori stranieri e un senatore

item-thumbnail

Zebre: dal mercato arrivano Joey Caputo e Franco Smith Jr

Gli emiliani aggiungono due trequarti alla loro rosa, in vista della prossima stagione

item-thumbnail

Zebre: rinnovo per Chris Cook

A Parma almeno per un altro anno

item-thumbnail

Zebre: per la mediana ecco l’inglese Tiff Eden da Bristol

Il 27enne britannico arriva dopo aver maturato esperienze tra Premiership e Challenge Cup nelle ultime stagioni

item-thumbnail

Zebre: colpo in mediana con l’arrivo del Pumas Gonzalo Garcia

Il 23enne passa dal Valorugby alla formazione ducale ed è pronto per il debutto nel prossimo URC. Prima però un'estate argentina