Quattro giocatori sospesi per doping in Nuova Zelanda

Tutti sono stati accusati di uso o possesso di clenbuterolo e steroidi anabolizzanti

doping

In Nuova Zelanda quattro giocatori sono stati sospesi dalla Federazione per doping, dopo le accuse portate avanti dalla ‘Drug Free Sport New Zealand’, l’agenzia nazionale per l’antidoping. La Commissione Disciplinare ha ordinato le squalifiche più pesanti, di quattro anni, a Zoey Barry (con decorrenza dal 31 luglio 2017) e a Glen Robertson (dal 3 febbraio 2017). Stop di due anni per Ben Qauqau-Dodds (dal 31 luglio 2017) e di ventuno mesi per Rhys Pedersen (dall’1 gennaio 2017).

Pedersen, Berry e Robertson sono stati sanzionati per possesso, uso e tentato utilizzo di uno stimolante, il clenbuterolo; stesse accuse anche Qauqau-Dodds, ma uno steroide anabolizzante (il methandienone). Entrambe le sostanze sono proibite secondo le regole dell’agenzia antidoping locale.

Zoey Berry aveva collezionato un cap con la nazionale femminile neozelandese, le Black Ferns, nel 2012. I giudici non hanno ritenuto validi gli argomenti portati dalla giocatrice in merito al non utilizzo del clenbuterolo.

Glen Robertson aveva acquistato la sostanza proibita nel febbraio 2015, quando il 26enne giocava per l’università di Waikato. Robertson ha dichiarato di aver acquistato il clenbuterolo al fine di perdere peso, e di aver scoperto solo successivamente che si trattava di un medicinale illegale nello sport. Robertson aveva giocato con la nazionale Sevens Under 20 nel 2011 e nel 2012.

Rhys Pedersen, ex giocatore del Manawatu, ha dichiarato di essere completamente ignaro delle norme antidoping e della lista di farmaci proibiti della WADA. Alla Commissione, anche Pedersen ha ammesso di aver comprato e assunto il clenbuterolo per perdere peso, allo scopo di “migliorare il suo aspetto e recuperare autostima”. Nel 2013, a Pedersen erano state diagnosticate delle forme di ansia e depressione, a causa dellla fine di una lunga relazione sentimentale. Aveva smesso di giocare a rugby nel 2014, poiché aveva subito una grave concussion che aveva messo in dubbio il suo ritorno in campo.

Qauqau-Dodds, 26 anni, ha ammesso di usare methandienone dal maggio 2014. All’udienza anch’egli ha detto di non essere a conoscenza delle conseguenze mediche che derivavano dall’utilizzo dell’anabolizzante. Aveva giocato per un club di Dunedin nel 2010, per poi tornare in Nuova Zelanda nel 2013 qualche anno in Australia. Qauqau non pensava che l’acquisto di steroidi potesse causargli un problema e “solo ora ha realizzato il grande errore commesso”.

Il General Manager della Federazione, Neil Sorensen, ha confermato le squalifiche e ha espresso la sua delusione: “Questa indagine ci ha rivelato che c’è tanta ignoranza nella nostra comunità sportiva in merito alle sostanze che possono aumentare le prestazioni – ha dichiarrato – In collaborazione con la RPA (il sindacato dei giocatori) e l’agenzia nazionale antidoping stiamo sviluppando un programma di educazione, ma sono prevalentemente rivolti a giocatori professionisti”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
TAG:
item-thumbnail

Esplanade Hotel, o come festeggiare la Pasqua se sei un Barbarian

Per 85 anni il mitico club a inviti ha organizzato un tour durante le vacanze di Pasqua per incontrare i migliori club del Galles: una storia di risto...

21 aprile 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Six Nations Festival: Italia Under 18 in campo per l’ultima partita

Mattia Dolcetto: "Contenti dell’approccio che i giocatori". Contro il Galles si gioca alle 17

21 aprile 2019 Rugby Azzurro / Nazionali giovanili
item-thumbnail

Champions Cup: Leinster e Tolosa partono alla pari

Si gioca a Dublino, ma i francesi sembrano attraversare un momento migliore: match incertissimo, kick-off alle ore 16:15

21 aprile 2019 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Challenge Cup: la finale sarà tutta francese

La Rochelle e Clermont si aggiudicano le rispettive semifinali non senza patemi. Eliminati Sale Sharks e Harlequins

21 aprile 2019 Coppe Europee / Challenge Cup
item-thumbnail

Champions Cup: I Saracens battono Munster e volano in finale

Alla Ricoh Arena finisce 32-16, i Sarries attendono adesso di conoscere l'avversaria del St James' Park il prossimo 11 maggio

20 aprile 2019 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Continental Shield: vince Rovigo, ma in Challenge ci va Calvisano

Finisce 30-28 il confronto del Battaglini, gialloneri al gradino superiore grazie al risultato dell'andata

20 aprile 2019 Coppe Europee / Continental shield