Perché certe volte è meglio andarci piano con i giovani promettenti

Chris Boyd, tecnico dei Northampton Saints, spiega la sua filosofia di inclusione dei giovani, che negli ultimi anni ha avuto successo

ph. Ettore Griffoni

Impazienza: certe volte stampa, tifosi e addetti ai lavori aggiungono la propria a quella dei giovani giocatori. Un numero sempre maggiore di giocatori si affaccia al rugby professionistico in giovane età, ma non tutti sono pronti a fare il salto. E’ questo il punto, secondo Chris Boyd, director of rugby ai Northampton Saints, club di Premiership che ha saputo come pochi altri crescere e inserire proficuamente in rosa alcuni dei giovani più interessanti del panorama inglese.

“Ci vuole una visione di lungo termine per i giovani giocatori – ha raccontato Boyd a Rugby World – Hanno bisogno di sapere che c’è fiducia in loro, sia dal punto di vista fisico che mentale. Tre o quattro volte abbiamo dato opportunità a dei ragazzi che non sono riusciti a giocare davvero bene, ma questo fa parte del processo di apprendimento.”

In una squadra che annovera giocatori internazionali come Dan Biggar, Cobus Reinach, Lewis Ludlam, Courtney Lawes e i fratelli Franks, entrambi ex All Blacks, c’è stato spazio anche per la crescita di alcuni validi profili: George Furbank ha 23 anni ed ha esordito per l’Inghilterra nello scorso Sei Nazioni; Fraser Dingwall, James Grayson, Alex Mitchell sono tre giocatori fra i 20 e i 22 fra i più quotati d’Inghilterra; Ehren Painter è un pilone classe 1998 di cui si parla un gran bene.

Leggi anche: L’avventura di un ragazzo italiano nelle giovanili dello Stade Francais

Cosa accomuna tutti questi giocatori? A tutti loro sono state date chance di mettere in mostra il proprio talento, ma a nessuno di loro è stato dato un carico di responsabilità e di stress fisico continuativo nelle loro prime stagioni in prima squadra.

Olly Sleightholme, ala classe 2000 che ha ancora un contratto con la Academy dei Saints, sarà rimasto in mente a buona parte dei tifosi italiani: titolare in tutti e due gli incontri di Champions Cup contro il Benetton, ha segnato una delle mete che sono costate una delle più brucianti sconfitte della stagione dei veneti, nonostante una prestazione globale non perfetta.

Sleightholme ha esordito prestissimo, appena diciottenne con i professionisti. Nonostante le sue palesi doti, comunque, il suo sviluppo è strettamente monitorato, secondo il modello imposto da Boyd: quattro presenze da titolare nella stagione 2018/2019, un totale di poco superiore ai 370 minuti disputati; sette quest’anno, 510 minuti disputati circa.

“Quando sono arrivato ai Northamtpon Saints ho preso la decisione di assumere un gruppo di tecnici giovani, inglesi e di grande potenziale, e questo si è poi traslato anche nella rosa dei giocatori. Non sono così ingenuo da mettere da parte la competenza, però. Owen Franks, ad esempio, può dare tanto a giovani piloni come Ehren Painter e Paul Hill, ma loro non devono essere impazienti.”

“Il problema più grosso è la paura di fallire. Mi ricordo quando Painter ha giocato contro Clermont in Challenge Cup ed è stato sbriciolato dal loro pilone. Era piuttosto rabbuiato nei giorni successivi, ma con il passare degli anni impartirà lo stesso trattamento a qualcun altro: per lui è stato un gran momento di apprendimento.”

La filosofia di Boyd e dei Saints rompe l’equazione per cui prima un giocatore accumula esperienza di gioco, prima riuscirà ad accrescere il proprio livello, ma riesce ad equilibrare le necessità di breve periodo del club con quelle di più larga scala: uno sviluppo efficace dei giovani darà maggiori frutti nel prossimo futuro, alla squadra e alla nazionale.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Matteo Minozzi ha rinnovato il contratto con i Wasps

L'estremo azzurro lega il suo futuro a 'lungo termine' al club di Coventry

14 Luglio 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Gli Exeter Chiefs potrebbero cambiare nome e logo

Il club inglese è pronto a rivalutare il suo brand pensando al futuro

13 Luglio 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Manu Tuilagi è un nuovo giocatore dei Sale Sharks

Il trequarti rimarrà quindi a giocare in Premiership

13 Luglio 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

La Premiership riparte il 14 agosto per chiudere la stagione

Calendario fittissimo per il massimo campionato inglese. Appuntamento con la finale per il 24 ottobre a Twickenham

11 Luglio 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Due giovani colpi di mercato per gli Exeter Chiefs

Arrivano da Australia e Argentina i volti nuovi per la squadra inglese. Giovani e di talento sono pronti alla Premiership

11 Luglio 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Premiership: Manu Tuilagi pronto a lasciare i Leicester Tigers

Il centro, insieme ad altri 4 compagni, non ha rinnovato il contratto entro la data stabilita dal club. Senza di lui, sarebbe la prima volta in 20 ann...

1 Luglio 2020 Emisfero Nord / Premiership