Eccellenza: il punto dopo la tredicesima giornata

Lotta serratissima al vertice della graduatoria

ph. Luigi Mariani

Il turno vissuto dall’Eccellenza nell’ultimo weekend ha regalato risultati di peso, che hanno riscritto le distanze nelle zone più calde della classifica. Ma andiamo a tracciare il punto della situazione, livello per livello.

Zone alte: Petrarca e Rovigo vincono i big match ed accorciano la classifica

Vittoria sofferta ed anche per questo ancor più prezioso per Rovigo, che ha potuto festeggiare a Viadana con un 15-18 finale di vitale importanza in ottica primo posto (ora distante solo tre lunghezze). Soddisfazione per McDonnell, che, al Gazzettino di Rovigo, ha espresso così i propri pensieri sul match: “Complimenti a Viadana che ha lottato fino alla fine con la giusta mentalità. Il nostro primo tempo è stato sottotono e nel complesso non è stata una partita facile. Abbiamo vinto con un po’ di fortuna. Era il nostro unico obiettivo. Abbiamo avuto problemi di disciplina e i palloni persi sono stati troppi. Comunque ho visto ancora una buona prestazione del pack e faccio i complimenti a Vecchini per l’esordito in campionato”.

Ovviamente ben più deluso il collega avversario Frati, che ha creduto anche nel successo pesante. “C’è tanta amarezza, ma anche orgoglio per la prestazione dei miei ragazzi. Viadana ha giocato meglio e avrebbe meritato il successo, Rovigo è una grande squadra e ha fatto la partita che doveva fare, ma ha vinto solo grazie ad alcune decisioni dell’arbitro decisamente sfortunate. Al 2′ c’era una meta limpida di Denti ma Liperini ha segnato ‘tenuto alto’. Nella meta di Ferro invece ha avuto pochi dubbi. È un arbitro esperto, tra i più bravi, per questo non parlo di malafede ma solo di sfortuna”, ha dichiarato il grande ex (sempre sulle stesse colonne), che ha visto la propria squadra scivolare in quinta posizione.

La capolista Calvisano è caduta alla Guizza di fronte ad un Petrarca di alto livello, in grado così di fermare la corsa dei bresciani, tenere la scia in graduatoria di Rovigo, ed avvicinarsi pure alla vetta (distante quattro punti).  DeI match ha parlato al Giornale di Brescia il capitano Morelli, che ha sottolineato l’indisciplina della propria squadra: “I calci contro sono stati tanti, troppi. Ci è mancata la disciplina contro un’ottima squadra, che ha mostrato una gran difesa”.

Marcato, allenatore del Petrarca, è estremamente soddisfatto per il match casalingo vinto 18-17. “Il primo tempo è stato il migliore della stagione, abbiamo lavorato bene in difesa e sbagliato pochissimo. Questa è una vittoria importante, soprattutto per i ragazzi, che devono rendersi conto di quel che valgono. Siamo riusciti a battere una grande squadra”, ha dichiarato, sulle stesse colonne, il tecnico dei padroni di casa, che ora iniziano a sognare anche in ottica primato.

Zona playoff: San Donà si prende la quarta piazza, le Fiamme Oro cadono in casa contro Reggio

Sconfitta inattesa per il club capitolino, che è affondato in casa, contro un Rugby Reggio ispiratissimo, capace di passare 33-42. Un KO che brucia e non ha lasciato indifferente coach Guidi, che ha espresso i propri sentimenti al termine della sfida sul sito della squadra: “Devo fare i complimenti ai nostri avversari: Reggio Emilia oggi ha meritato la vittoria, giocando veramente bene ed approfittando dei nostri errori. Per noi è un brutto passo falso, in un momento molto importante della stagione e che deve farci assumere le nostre responsabilità. Ora dobbiamo solo metterci a lavorare a testa bassa, perché tra una settimana ci andremo a giocare una finale con una delle squadre più in forma del momento. Quel che bisogna fare è cercare di tramutare in energia positiva la rabbia e la delusione per questa sconfitta. Adesso vedremo di che pasta siamo fatti tutti noi, nessuno escluso”.

Soddisfazione piena per gli emiliani, che, dopo aver fatto patire due big del torneo nelle precedenti sfide, hanno strappato uno scalpo di peso. San Donà, invece, ha letteralmente travolto la Lazio in casa, in una gara mai minimamente in discussione (51-0) il finale, scavalcando in una botta sola sia Viadana che Fiamme Oro, candidandosi in modo importante per la post season. Infine vittoria dei Medicei su Mogliano, in una sfida con due club ormai senza particolari obiettivi di classifica.

 

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Il Viadana potrebbe riaprire la sua sezione femminile

La società giallonera partirebbe con una formazione delle giovanili. Intanto, dall'Accademia arriva Enrico Ghigo

12 giugno 2018 Campionati Italiani / Eccellenza
item-thumbnail

Eccellenza: i nuovi giocatori delle Fiamme Oro

Diversi protagonisti dell'Under 20 saranno agli ordini di coach Guidi. Simone Favaro entra a pieno titolo nell’organico del XV della Polizia di Stato...

8 giugno 2018 Campionati Italiani / Eccellenza
item-thumbnail

A Rovigo è ancora scontro tra società e comune

È (ri)nato tutto dalle dimissioni a sorpresa annunciate dal presidente Nicola Azzi, con conseguenti reazioni di Zambelli e sindaco

5 giugno 2018 Campionati Italiani / Eccellenza
item-thumbnail

Ufficiale: Michele Rizzo torna al Petrarca dopo nove anni

Il pilone avrà un ruolo anche da allenatore nell'Under 18 della società tuttanera

1 giugno 2018 Campionati Italiani / Eccellenza
item-thumbnail

Il nuovo Mogliano si presenta: Andrea Cavinato sarà il capo allenatore

Il presidente sarà Maurizio Piccin. Al fianco di Cavinato anche Salvatore Costanzo e Darrel Eigner

24 maggio 2018 Campionati Italiani / Eccellenza
item-thumbnail

Rovigo: tredici giocatori lasciano il club rossoblu

Tra questi i due stranieri Robertson-Weepu e Davies, ma anche Boggiani, Parker e Muccignat tra gli altri

22 maggio 2018 Campionati Italiani / Eccellenza