Women’s Rugby World Cup 2021: sono ben 6 i Paesi che si vogliono candidare per organizzare il torneo

Fra questi la sorpresa è il Portogallo

ph. Reuters

Il 2017 sembra aver definitivamente cambiato la percezione planetaria del rugby femminile. Dalla Coppa del Mondo in Irlanda infatti, le kermesse del “gentil sesso” paiono aver trovato una visibilità – finalmente – molto più spiccata e in futuro questa escalation potrebbe anche aumentare.
A dimostrarlo è la notizia fornita da World Rugby che ha reso noti i 6 Paesi pronti a sfidarsi per organizzare la Women’s Rugby World Cup 2021: Australia, Galles, Inghilterra, Francia, Nuova Zelanda e il  Portogallo. Si passa quindi dalla tradizione anglosassone, alle voglie dell’Emisfero Sud, senza dimenticare chi come i transalpini vorrebbe una storica doppietta, mettendo insieme il Mondiale 2021 femminile e il Mondiale 2023 maschile, per passare infine alla novità assoluta lusitana.

Il numero uno di World Rugby Bill Beaumont si è così espresso su quanto sta succedendo: “Irlanda 2017 è stato un torneo magnifico, con tutti gli standard che deve avere un torneo di rugby a quei livelli. Sono sicuro che le sei Union che stanno lavorando al progetto per il 2021 saranno all’altezza e svolgeranno il loro compito con determinazione. In generale – ha aggiunto – guardiamo avanti sotto tutti gli aspetti: stiamo pensando anche ad un nuovo format per la kermesse iridata”.
L’iter per scoprire quale nazionale ospiterà la manifestazione è quindi iniziato: il 10 agosto ci sarà il primo responso internazionale ai Comitati Organizzatori, mentre il 14 novembre si conoscerà la location vera e propria della Women’s Rugby World Cup 2021.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

“Il miracolo di Brighton” diventerà un film

Giappone-Sudafrica della Coppa del Mondo 2015 arriverà sul grande schermo del cinema. Il regista sarà l'australiano Max Mannix

3 ottobre 2018 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Un nuovo allenatore per le Samoa, non senza polemiche

Si tratta di Steve Jackson, un ex assistente dei Blues. Ma il consiglio federale non sarebbe stato consultato nella decisione

3 ottobre 2018 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Nuove conferme sul torneo mondiale dal 2020: due divisioni con promozioni e retrocessioni

Il Times torna a parlare dell'idea di Agustin Pichot, spiegando che si potrebbe davvero avverare molto presto

2 ottobre 2018 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Verso la RWC 2019: la Russia si preparerà lavorando con i Dragons

Sinergia fra la nazionale europea e il team gallese, grazie al trait d'union di Lyn Jones

2 ottobre 2018 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

La disavventura del giapponese Takuma Asahara

Il pilone della nazionale è stato investito da un'auto mentre dormiva in strada ubriaco a Fuchū

25 settembre 2018 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Come si sta preparando il Giappone alla Coppa del Mondo

Uno stadio particolare, le preoccupazioni legate al clima ma anche un sicuro ritorno economico e sociale. Un punto della situazione

21 settembre 2018 Rugby Mondiale