New Zealand Maori, Jamie Joseph lascia la panchina

Il coach degli Highlanders lascia la selezione per pensare solo agli Highlanders, 10 ko in 11 partite in questa stagione

In teoria non si chiamano più nemmeno così – New Zealand Maori – ma Maori All Blacks, ma fatevi un giro sulla stampa neozelandese e guardate un po’ come vengono chiamati… Comunque, forse è stata l’annata finora disastrosa degli Highlanders a spingere Jamie Joseph a prendere la decisione di lasciare la panchina dei New Zealand Maori, pardon Maori All Blacks, ma alla fine poco cambia perché questo è il succo della storia: l’head coach della franchigia di Dunedin (10 ko in 11 partite nel Super Rugby in corso) ha deciso di dire basta alla selezione, atteso a novembre in nordamerica per due partite contro Canada (3 novembre, Toronto) e USA (il 9, a Philadelphia).
La NZRU sta ora cercando un sostituto e intanto si registra un’autocandidatura: è  quella dell’ex allenatore di Hurricanes e Taranaki Colin Cooper.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Quattro stelle di Tolone per i Barbarians

Inizia a definirsi la squadra per la sfida all'Inghilterra XV del 2 giugno prossimo, in cui ci sarà anche l'esordio delle ragazze

item-thumbnail

E se fosse Warren Gatland il nuovo allenatore della Francia?

Il tecnico neozelandese è ambito da molte squadre fra cui anche i Bleus, che intanto pensano a O'Gara per la RWC

item-thumbnail

British & Irish Lions: la scelta del prossimo tecnico passa del Sei Nazioni, ma attenzione a Hansen

Gatland, Schmidt e Jones sono in lizza. All'orizzonte però ci potrebbe essere un clamoroso accordo col tecnico degli All Blacks

item-thumbnail

Americas Rugby Championship: l’Argentina XV fa en plein

Grande Slam per la seconda selezione argentina, che ha battuto nettamente il Cile nell'ultima giornata del torneo delle Americhe

item-thumbnail

La partita più importante nella storia del rugby olandese

Sabato si gioca la partita decisiva del Rugby Europe Trophy, seconda divisione dell'ovale europeo fuori dal Sei Nazioni