Sudafrica-Australia e i pareggi nel rugby: Kurtley Beale vorrebbe l’extra time

Il trequarti dei Wallabies li ha definiti “una sensazione noiosa”. Un tema che ritorna dopo Lions-All Blacks

ph. Reuters

ph. Reuters

Il pareggio è un risultato che il mondo del rugby fa fatica a metabolizzare negli ultimi tempi. Il motivo è presto spiegato: l’evento ovale del 2017 più atteso, ovvero la serie tra British & Irish Lions e gli All Blacks, si è conclusa con un pareggio, senza vincitori né vinti, forzando una narrazione che necessariamente non ha potuto essere all’altezza dell’intero tour. Anche dalla tv, del resto, si percepiva il senso di disagio e di insoddisfazione che dilagava tra gli spalti dell’Eden Park e perfino tra i giocatori in campo, con quest’ultimi piuttosto indecisi sul da farsi (e i Lions se esultare o meno probabilmente).

 

La parola chiave, in questo senso, è insoddisfazione. La stessa emersa soprattuttto al termine della sfida di Bloemfontein tra Sudafrica e Australia del Rugby Championship, finita 27-27 al termine di una partita equilibrata e molto combattuta. Nulla di strano, se non fosse che lo scorso 9 settembre, a Perth, tra Wallabies e Springboks era finita allo stesso modo: con un pari, 23-23. Per comprendere la rarità dell’evento, basti pensare che fino ad un mese fa le due squadre avevano pareggiato soltanto una volta nella loro storia da avversarie (nel 2001). L’eccezionalità della situazione ha lasciato con l’amaro in bocca le parti e in particolare Kurtley Beale, intervistato nel post partita dal sito ufficiale dell’Australian Rugby Union: “È una sensazione noiosa – ha dichiarato il trequarti – È come se fosse un risultato già deciso. Entrambe le squadre pensavano che avrebbero dovuto vincere e per i tifosi probabilmente sarebbe stato meglio avere una fine diversa”.

 

Secondo Beale, insomma, l’idea di introdurre un tempo supplementare per poter decidere le sfide sarebbe da considerare, magari sulla falsariga di quanto avviene nella National Rugby League: “Un break di cinque o dieci minuti sarebbe servito giusto per recuperare un po’ di ossigeno”. Tutto, pur di non pareggiare.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

La prima lista di All Blacks verso la Rugby World Cup 2019

Steve Hansen ha convocato anche Sam Cane per il primo di tre "foundation days" in vista della stagione internazionale

9 aprile 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Argentina: Creevy resta fino a fine 2019, Tuculet due anni in più

Ma per il tallonatore potrebbe essere l'ultima stagione in patria, prima di un trasferimento in Francia

19 dicembre 2018 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Australia: Michael Cheika confermato, al suo fianco arriva un Director of Rugby

Da marzo 2019 Scott Johnson affiancherà l'head coach dei Wallabies, reduci da una stagione con quattro vittorie su nove partite

17 dicembre 2018 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Il CEO della NZRU ha detto che Joe Schmidt ha rifiutato un posto negli All Blacks

Ma non come head coach: avrebbe dovuto prendere il posto di Wayne Smith lo scorso anno

12 dicembre 2018 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Le quattro fasi del Deklerkismo

Come nasce, cresce e si sviluppa l'amore incondizionato per il mediano di mischia degli Springboks

11 ottobre 2018 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

All Blacks: Sam Cane sarà operato dopo la frattura ad una vertebra

Il terza linea era uscito durante il primo tempo della sfida contro gli Springboks. Per lui è previsto uno stop molto lungo

7 ottobre 2018 Emisfero Sud / Rugby Championship