L’Australia impatta gli All Blacks (18-18) che dicono addio al record

Partita senza mete a Brisbane. Australia avanti ma si fa raggiungere da Carter. E i tuttineri si fermano a 16 vittorie di fila

ph. Daniel Munoz/Action Images

A Brisbane la Nuova Zelanda doveva scacciare il ricordo dell’ultimo ko subito, ormai datato luglio 2011. L’Australia quel giorno la sconfisse nettamente e vinse l’ultimo Tri-Nations. Ora è passato un anno abbondante, i wallabies vengono da un Mondiale non all’altezza delle aspettative (e comunque sono arrivati in semifinale) e soprattutto da un Rugby Championship molto deludente. Gli All Blacks invece da allora hanno vinto tutto: il Mondiale, ma anche il Rugby Championship e tutti i test-match.
Una Nuova Zelanda lanciatissima verso il record di vittorie consecutive (17 tra le nazioni “evolute” rugbisticamente, poi c’è il 18 della Lituania), che avrebbe eguagliato in caso di vittoria. Cosa che però non è avvenuta. A Brisbane infatti il risultato finale si fissa sul 18 a 18 in una gara senza mete e che l’Australia ha condotto fino al 66′. Poi due piazzati di Dan Carter hanno portato avanti gli ospiti. Al 74′ il pareggio definitivo di Harris, anche se per dieci minuti si è continuato a giocare con gli uomini in nero piazzati nei 22 metri australiani, senza però riuscire a sfondare. E Dan Carter sbaglia il drop finale.

 

Australia: 15 Mike Harris, 14 Nick Cummins, 13 Ben Tapuai, 12 Pat McCabe, 11 Adam Ashley-Cooper, 10 Kurtley Beale, 9 Nick Phipps, 8 Wycliff Palu, 7 Michael Hooper, 6 Scott Higginbotham, 5 Nathan Sharpe (c), 4 Sitaleki Timani, 3 James Slipper, 2 Tatafu Polota Nau, 1 Benn Robinson.
Riserve: 16 James Hanson, 17 Sekope Kepu, 18 Kane Douglas, 19 Dave Dennis, 20 Liam Gill, 21 Brett Sheehan, 22 Drew Mitchell.

 

Nuova Zelanda: 15 Israel Dagg, 14 Cory Jane, 13 Conrad Smith, 12 Ma’a Nonu, 11 Hosea Gear, 10 Daniel Carter, 9 Aaron Smith, 8 Kieran Read, 7 Richie McCaw (c), 6 Liam Messam, 5 Sam Whitelock, 4 Brodie Retallick, 3 Charlie Faumuina, 2 Keven Mealamu, 1 Tony Woodcock.
Riserve: 16 Andrew Hore, 17 Owen Franks, 18 Luke Romano, 19 Victor Vito, 20 Piri Weepu, 21 Aaron Cruden, 22 Ben Smith.

 

Marcatori
per l’Australia: Harris (2, 27, 31, 40, 74), Beale (50)
per la Nuova Zelanda: Carter (6, 10, 52, 54, 66, 70)

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Eden Park resta All Blacks, Inghilterra mai doma ma piegata per 24-17

La Nuova Zelanda vince incontro e la serie delle Summer Series 2024 sugli inglesi. Stavolta decisivo l'ingresso di Beauden Barrett nella ripresa

item-thumbnail

Summer Series: la preview del secondo test match tra Australia e Galles

Wallabies a caccia del bis, Dragoni alla ricerca della prima vittoria del 2024

item-thumbnail

Summer Series: risultati e marcatori di USA-Scozia, Canada-Romania e Samoa-Spagna

Tutto facile per gli scozzesi, mentre Canada e Samoa devono faticare maggiormente per avere ragione degli avversari

item-thumbnail

Summer Series: la preview di All Blacks-Inghilterra ad Eden Park

Nella prima sfida sono mancati i piazzati a entrambe le formazioni. La Nuova Zelanda è parsa superiore in mischia ma ha sofferto in touche: tutte le c...

item-thumbnail

Summer Series: la formazione della Francia per la sfida con i Pumas

Fabien Galthiè conferma gran parte del XV di una settimana fa e inserisce quattro possibili esordienti in panchina

item-thumbnail

Summer Series: la formazione dell’Argentina per il secondo test con la Francia

Cinque cambi per Felipe Contepomi, mentre Pablo Matera si appresta a tagliare un traguardo importante