Rugby World Cup: La massacrante preparazione del Galles sulle Alpi

Gli uomini di Gatland si stanno preparando dormendo oltre i duemila metri e scendendo a mille per le tre sessioni quotidiane

rugby-navidi-galles-sei-nazioni-2019

Josh Navidi contro l’Irlanda – Sei Nazioni 2019 (ph. Reuters)

C’è una squadra, fra le partecipanti alla Rugby World Cup, che troppi opinionisti lasciano in fondo alle loro liste di favoriti per la vittoria del torneo nipponico, ed è determinata a ribaltare i pronostici e fare il colpaccio: è il Galles.

Mentre l’Inghilterra è discesa in terra italica per affrontare la preparazione al caldo di Treviso, e l’Italia si gode l’aria leggermente più fresca di Pergine Valsugana, Warren Gatland ha fatto fare le valigie ai suoi per affrontare un ritiro di preparazione atletica in Svizzera, sulle Alpi.

La squadra campione del Sei Nazioni è a Fiesch, un piccolo comune che stenta ad arrivare a 1000 abitanti, e supera i mille metri di altezza. E’ una cittadina del Canton Vallese, di lingua tedesca, soprattutto nota per le stazioni sciistiche.

Il Galles fa base oltre i duemila metri, e scende poi in paese per gli allenamenti agli ordini di Huw Bennett, l’ex tallonatore degli Ospreys e della nazionale che oggi si occupa di preparazione atletica e impartisce ordini ai giocatori come il sergente di ferro che il suo viso tagliato nel legno suggerisce che sia.

“Abbiamo sessioni concepite per metterli in difficoltà. Riceviamo i benefici di vivere in altura, ma per allenarci scendiamo ad una altitudine che ci permette di lavorare ad alta intensità.”

In realtà, il ritiro sulle Alpi svizzere non è una novità per Alun Wyn Jones e soci, visto che venne organizzato anche 4 anni fa. Oggi di quella squadra rimangono diciotto dei 42 convocati da Gatland.

Tutti gli osservatori, e gli stessi giocatori, hanno descritto come infernale la preparazione messa in atto dallo staff tecnico.

“Sicuramente è durissima – ha detto Hadleigh Parkes, uno dei novizi – C’è stato un discreto numero di sessioni molto difficili da superare, ma alla fine di questo percorso fatto di bastonate ci aspetta una carota piuttosto grossa.”

Intanto, Bennett racconta la filosofia dietro tutto il lavoro svolto dai gallesi: “Con Gatland abbiamo un manta, lavorare più duramente degli altri. I ragazzi devono applicarlo ed esserne convinti.”

“Se tagliano una curva o se non arrivano al termine dell’ultima ripetizione, dentro la loro testa sanno di non essere al giusto standard.”

“Tanto del successo ottenuto è arrivato a seguito di questa filosofia e i giocatori sanno che se faranno il lavoro, ne avranno un ritorno.”

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Irlanda, World Cup 2019: il punto sugli infortunati. Non preoccupa Sexton, Carbery in dubbio

Dal ritiro portoghese, i Verdi fanno il punto della situazione sulla situazione medica

21 agosto 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: i 31 convocati dei Pumas

Mario Ledesma ha annunciato la rosa dell'Argentina, con qualche inaspettata sorpresa

19 agosto 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Sudafrica: Marcell Coetzee out per la Rugby World Cup

Infortunio alla caviglia per il terza linea di Ulster, stop di 12 settimane

19 agosto 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019 – Le squadre: Nuova Zelanda

Nonostante qualche passo falso, gli All Blacks sono sempre la squadra da battere. Nel mirino il terzo Mondiale consecutivo

19 agosto 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Sudafrica: i convocati per l’ultimo camp premondiale

Rassie Erasmus ha selezionato 36 elementi, in vista della lista definitiva di lunedì 26 agosto

19 agosto 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Francia: Geoffrey Doumayrou salterà la Rugby World Cup

Il centro della nazionale francese si è infortunato al tendine d'Achille e non potrà andare in Giappone

16 agosto 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019