Sudafrica-Australia e i pareggi nel rugby: Kurtley Beale vorrebbe l’extra time

Il trequarti dei Wallabies li ha definiti “una sensazione noiosa”. Un tema che ritorna dopo Lions-All Blacks

ph. Reuters

ph. Reuters

Il pareggio è un risultato che il mondo del rugby fa fatica a metabolizzare negli ultimi tempi. Il motivo è presto spiegato: l’evento ovale del 2017 più atteso, ovvero la serie tra British & Irish Lions e gli All Blacks, si è conclusa con un pareggio, senza vincitori né vinti, forzando una narrazione che necessariamente non ha potuto essere all’altezza dell’intero tour. Anche dalla tv, del resto, si percepiva il senso di disagio e di insoddisfazione che dilagava tra gli spalti dell’Eden Park e perfino tra i giocatori in campo, con quest’ultimi piuttosto indecisi sul da farsi (e i Lions se esultare o meno probabilmente).

 

La parola chiave, in questo senso, è insoddisfazione. La stessa emersa soprattuttto al termine della sfida di Bloemfontein tra Sudafrica e Australia del Rugby Championship, finita 27-27 al termine di una partita equilibrata e molto combattuta. Nulla di strano, se non fosse che lo scorso 9 settembre, a Perth, tra Wallabies e Springboks era finita allo stesso modo: con un pari, 23-23. Per comprendere la rarità dell’evento, basti pensare che fino ad un mese fa le due squadre avevano pareggiato soltanto una volta nella loro storia da avversarie (nel 2001). L’eccezionalità della situazione ha lasciato con l’amaro in bocca le parti e in particolare Kurtley Beale, intervistato nel post partita dal sito ufficiale dell’Australian Rugby Union: “È una sensazione noiosa – ha dichiarato il trequarti – È come se fosse un risultato già deciso. Entrambe le squadre pensavano che avrebbero dovuto vincere e per i tifosi probabilmente sarebbe stato meglio avere una fine diversa”.

 

Secondo Beale, insomma, l’idea di introdurre un tempo supplementare per poter decidere le sfide sarebbe da considerare, magari sulla falsariga di quanto avviene nella National Rugby League: “Un break di cinque o dieci minuti sarebbe servito giusto per recuperare un po’ di ossigeno”. Tutto, pur di non pareggiare.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Argentina: il ritorno di Manuel Montero

Il trequarti 26enne, in cerca di un nuovo inizio, rientra in gruppo dopo tre anni a causa dell'infortunio a Ramiro Moyano

24 settembre 2018 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Rugby Championship: anche Willie le Roux nella rosa del Sudafrica per le partite finali

L'estremo sarebbe dovuto ritornare ai Wasps, ma sarà invece a disposizione di Erasmus contro Australia e All Blacks

23 settembre 2018 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Quanto mancherà Willie le Roux al Sudafrica

L'estremo, faro offensivo degli Springboks fin qui, non giocherà le ultime due partite. Ma chi potrebbe sostituirlo?

21 settembre 2018 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Akira e Rieko Ioane rinnovano il contratto con la Federazione neozelandese

Due conferme importanti per la NZRU. L'ala resterà in Nuova Zelanda almeno fino al 2022

21 settembre 2018 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Rugby Championship: Mario Ledesma si schiera in difesa di Michael Cheika

Il paradosso di una vittoria che non ha reso del tutto felice il tecnico argentino

18 settembre 2018 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

La lite tra Lukhan Tui e un tifoso dell’Australia dopo la sconfitta con l’Argentina

È successo sugli spalti del CBS Stadium di Gold Coast. Il 21enne ha deciso intanto di non giocare più fino al prossimo anno

17 settembre 2018 Emisfero Sud / Rugby Championship