Colorno e Valsugana si giocano lo Scudetto della Serie A femminile

È la rivincita della finale di un anno, nettamente vinta dalle padovane. Calcio d’inizio alle 19:30 a Calvisano

serie a femminile valsugana colorno

Un’azione di gioco da Valsugana – Colorno (ph. Ettore Griffoni)

Per il secondo anno consecutivo saranno Colorno e Valsugana a giocarsi lo Scudetto della Serie A femminile. Come nella scorsa stagione, sarà sempre il ‘PataStadium’ di Calvisano a fare da cornice alle due squadre più forti del campionato, confermatesi nettamente nel corso dei playoff.

Nella stagione regolare le biancorosse hanno avuto la meglio nel Girone 1 rispetto alle venete, ma negli scontri diretti il bilancio è pressoché pari. In entrambe le occasioni la squadra di casa ha superato nettamente l’avversaria: Colorno ha vinto 36-3 all’andata, Valsugana ha risposto con un 27-5 al ritorno. Tutto lascia pensare ad una finale equilibrata, anche se un anno fa in realtà non ci fu storia, con le padovane dominatrici per 32-0 e vincitrici del terzo Scudetto di fila.

“Non è stata una settimana come le altre – ha dichiarato l’argentino Cristian Prestera, tecnico del Colorno – C’è un po’ di tensione. Con Valsugana ci conosciamo molto a vicenda, sia perché ci siamo affrontate in campionato sia perché eravamo stati avversari in finale già un anno fa: loro sono una squadra che merita tanto rispetto, sono complete in tutti i reparti”.

“L’esperienza dell’anno passato ci ha consentito di migliorare in stagione sui nostri errori e di arrivare a questo appuntamento alla pari. Essere arrivati primi nel girone di campionato, comunque, non garantisce la vittoria finale: la spunterà chi saprà gestire meglio la tensione e le emozioni”.

Dall’altra parte, coach Nicola Bezzati sottolinea come “rispetto allo scorso anno ci presentiamo a difendere il terzo scudetto consecutivo con un organico parzialmente rinnovato rispetto al precedente anno grazie ai nuovi inserimenti di giocatrici provenienti sempre dal proprio vivaio”.

Diverse le Azzurre impegnate nell’ultimo Sei Nazioni in campo. Il Valsugana schiera Valentina Ruzza in seconda linea, il capitano Elisa Giordano in terza e Beatrice Rigoni in mediana, mentre il Colorno si affida a Gaia Giacomoli in prima, a Giada Franco in terza, a Veronica Madia in cabina di regia e a Michela Sillari sulla trequarti.

Calcio d’inizio alle ore 19:30, diretta streaming su The Rugby Channel. Arbitra Clara Munarini.

Le formazioni

Colorno: Fontanella; Ranuccini, Cioffi, Sillari, Bonaldo; Madia (cap.), Violi; Boledi, Sgorbini, Franco; Merlo, Sberna; Turani, Appiani, Giacomoli
A disposizione (comprese giocatrici che andranno in tribuna): Caci, Casolin, Merusi, Vivoda, Ippolito, Barbieri, Verini, Fiorelli, Di Masi, Colicchia

Valsugana: Ostuni Minuzzi V.; Vitadello, Guariglia, Folli, Andreaggi; Rigoni, Zatti; Giordano (cap.), Veronese, Fenato; Stoppa, Ruzza; Galiazzo, Cerato, Migotto
A disposizione: Jeni, Frezza, Belluco, Capellazzo, Cuman, Salvadego, Nascimben, Ostuni/Minuzzi C.

 

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Coppa Italia Femminile: il Parabiago vince il trofeo intitolato a Rebecca Braglia

La squadra lombarda si afferma nella competizione venendo premiata dal papà della giovane rugbista scomparsa

item-thumbnail

Serie A femminile: Colorno è campione d’Italia

Prima volta assoluta per le emiliane, che, a Calvisano, sconfiggono il Valsugana 29 a 20

item-thumbnail

Serie A femminile: la finale sarà Valsugana v Colorno

Vittorie nette, all'altezza delle semifinali, per le due compagini già finaliste nel 2017

item-thumbnail

Serie A femminile: nei barrage facili vittorie per Valsugana e Villorba

Battute nettamente il Frascati e il Montevirginio. Domenica 27 in programma le semifinali

item-thumbnail

Serie A femminile: si è chiusa la regular season

Il Bologna batte Montevirginio e si conquista l'accesso alle semifinali. Ecco il quadro completo del playoff

item-thumbnail

Serie A femminile: tutto quello che è successo nella 17esima giornata

Vincono tutte le grandi del campionato. Nel Girone 2 la leadership si decide all'ultimo turno