Matteo Minozzi: le ragioni dell’ultima travagliata stagione

L’estremo azzurro racconta alla Gazzetta dello sport tutto ciò che gli è successo nell’ultimo periodo

Matteo Minozzi: le ragioni dell'ultima travagliata stagione (Ph. Sebastiano Pessina)

Matteo Minozzi: le ragioni dell’ultima travagliata stagione (Ph. Sebastiano Pessina)

Un Matteo Minozzi a cuore aperto. L’estremo italiano appena rientrato in campo dopo quattro mesi di stop (24 caps con gli Azzurri, di cui l’ultimo nello scorso novembre contro l’Argentina, ndr), intervistato dalla ‘Gazzetta dello Sport’ ha toccato diversi argomenti rispetto al suo ultimo anno e mezzo di carriera spiegando quanto successogli fra club e nazionale.

A partire da un ’21/’22 che “forse è stata anche peggiore rispetto al 2018/2019 (quando si ruppe il ginocchio, ndr): a settembre ho avuto una microfrattura alla testa del perone, poi ho subito due concussion di fila. Avevo problemi di memoria, mi svegliavo la mattina e dopo aver fatto colazione non mi ricordavo cosa avevo mangiato”. Mesi complessi insomma, anche a causa del covid, sopraggiunto subito dopo il ritorno in allenamento: “Sono stato positivo 24 giorni e ho avuto dei problemi respiratori. Sono tornato solo a fine febbraio, ma senza essermi allenato trovare spazio diventa ancora più difficile”.

Anche se il suo futuro prossimo è sempre a Coventry: “Ho un altro anno di contratto con i Wasps e per ora posso dire che resterò qui”.

Infine, tra gli altri aspetti toccati nella lunga chiacchierata, anche la spiegazione sul suo rapporto con la nazionale: “La mia unica rinuncia alla nazionale è stata quella del Sei Nazioni 2021. Nel 2020 venni mandato a casa dopo aver preso una botta alla spalla: vero, avevo questo problema e non ero al 100%, ma non avevo nulla che mi impedisse di giocare. Non ho fatto finta di essere infortunato perché volevo giocare col mio club, è una cosa che ho sentito dire in giro ma non ha nessun senso. Allo stesso modo – prosegue – non è assolutamente vero che avessi litigato con Franco Smith. Semplicemente, nel comunicato scrissero che io ero infortunato, quando non era vero, ero solo fuori forma, e la mia presenza in campo coi Wasps la settimana dopo ha fatto nascere questa incomprensione. I tecnici del club, dopo aver valutato le mie condizioni, mi avevano chiesto se me la sentissi di andare in panchina perché non avevano nessuno, e io essendo un professionista ho detto di sì”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Kieran Crowley: “buona reazione dopo la scorsa settimana, ma c’erano almeno tre o quattro mete che dovevamo segnare”

Le dichiarazioni del coach azzurro e del capitano Edoardo Padovani dopo il successo con la Romania

1 Luglio 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Test Match Estivi 2022: l’Italia ruggisce, Romania battuta 45-13

Gli Azzurri segnano quattro mete in 45 minuti, doppietta per Tommaso Menoncello

1 Luglio 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: con la Romania un’occasione per mandare un messaggio

Serve una reazione per preparare al meglio la gara contro la Georgia

1 Luglio 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Test Match: Romania-Italia, Kieran Crowley spiega le scelte di formazione e non solo

Le dichiarazioni del ct a due giorni dall'incontro coi rumeni

29 Giugno 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Test match: la formazione dell’Italia che sfida la Romania

Esordio per Alessandro Garbisi, al fianco del rientrante Tommaso Allan. Cambia anche il capitano

29 Giugno 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Cosa deve fare l’Italia per superare Samoa e Georgia nel ranking già da venerdì?

Gli azzurri hanno la possibilità di piazzare un doppio sorpasso in un colpo solo

29 Giugno 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale