Crowley: “Ci siamo messi sotto pressione da soli”. Lamaro: “Il pallone buttato fuori in anticipo? Il tempo era rosso”

Il tecnico azzurro e il capitano hanno chiarito alcuni aspetti della difficile partita di Lisbona, vinta 38-31 contro il Portogallo

COMMENTI DEI LETTORI
  1. Turch 25 Giugno 2022, 21:26

    Si Michele, a due minuti dalla fine e in pareggio si piazza.
    Comunque, sbagliando si impara, alla fine e` andata bene e domani e` un altro giorno.

  2. mistral 25 Giugno 2022, 21:31

    …” non pensi mai che a questo livello …”… quale livello?… quello di oggi era livello sotto zero, secondo o terzo ineterrato, ancor grazie ci fosse un’arbitra disposta a dirigere tale mediocrità, altro ché, ma ci fa o lo é?…

    • Turch 25 Giugno 2022, 21:46

      Non esageriamo, a livello internazionale il cronometro dello stadio non sicronizzato con quello dell’arbitro non e` normale.
      Che poi i nostri abbiano giocato di merda e` un altro discorso

      • mistral 26 Giugno 2022, 08:51

        …@Turch, scusa il ritardo: ciò che intendevo con il “ci fa o lo é” e semplicemente che, dato che è il capitano-uomo-esempio ed esemplare della squadra. leader etc etc, deve, sottolineo deve, mantenere la lucidità fino al fischio dell’arbitro e oltre, non può permettersi di “buttare” via la palla perché da qualche parte ha visto il numero 80… di più, aggiungo, sei sopra di soli sette minuscoli e fortunosi punti sul Portogallo, sottolineo Portogallo, e butti via la palla invece di dare l’anima per cercare almeno di finire in bellezza?… suvvia, capitano mio capitano, è chiaro che ti è mancato un mentore in campo cui ispirarti (e non per colpa tua, beninteso) ma almeno qualche video in giro da cui imparare lo trovi…

        • Turch 26 Giugno 2022, 09:00

          Non voglio difendere ad oltranza, ma se il cronometro dice che e` finita anche a me l’ultima cosa che passerebbe per la testa e` che il cronometro fosse sbagliato.
          Per quanto riguarda il cosa fare, in una partita in cui l’Italia ha sbagliato praticamente tutto e alla fine, per miracolo, sei avanti di 7, altro che cercare di chiudere in bellezza e magari finire subendo meta e buttando la vittoria alle ortiche, calcio fuori e vado a fare la doccia.

        • LiukMarc 26 Giugno 2022, 10:21

          Quello l’ho pensato anche io. Cioè, ok la strizza per una partita risolta praticamente alla fine evitando la figuraccia, ma al 79′ (stanchi loro più di noi) con noi in 15 e loro in 13, prova a giocarla che magari un’altra meta la tiri fuori. Ripeto, secondo me scarso coraggio da strizza per lo scampato “pericolo”, ma avrei sperato in altro come finale.

  3. ColdColdMan 25 Giugno 2022, 21:54

    In quelle situazioni deve decidere Crowley, abbiamo dimostrato varie volte che si può sbagliare e prendere decisioni avventate

    • Turch 25 Giugno 2022, 22:08

      no, e` ruolo del capitano. Crowley sta in tribuna e il capitano in campo.
      Se Lamaro non crede di essere lucido abbastanza deve dire ad uno dei sentori in campo di farlo ragionare in quelle situazioni.

      • ColdColdMan 25 Giugno 2022, 22:18

        Rimango della mia idea. Sguardo veloce in tribuna e decida Crowley. Ricorda anche la partita con gli all blacks dove c’erano state incomprensioni

        • LiukMarc 26 Giugno 2022, 10:19

          Si ma appunto perchè è il capitano che deve crescere e imparare a gestire certe situazioni. Lo sguardo in tribuna posso mandarlo al 72′ di una partita del 6N o del Mondiale, non di un TM estivo.
          Io sono dell’idea che queste siano decisioni “da capitano”. Non ricordo Parisse, Bortolami, Trocon o Ghira che guardavano cenni dei vari Mallet, Berbizier e Brunel prima di prendere una decisione…

  4. tifoso ignorante 25 Giugno 2022, 22:07

    Lamaro ottimo leader by example, ma il capitano lo faccia qualcun altro, per piacere…

    • ColdColdMan 25 Giugno 2022, 22:19

      Non è possibile scrivere certe cose. Non ti rispondo neanche nel merito, è semplicemente insensato che Lamaro sia inadeguato per una partita così così

      • tifoso ignorante 25 Giugno 2022, 22:33

        E’ possibilissimo, invece.
        Io non metto in discussione il giocatore e il suo atteggiamento, anzi l’ho definito leader by example (se non sai cosa vuol dire prendi in mano un vocabolario), ma un capitano deve essere lucido in campo e lui non lo è.

        • sellagisqamberablanco 25 Giugno 2022, 23:52

          Diciamo che almeno il nick te lo sei scelto bene

          • tifoso ignorante 26 Giugno 2022, 07:36

            Altri neanche quello…

    • gasport 26 Giugno 2022, 01:27

      Scusate, ma perché uno non può sentirsi libero di esprimere un parere fuori dal coro? Tutta questa leadership in Lamaro nemmeno io la vedo, né in nazionale né tantomeno a Treviso..a fine primo tempo era uno dei primi cambi che avrei fatto..Rende molto di più quando scaricato da queste responsabilità..

      • eurobatman 26 Giugno 2022, 02:16
        • Hrothepert 26 Giugno 2022, 07:35

          Quoto pure io.

          • ermy 26 Giugno 2022, 08:22

            Occhio alla Georgia @Hro!!! 😂

          • Hrothepert 26 Giugno 2022, 09:35

            Ermy, non l’ ho vista, ma, da quello che ho letto, se “Giubba Rossa” non fa giocare la formazione migliore, rischiamo di perdere anche contro una squadra di “onesti manovali” della palla ovale come i “Fenomeni dell’ Est”!!!!

          • Hrothepert 26 Giugno 2022, 09:41

            P.S.
            Detto questo, con il XV migliore, tra l’ Italia e la Georgia, ci devono essere 15/20 punti di scarto.

          • ermy 26 Giugno 2022, 12:55

            Hro, son d’accordo con te, ma stanno migliorando giocando molti in Francia, vista ieri la mentalità italiana c’è da aspettarsi di tutto.
            Ieri gli u.20 non erano male, poi i nostri si sono imposti bene, ma non come si dovrebbe… fermati a 36, ma ci stavano 50!!!

      • ColdColdMan 26 Giugno 2022, 09:32

        Cioè abbiamo già dimenticato il sei nazioni?

        • gasport 26 Giugno 2022, 09:46
          • ColdColdMan 26 Giugno 2022, 13:55

            Intendo che nel sei nazioni Lamaro è stato un giocatore clamoroso

          • Hrothepert 26 Giugno 2022, 16:52

            @ColdColdman, mi permetto di ribadirti che nessuno ha espresso la benchè minima critica su Lamaro come giocatore ed esempio per gli altri in campo, ma, chi lo ha fatto, soltanto la lucidità di prendere le decisioni i qualità di capitano.

      • massimiliano 26 Giugno 2022, 09:58

        Anche a me molte volte non è sembrato un capitano costruttivo. Rispetto per il giocatore, spesso gladiatorio, ma forse dovrebbe ritrovare, lui come buona parte del rugby italiano, la giusta umiltà

      • sellagisqamberablanco 26 Giugno 2022, 10:44

        Le opinioni si rispettano, la maleducazione no; i toni usati in certi post, nei confronti dei giocatori, del tecnico o degli altri partecipanti al forum, sono sgradevoli e inopportuni.
        Ricordo a tutti che, piaccia o meno, quelli che scendono in campo non lo fanno con l’intenzione di perdere o di fare figuracce e, piaccia o meno, sono quanto di meglio il nostro movimento possa offrire per rappresentare tutti noi.
        Siete più bravi di loro? Fatevi avanti, sarete i benvenuti … con la b minuscola ovviamente

        • Hrothepert 26 Giugno 2022, 11:13

          @sellagisquamberablanco, se posso permettermi (senza voler fare l’ avvocato di nessuno), con tutto quello che è stato scritto, nei commenti tecnici alla partita, riservare un commento così squilibratamente inelegante nei confronti di @tifoso ignorante, che, pur riconoscendo le qualità di giocatore e di leadership di Lamaro, ha solamente espresso il suo parere (condiviso anche da altri), per il quale, durante il match, spesso non ha la lucidità necessaria a leggere correttamente la situazioni (cosa che, per inciso, alcune volte veniva imputata perfino a Parisse!!!), mi sembra, perdonami se te lo faccio notare, quanto meno….inappropriato.

          • sellagisqamberablanco 27 Giugno 2022, 21:31

            a me sembra inappropriato invitare qualcuno a prendersi il vocabolario per tradurre una inutile sboronata dandogli implicitamente dell’ignorante ma, come spesso accade, ognuno la vede a modo suo

        • Matt Bry 26 Giugno 2022, 11:40

          Glie lo dico da ex giocatore professionista, che il campo l’ha assaggiato per 23 anni della suo vita di cui 12 da professionista. É un discorso senza senso il suo… Cosa vuol dire se sei pbravo lo faccia lei? Io non pretendo he un operaio sappia giocare a rugby ma pretendo che un operaio sappia fare il proprio lavoro, soprattutto quando questo operaio é pagato e riconosciuto internazionalmente come il miglior mulettista italiano in circolazione. Stessa cosa vale per un professionista che indossa la maglia dell’ italia e la toglie a qualche altro ragazzo, emergente o atleta che sogna quella maglia. L’ho già detto più volte in questi forum si passa da prestazioni eccelse, dove si ha un ottimo attenzione nelle rush defense e Fletcher arrembanti nel breackdown. Un 1-3-3-1 ben organizzato e box kick da scrumbler D per il guadagno territoriale ben gestiti. Buona attenzione nei set piece linea di corsa ben portate con ottimi raddoppio con Pinball o sostegni in continuity sul play-breack…. Poi c’é l’Uruguay c’é la Scozia, c’é il portogallo che signori, per chi non segue tanto il rugby europeo, quest’ultimo contro il Giappone era 21-26 all’80esimo e i portoghesi giocavano arrembanti e senza paura nei 22 loro a gioco scaduto…. Con il Giappone!!! Quindi se lo so io dovrebbero saperlo anche i giocatori di una nazionale. Detto ciò io credo sia un enorme problema mentale. Non produciamo giocatori con la mentalità da rugby, é una nazionale tecnicamente con ottimi individuali skills molto più secondo me della nazionale dei cutitta, tronco, Dominguez, castrogiovanni, lo Cicero…. Ma quello avevano dentro la mentalità da campione, quella che non s accetta una sconfitta o una figuraccia, quella che ti fa vincere le partite e i campionati o i tornei… Quella cosa che non puoi allenare o comprare, é lì secondo me che l’italia é assente…. Nel rugby devi avere più il mind set di un pugile!! Non deve giocare per vincere, quello lo può dire un calciatore, un pallavolista, o pallacanestro… Un rugbista deve combattere per vincere, poi vengono le skills, handling etc… Ma devi essere disposto a morire in campo e uccidere (sportivamente parlando) l’avversario no giocarci contro…

          • marino 26 Giugno 2022, 12:03

            Lei parla come un esperto! Dove ha giocato da professionista?

          • Fab 26 Giugno 2022, 12:12

            Concordo con quello che deve essere lo spirito per portare a casa una partita di rugby a qualunque livello. Sul resto non mi esprimo perché, essendo stata una pippa, molte cose manco le ho capite😄

          • mistral 26 Giugno 2022, 14:13

            @Matt… “Un rugbista deve combattere per vincere…”…parole sante, che ti porti dentro (devi portarti dentro) anche nel quotidiano, e non valgono solo per gli 80 minuti… e se non vinci devi comunque poter guardarti dentro (ed allo specchio) e poter dire “più di così non potevo dare!”… grazie per le tue parole…

          • brock 26 Giugno 2022, 20:37

            Anche io ho giocato a livello professionistico per diversi anni, seppure in un altro sport. Sono perfettamente d’accordo con lei e più volte in questo forum ho sollevato gli stessi temi.
            Quando hai una squadra composta in larga parte da giocatori che hanno un curriculum da professionista fatto al 80% di sconfitte, spesso veri e propri massacri, hai ormai acquisito una tale assuefazione alla sconfitta che sei spacciato in partenza.
            Questo vale per la nazionale così come per le due franchigie di URC.
            Perdere aiuta a perdere e a costruire mentalità perdenti, non conosco un solo atleta che abbia costruito autostima e mentalità vincente perdendo sempre o quasi.

          • Matt Bry 27 Giugno 2022, 11:35

            @marino ho giocato nella All-Ireland Leauge, ProD2 ed Eccellenza (top10).

          • Matt Bry 27 Giugno 2022, 11:46

            @mistral grazie a te per le belle parole. Se posso aggiungo: una volta che hai perso ma hai dato tutto e guardandoti dentro dice “ok ho dato tutto non potevo fare altro” è lì che un atleta prende due vie. 1) Chi dice ok non potevo fare altrimenti e torna ad allenarsi. 2) chi si incazza a morte e dice dopo aver dato tutto e perso “no non va bene che ho dato tutto e ho perso lo stesso, allora vuol dire che dare tutto no basta, cosa posso fare di più? perchè io voglio vincere!” torna ad allenarsi lunedì più forte e più incazzato di prima, vomita in capo per oltrepassare i propri limiti e toglie ore ai propri figli o ai propri cari o ai propri amici o anche a se stesso perchè si deve allenare di più e più di prima. Non so se ho reso l’idea ma questo è il campione, queste sono le persone che ti fanno vincere tutto!! Io ho avuto la fortuna di vedere come si allenava Sexton tanti anni fa…. Era un pazzo! Uno che se per sbaglio perde a dadi o briscola spacca tutto e non parla più finchè non riesce a rivincere a dadi e a briscola…..

          • mikefava 28 Giugno 2022, 03:50

            Dopo la partita dell’ultimo Sei Nazioni tra Italia e Irlanda, paragonai Jonathan Sexton a Michael Jordan…e direi che non ho sbagliato 🙂

  5. Giana7 26 Giugno 2022, 13:48

    io vorrei porre un altro quesito a voi, ovvero, secondo me non si è dato il giusto peso al valore tecnico del Portogallo a tavolino, in cronaca ho sentito parlare di parecchi giocatori militanti in ProD2 uno con più di 200 presenze, mediano di mischia e tallonatore abituèe del top14, prestazioni recenti di spessore contro Georgia e Giappone, e poi ci aspettiamo di dare 50 punti di scarto, allora dico che, si è mancata completamente la prestazione, ma forse questo abisso tecnico è più ridotto di quello che si credeva . dico che bisognava assolutamente vincere meglio ma non era così scontato come pareva essere applicare un tariffario pesante ai portoghesi.

    • Maggicopinti 26 Giugno 2022, 15:52

      Oddio, è vero che ci sono ottimi giocatori portoghesi in Francia, ma la differenza tra le due squadre in campo ieri c’era, eccome. A parte quei tre-quttro giocatori ottimi, c’erano alcuni lusitani con mani di pietra, palle sparate in faccia, sostituti delle prime linee non pervenute…Soprattutto c’era – di dovrebbe essere – una differenza nella fisicità molto evidente, loro sono veloci a muovere il pallone al largo, ma a fare a sportellate dovevano prenderle, eccome se dovevano. Invece mi pareva che i nostri di fare a sportellate non ne avessero voglia, né ci mettevano la giusta concentrazione. Lo di vedeva da un sacco di decisioni tattiche….dubbie, diciamo.

      Alla terza o quarta volta in cui calci dalla base e loro la tengono per due-tre minuti con azioni al largo molto belle, forse è il caso di smettere di dargliela. Soprattutto se il vento accorcia i tuoi calci. Se in mischia non sei così dominante perché loro fanno i furbi e l’arbitro non se ne accorge, è inutile chiedere ancora mischia, che ti costa un minuto e mezzo di partita e ne mancano meno di dieci alla fine. E poi mille errori di distrazione o di presunzione, la palle sparate in bocca al compagno ad un metro dalla linea laterale (buttato fuori), l’up and under che non finisce appena fuori dai 22, ma in proprio mezzo alla loro area (!) con mark bello comodo e palla regalata, due touche tirate lunghissime invece che davanti, ben sapendo che il vento che la spostava di mezzo metro, trulla che si fa mezzo campo in orizzontale a cercare ostinatamente un buco che non esiste…

  6. mikefava 26 Giugno 2022, 23:48

    Partiamo dal presupposto che le squadre “semplici” da affrontare non esistono. Nel senso che anche chi, sulla carta e solo quella, può essere magari tecnicamente inferiore, può comunque dire la sua con il giusto atteggiamento e la giusta fisicità o la giusta furbizia. Per contro, è proprio un atteggiamento sbagliato che da superiore, sulla carta e solo su quella, ti può portare problemi, danneggiare e farti soffrire le pene dell’inferno. Quindi il Portogallo era una squadra tecnicamente inferiore, ma aveva l’atteggiamento giusto in campo. L’Italia, al contrario, non lo aveva. Soprattutto per questa Italia, squadre facili non ce ne sono. La vittoria col Galles è stata conseguita per via di un atteggiamento ottimo in campo e un pizzico di fortuna, mentre il Galles era lì che credeva di darcene 50. E’ ora di finirla di pensare in grande, bisogna solo pensare a fare bene. Chi pensava o sognava i 75 punti (addirittura!!!) dati al Portogallo…sognava sì, fortissimo. Facciamo prestissimo a dimenticarci che la nazionale italiana ha i suoi limiti ma da appassionati e tifosi bisogna sempre ricordarlo. Ora verranno altre due partite tutt’altro che “semplici” ma l’Italia saprà risorgere, perché è sempre così. E soprattutto, se c’era una partita in cui vedere chi è adatto e chi no, era quella giocata ieri. Io sono dell’idea che al Sei Nazioni non si fa alcun tipo di prova, ma un test match estivo può essere una prova, anche se si deve fare comunque bella figura. Teniamoci il risultato e andiamo avanti, senza strapparci i capelli.

  7. sellagisqamberablanco 27 Giugno 2022, 21:37

    Sarà che io non ho un passato da professionista della palla ovale ma, non vedendo questi gran fenomeni all’orizzonte, mi piacerebbe sapere, da quelli più esperti fra di voi, quali sono i giocatori che dovrebbero prendere il posto di quelli selezionati da Crowley e farci vincere contro formazioni che, per oggi, ce le suonano regolarmente.

Lascia un commento

item-thumbnail

Ange Capuozzo è nel XV ideale di Planet Rugby per le Autumn Nation Series 2022

Menzioni d'onore anche per Michele Lamaro e Ignacio Brex

29 Novembre 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Lorenzo Cannone: “Con l’Italia è stato un novembre positivo. Ora testa alle gare col Benetton”

L'avanti ripensa al mese internazionale appena concluso proiettandosi verso il futuro

item-thumbnail

Grazie Italrugby, e adesso al lavoro verso il Sei Nazioni 2023

Qualche riflessione su cosa ci lascia il novembre azzurro

21 Novembre 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

World Rugby Awards: Ange Capuozzo premiato “Rivelazione dell’anno”

L'estremo azzurro ha ricevuto il premio durante la cerimonia ufficiale di Montecarlo

20 Novembre 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: le parole di Lorenzo Cannone e Pierre Bruno dopo Italia-Sudafrica

I due azzurri analizzano il match di Marassi e il percorso azzurro in queste Autumn Nations Series

20 Novembre 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia-Sudafrica: le pagelle degli Azzurri

I giudizi sulle prestazioni degli Azzurri in Italia-Sudafrica, ultima gara delle Autumn Nations Series della Nazionale, finita 21-63

20 Novembre 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale