Dal pareggio francese alla Rugby World Cup in casa: il Giappone e l’obiettivo 2019

Il “rovescio della medaglia” del pareggio francese. La nuova dimensione nipponica e l’obiettivo della Coppa del Mondo domestica

ph. Reuters

E’ il 25 novembre 2017, alla U Arena di Parigi Francia e Giappone nell’ultimo fine settimana di test match impattano clamorosamente sul 23-23.
Un risultato che ha dell’incredibile, per la prima volta la selezione del Sol Levante è riuscita a far risultato contro i Bleus, per di più in casa dei “Galletti”. Oltralpe si scatena il putiferio, che un mese dopo porterà alla cacciata di Guy Novès in favore di Jacques Brunel diventato allenatore della nazionale francese dal 27 dicembre scorso.

Tutti si concentrano quindi sul “lato transalpino” della questione, ma a quaranta giorni circa dalla partita è Noriyuki Sakamoto – segretario della Federazione Giapponese di rugby –  a rilasciare un’intervista a Le Figaro dove rivela le impressioni di quella sera da parte dei “Brave Blossoms” in vista anche della World Cup 2019, che organizzeranno in casa.

“Eravamo venuti in Francia per vincere, ma abbiamo concesso troppe penalità quella sera. Abbiamo capito che i nostri avversari avevano e hanno individualità maggiori rispetto alle nostre, ma si vedeva che mancavano di coesione. Non sembrava una squadra con un piano di gioco.

Il risultato ci ha dato grande confidenza, ma sappiamo che ora siamo sul radar di tutte le squadre internazionali e questo renderà loro più “diffidenti” nei nostri confronti. Saremo visti ed affrontati ad un livello maggiore. Sono prove come quella fatta a novembre che ci danno confidenza verso la World Cup 2019. Sappiamo che dovremo affrontare l’Irlanda nella Pool ma vogliamo batterla e darci un’opzione di qualificazione verso i quarti di finale, che restano il nostro obiettivo. Ci servirà una grande prova, ma se giochiamo come sappiamo siamo certi di potercela fare”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Qualificazioni mondiali: i risultati del torneo di ripescaggio

Dopo la prima giornata Canada decisamente favorita per la qualificazione. La Germania batte Hong Kong

11 novembre 2018 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Inghilterra, l’ultima trovata di Eddie Jones: preparare la Coppa del Mondo 2019 a Treviso

Il coach della nazionale britannica vede nella città veneta una location climaticamente simile al Giappone

26 ottobre 2018 News
item-thumbnail

Come si vive il rugby in Giappone: l’inimitabile rapporto tra club e azienda

Nella Top League a farla da padrone è la rivalità tra grandi imprese. Si gioca anche (e soprattutto) per sostenere la reputazione dell'azienda

18 ottobre 2018 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Come si vive il rugby in Giappone: la Top League e le sue stelle (seconda parte)

Dan Carter, Matt Giteau, Duane Vermeulen, Adam Ashley-Cooper... Sono solo alcuni dei grandi nomi che affollano il torneo nipponico

17 ottobre 2018 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Come si vive il rugby in Giappone: la Top League (prima parte)

Il massimo campionato nipponico è una realtà piuttosto diversa da quelle europee. Cerchiamo di capirne di più

16 ottobre 2018 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Verso la RWC 2019: la Russia si preparerà lavorando con i Dragons

Sinergia fra la nazionale europea e il team gallese, grazie al trait d'union di Lyn Jones

2 ottobre 2018 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019