È morta Rebecca Braglia, la ragazza ricoverata per un trauma cranico dopo uno scontro di gioco

Lo ha annunciato il padre con un post su Facebook. Le sue condizioni erano rimaste sempre molto gravi

È morta Rebecca Braglia, la rugbista 18enne dell’Amatori Parma che aveva subito un trauma cranico durante una partita di Coppa Italia femminile domenica scorsa a Ravenna. A darne l’annuncio è il padre, Giuliano Braglia, con un post sulla sua pagina Facebook, dopo che in precedenza era stato avviato l’iter per l’accertamento della morte.

La ragazza aveva preso un forte colpo alla nuca ricadendo a terra dopo un placcaggio, che le aveva fatto perdere conoscenza. Trasportata all’ospedale “Bufalini” di Cesena, è stata operata d’urgenza e successivamente ricoverata in rianimazione, ma le sue condizioni erano rimaste sempre molto gravi nelle ultime ore.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Rugby Championship: il primo Sudafrica del 2019

Due esordienti (Elstadt e Herschel Jantjies) dal primo minuto, con diversi big a riposo

17 luglio 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Il calendario 2019/2020 del Pro14

Il Benetton aprirà il suo torneo in casa contro il Leinster. Trasferta a Edimburgo per le Zebre

17 luglio 2019 Pro 14
item-thumbnail

Le date del prossimo Top12 italiano e i gironi della Coppa Italia

Il campionato inizierà il 19 ottobre. La Coppa Italia vedrà quattro gironi: tre da 3 squadre, uno da 2

17 luglio 2019 Campionati Italiani
item-thumbnail

Rugby World Cup: i Test Match di preparazione dell’Italia in diretta su Rai 2

Le partite degli azzurri del mese di agosto saranno trasmesse in chiaro dall'emittente di Stato

17 luglio 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Ci può essere un nuovo Nehe Milner-Skudder?

Ovvero: un giocatore senza presenze in nazionale può diventare improvvisamente il titolare da qui alla Rugby World Cup in Giappone?

17 luglio 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

La Rugby World Cup 1999 raccontata da Marco Pastonesi

Quando la Coppa del Mondo si trasformò da "teatro per eroi dilettanti, a palcoscenico per attori professionisti".