Rugby World Cup: La massacrante preparazione del Galles sulle Alpi

Gli uomini di Gatland si stanno preparando dormendo oltre i duemila metri e scendendo a mille per le tre sessioni quotidiane

rugby-navidi-galles-sei-nazioni-2019

Josh Navidi contro l’Irlanda – Sei Nazioni 2019 (ph. Reuters)

C’è una squadra, fra le partecipanti alla Rugby World Cup, che troppi opinionisti lasciano in fondo alle loro liste di favoriti per la vittoria del torneo nipponico, ed è determinata a ribaltare i pronostici e fare il colpaccio: è il Galles.

Mentre l’Inghilterra è discesa in terra italica per affrontare la preparazione al caldo di Treviso, e l’Italia si gode l’aria leggermente più fresca di Pergine Valsugana, Warren Gatland ha fatto fare le valigie ai suoi per affrontare un ritiro di preparazione atletica in Svizzera, sulle Alpi.

La squadra campione del Sei Nazioni è a Fiesch, un piccolo comune che stenta ad arrivare a 1000 abitanti, e supera i mille metri di altezza. E’ una cittadina del Canton Vallese, di lingua tedesca, soprattutto nota per le stazioni sciistiche.

Il Galles fa base oltre i duemila metri, e scende poi in paese per gli allenamenti agli ordini di Huw Bennett, l’ex tallonatore degli Ospreys e della nazionale che oggi si occupa di preparazione atletica e impartisce ordini ai giocatori come il sergente di ferro che il suo viso tagliato nel legno suggerisce che sia.

“Abbiamo sessioni concepite per metterli in difficoltà. Riceviamo i benefici di vivere in altura, ma per allenarci scendiamo ad una altitudine che ci permette di lavorare ad alta intensità.”

In realtà, il ritiro sulle Alpi svizzere non è una novità per Alun Wyn Jones e soci, visto che venne organizzato anche 4 anni fa. Oggi di quella squadra rimangono diciotto dei 42 convocati da Gatland.

Tutti gli osservatori, e gli stessi giocatori, hanno descritto come infernale la preparazione messa in atto dallo staff tecnico.

“Sicuramente è durissima – ha detto Hadleigh Parkes, uno dei novizi – C’è stato un discreto numero di sessioni molto difficili da superare, ma alla fine di questo percorso fatto di bastonate ci aspetta una carota piuttosto grossa.”

Intanto, Bennett racconta la filosofia dietro tutto il lavoro svolto dai gallesi: “Con Gatland abbiamo un manta, lavorare più duramente degli altri. I ragazzi devono applicarlo ed esserne convinti.”

“Se tagliano una curva o se non arrivano al termine dell’ultima ripetizione, dentro la loro testa sanno di non essere al giusto standard.”

“Tanto del successo ottenuto è arrivato a seguito di questa filosofia e i giocatori sanno che se faranno il lavoro, ne avranno un ritorno.”

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Irlanda: “Troppa pressione al mondiale”, Best e Nucifora tornano sull’eliminazione

Il capitano e il direttore della performance della federazione irlandese sono tornati a parlare della deludente avventura nipponica

6 Dicembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Eddie Jones sulla finale mondiale: “Nella mia testa la rivedo ogni giorno”

Il CT dell'Inghilterra è tornato sulla partita persa contro gli Springboks, ammettendo che "mi sembra di vedere la Coppa davanti a me"

12 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

La multa per la risposta inglese all’haka è “colpa” di Joe Marler

Il pilone inglese ha raccontato - con la consueta grande personalità - di aver mal interpretato il piano studiato la sera prima del match

9 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup: Scozia multata di 70mila sterline per la vicenda Hagibis

La federazione minacciò di intentare causa alla federazione internazionale se non si fosse disputata la gara del girone A

7 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Slow Motion – Speciale RWC: la meta più bella della fase finale

I 90 abbaglianti secondi che sono serviti all'Inghilterra per prendere la testa della semifinale, raccontati nel dettaglio

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Springboks, Tendai Mtawarira saluta la nazionale

Il pilone si ritira dal rugby internazionale dopo la vittoria da protagonista del trofeo più importante

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019