Paolo Garbisi da Montpellier: “Ho ancora tanti margini di crescita. In Nazionale difesa e disciplina”

Il mediano d’apertura azzurro parla del suo bel momento con il club transalpino e si dice speranzoso per il futuro con la Nazionale

COMMENTI DEI LETTORI
  1. narodnik 10 Gennaio 2022, 10:13

    250 sponsor significa che tutta la regione è coinvolta,ci sarà un minimo ma credo vicino ai 100k,il fatto che gli investitori li incontrano e ci scambiano due parole è una trovata geniale,non tanto per quello che si dicono ma per il senso di appartenenza al progetto.

  2. lear 10 Gennaio 2022, 10:41

    Io non sono superstizioso, però iniziare un articolo che parli di Garbisi: “Sembra non volersi fermare mai il bel momento di Paolo Garbisi”, come se a qualcuno il suo successo dia fastidio, ma fatevi un pò i c…i vostri una volta tanto e lasciatelo lavorare. In passato abbiamo visto altri casi come Polledri, Riccioni e qualcun altro che a furia tirare seccie abbiamo visto che fine hanno fatto.
    Grazie !!! 🤘🤘🤘🤘🤘🦉🦉🦉
    …..quanno ce vò ce vò !!!

  3. Parvus 10 Gennaio 2022, 11:38

    garbisi è un grande.
    speriamo che resti con i piedi per terra.

  4. Ventu 10 Gennaio 2022, 12:39

    Bravo Paolo continua così

  5. madmax 10 Gennaio 2022, 14:35

    Inevitabile riflettere su quanto più rapidamente e meglio crescerebbero giocatori come Bruno, Menoncello o Lamaro stesso se giocassero nei club francesi. Al contrario, che involuzione avrebbe avuto Capuozzo alle Zebre.

    • Bimbubam 10 Gennaio 2022, 15:34

      Io rimango convinto che se quando le Zebre fallirono Canna fosse andato all’estero magari non sarebbe stato un campione, ma un 10 solido a livello internazionale sì. Ma considerato quello che è successo a Padovani nella stessa situazione (grazie Gavazzi) e che Canna è pure delle fiamme, non sarebbe mai potuto succedere

    • Ventu 10 Gennaio 2022, 15:48

      Secondo me dipende dalle situazioni, detto questo penso che a Bruno in particolare farebbe bene. (mettiamoci anche Licata e Giammarioli).

      • Ventu 10 Gennaio 2022, 15:50

        Mi spiego meglio, se vai a finire in una buona squadra, in cui c’è un progetto di crescita allora si’. Ma se invece si finisce in una squadra di media classifica del proD2 ci si diverte e si fa una bella esperienza personale.

  6. Parvus 11 Gennaio 2022, 14:50

    avete ragione a dire che è essenziale andare all’estero per fare il salto di qualità , ma garbisi e riccio erano forti anche quando erano in italia! comunque per me è NECESSARIO andare o in francia o in inghilterra per meglio formarsi.
    putroppo non abbiamo grandi allenatori in italia.

    • mikefava 11 Gennaio 2022, 15:20

      Ma è ovvio, se di base non dimostri talento, mica ti prendono in considerazione all’estero…come detto anche altre volte, chiediamoci come mai non hanno mai chiesto di Lucchesi, Fischetti, Cannone o anche Lamaro…ma la risposta è chiara.

Lascia un commento

item-thumbnail

Marcus Smith fuori per infortunio fino a gennaio 2023

Gli Harlequins punteranno verosimilmente su Tommaso Allan, mentre Eddie Jones spera di ritrovarlo per il match contro la Scozia al Sei Nazioni

4 Dicembre 2022 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Ronan O’Gara non si muove, pronto il rinnovo triennale a La Rochelle

L'head coach campione d'Europa, corteggiato da diverse federazioni per prendere in mano una nazionale, sembra vicino al prolungamento del contratto

30 Novembre 2022 Emisfero Nord
item-thumbnail

Top14, Andrea Piardi arbiterà in Francia nel prossimo turno

Il direttore di gara bresciano dirigerà il match tra Bordeaux e Brive in calendario per sabato 3 dicembre

29 Novembre 2022 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Il weekend degli italiani all’estero, dalla Premiership al Top14

Azzurri al rientro dall'autunno internazionale, il ritorno di Polledri e l'esordio di Turani

28 Novembre 2022 Emisfero Nord
item-thumbnail

Il ritorno di Jake Polledri in Premiership

E gli altri Azzurri di ritorno nel massimo campionato inglese

24 Novembre 2022 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Ronan O’Gara è stato squalificato per 10 settimane

Il tecnico irlandese incappa nella quarta sanzione in un anno

24 Novembre 2022 Emisfero Nord / Top 14