Rugby World Cup 2019: il Giappone scelto da Jamie Joseph per i quarti

I nipponici vogliono provare a ripetere l’impresa di Brighton, l’head coach promette sorprese: “Evidente il loro gameplan, non il nostro”

Tifosi del Giappone alla Rugby World Cup 2019 (ph. Sebastiano Pessina)

Jamie Joseph ha operato un cambio nel XV di partenza del suo Giappone in vista della sfida contro il Sudafrica di domenica, nei quarti di finale.

William Tupou, infatti, non scenderà in campo e finisce direttamente fuori dai 23 a causa del mancato superamento del protocollo di ritorno in campo dopo HIA, mentre la maglia numero 15 sarà appannaggio di Ryohei Yamanaka.

Per il resto Michael Leitch guiderà una squadra senza nessuna variazione in campo, ma con Amanaki Mafi che fa il suo ritorno sulla panchina dei Brave Blossoms. C’era anche quattro anni fa, Mafi, su quella panchina: corsi e ricorsi rispetto a Brighton 2015, dove erano presenti 8 dei 23 uomini scelti da Joseph per compiere un nuovo miracolo.

Il mediano di apertura Tamura era in panchina al mondiale in Inghilterra, e oggi invece guida la classifica marcatori del torneo con 48 punti, mentre Kotaro Matsushima, altro reduce, guida la classifica dei marcatori di mete.

“In un certo qual modo abbiamo dovuto resettarci completamente – ha dichiarato in conferenza stampa coach Joseph – E’ stata una partita molto fisica contro la Scozia, quindi abbiamo beneficiato di una intera settimana di riposo grazie al fatto di esserci qualificati come prima del girone.”

“Abbiamo scelto di dare i primi due giorni e mezzo fondamentalmente di recupero, non abbiamo fatto molto rugby.”

“Il primo giorno abbiamo avuto una leggera sessione di palestra, il secondo un semplice avvicinamento alla partita, quindi non ci siamo davvero allenati fino al terzo giorno. Penso che pagherà e che ci abbia aiutato davvero tanto: ha consentito ai giocatori non solo di andare oltre la partita contro la Scozia, ma anche di elaborare quello che hanno ottenuto.”

“E’ evidente quello che il Sudafrica andrà a fare. Lo è vista la loro selezione di sei avanti in panchina, non è una cosa mai vista ma dimostra che vorranno approcciare il match fisicamente usando i loro avanti.  Hanno un gioco molto continuo, che concede agli avversari il possesso e utilizza la difesa e gli avanti per mettere pressione. Ed è questo ciò per cui ci siamo preparati.”

“Quello che non è evidente è quello che andremo a mettere in campo noi, ed è ciò a cui guardo.”

– Leggi anche: Rugby World Cup 2019: il programma tv del weekend dei quarti di finale

La formazione del Giappone per i quarti di finale della Rugby World Cup 2019 contro il Sudafrica

Giappone: 15 Ryohei Yamanaka, 14 Kotaro Matsushima, 13 Timothy Lafaele, 12 Ryoto Nakamura, 11 Kenki Fukuoka, 10 Yu Tamura, 9 Yutaka Nagare, 8 Kazuki Himeno, 7 Pieter Labuschagne, 6 Michael Leitch (c), 5 James Moore, 4 Luke Thompson, 3 Jiwon Koo, 2 Shota Horie, 1 Keita Inagaki
A disposizione: 16 Atsushi Sakate, 17 Isileli Nakajima, 18 Asaeli Ai Valu, 19 Wimpie van der Walt, 20 Amanaki Lelei Mafi, 21 Fumiaki Tanaka, 22 Rikiya Matsuda, 23 Lomano Lava Lemeki

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Eddie Jones sulla finale mondiale: “Nella mia testa la rivedo ogni giorno”

Il CT dell'Inghilterra è tornato sulla partita persa contro gli Springboks, ammettendo che "mi sembra di vedere la Coppa davanti a me"

12 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

La multa per la risposta inglese all’haka è “colpa” di Joe Marler

Il pilone inglese ha raccontato - con la consueta grande personalità - di aver mal interpretato il piano studiato la sera prima del match

9 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup: Scozia multata di 70mila sterline per la vicenda Hagibis

La federazione minacciò di intentare causa alla federazione internazionale se non si fosse disputata la gara del girone A

7 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Slow Motion – Speciale RWC: la meta più bella della fase finale

I 90 abbaglianti secondi che sono serviti all'Inghilterra per prendere la testa della semifinale, raccontati nel dettaglio

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Springboks, Tendai Mtawarira saluta la nazionale

Il pilone si ritira dal rugby internazionale dopo la vittoria da protagonista del trofeo più importante

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

La storia unica di Makazole Mapimpi, campione del mondo

Cresciuto molto lontano dal rugby che conta, a 27 anni non aveva mai avuto un contratto professionistico. È diventato titolare e protagonista negli Sp...

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019