Italia, la carica del rientrante Luca Morisi: “E’ un piacere essere di nuovo qui”

Il centro ha parlato dagli Stati Uniti nei giorni che precedono il Test Match contro l’Irlanda

Luca Morisi

ph. Sebastiano Pessina

Una nazionale sperimentale, ma con qualche caposaldo. Per l’Italia di Conor O’Shea manca sempre di meno alla sfida di sabato prossimo contro l’Irlanda – in quel del Soldier Field di Chicago (diretta DAZN h 21) – e l’attesa inevitabilmente inizia a crescere. Nel XV azzurro quindi, come detto, non mancheranno le novità ma anche i graditi ritorni. E’ il caso ad esempio di Luca Morisi che, dopo tante vicissitudini legate agli infortuni, tornerà prendendosi una maglia da primo centro di fianco al capitano di giornata Michele Campagnaro. Una coppia questa che il rugby italiano ha sognato per più di qualche tempo e che adesso potrà finalmente essere realtà.

Ecco le dichiarazioni del centro del Benetton Treviso rilasciate alla stampa locale: “E’ un piacere essere tornato nel gruppo azzurroha dichiarato il milanese – e finalmente ho la possibilità di tornare a giocare con l’Italia. Sono entusiasta. La partita contro l’Irlanda sarà molto difficile ma abbiamo una squadra molto unita che saprà affrontare al meglio l’impegno. Dal mio punto di vista ho un mix di emozioni: ritorno a vestire la maglia Azzurra dopo tanto tempo in una città fantastica contro un avversario importante, la seconda squadra al mondo. Inizio ad essere molto eccitato all’idea di scendere in campo.
E’ impensabile prendere l’impegno sotto gamba – afferma il centro azzurro – non siamo di certo in vacanza qui. E’ una grande occasione per tornare alla ribalta e, per tutti, per mettersi in luce. Manca meno di un anno al Mondiale e ogni occasione sarà fondamentale per poter conquistare un posto nella rosa che volerà in Giappone”.

Infine un’opinione anche sul rapporto fra la nazionale e le franchigie: E’ un lavoro molto importante. A Treviso è diventata una sana abitudine collaborare tutti i giorni sia dal punto di vista fisico che tecnico anticipando, per alcuni versi, quello che poi andremo a mostrare sul campo di allenamento con l’Italia. La crescita di ogni singolo giocatore passa anche da questo fattore”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

La scalata di Matteo Minozzi verso la Rugby World Cup 2019

Abbiamo intervistato l'estremo azzurro, fermo da fine agosto, che ci ha raccontato il difficile rapporto con il rugby negli ultimi mesi e i suoi obiet...

18 aprile 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

La Rugby World Cup e il (suo) futuro: intervista a Conor O’Shea

La seconda parte della lunga chiacchierata con il commissario tecnico della Nazionale, con vista sull'appuntamento iridato

17 aprile 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni, permit players e sviluppo del rugby italiano: intervista a Conor O’Shea

Abbiamo incontrato l'head coach degli Azzurri per una chiacchierata sul torneo appena finito e sulle prospettive del movimento italiano

16 aprile 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italrugby: Franco Smith nello staff azzurro dal 2020?

L'attuale allenatore dei Cheetahs potrebbe entrare nel coaching staff di Conor O'Shea dal prossimo anno

14 aprile 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: il “minutometro” della nazionale dopo Test Match e Sei Nazioni

Quanto hanno giocato finora gli azzurri nelle nove partite disputate in stagione?

28 marzo 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Cinquanta nomi per l’Italia verso la Rugby World Cup 2019

Abbiamo provato a ipotizzare una lista di azzurri per preparare il Mondiale, con tutte le varie difficoltà del caso

26 marzo 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale