Zebre, Bradley: “Ultime settimane difficili, ma niente scuse. Le Zebre sono migliori di quelle odierne”

Il coach irlandese ha parlato nell’immediato post gara del Lanfranchi

COMMENTI DEI LETTORI
  1. mistral 12 Dicembre 2021, 09:18

    …Zebre migliori di quelle odierne, Bradley si riferisce a quelle del ’73?

  2. kinky 12 Dicembre 2021, 09:56

    Pe-trarca Pe-trarca Pe-trarca

  3. turcomanno2014 12 Dicembre 2021, 09:57

    La federazione non ha molti soldi, zebre Benetton e nazionali assorbono l’80% del budget, per vedere un salto di qualità dei nostri giocatori li dobbiamo mandare all’estero… Abbiamo problemi di staff, che in molti punti del gioco sembrano deficitari(breakdown, touche, MISCHIA, schemi attacco) capisco contratti firmati ecc., ma così sta roba non serve a niente, e continua ad allargare la differenza tra noi e gli altri. Bisogna razionalizzare le spese, visto che a entrate stiamo a zero ed eliminare una franchigia e mandare più giocatori ed allenatori fuori, secondo me anche perché a forza di perdere così male i ragazzi non possono che demoralizzarti.
    Io la penso cosi

    • Nik73 12 Dicembre 2021, 10:36

      Purtroppo le Zebre non hanno mai attirato il pubblico a Parma e nessuno sponsor importante che potesse consentire di avere un budget congruo, di consegunenza sono quasi totalmente dipendenti dalla federazione e il budget e’ (forse) la meta’ del minimo che servirebbe… in queste condizioni di “nozze con i fichi secchi” purtroppo non ci si possono aspettare molti risultati e in effetti con un appoggio locale molto limitato non so se valga la pena di continuare l’accanimento terapeutico a Parma.
      una delle pessime conseguenze e’ che anche giocatori buoni finiscono per deprimersi, appiattirsi, e subire un processo di involuzione anziche’ migliorare con l’esperienza, il primo esempio evidente e’ Canna che e’ nell’eta’ della piena maturita’ ma era un giocatore molto migliore pochi anni fa.

  4. Canistracci 12 Dicembre 2021, 10:30

    Abbiamo allenatori- dirigenti di azienda- che dopo anni che vivono e lavorano in Italia non riescono a mettere insieme due parole di italiano. Piano di gioco inesistente. Giocatori che hanno la stessa “garra” che ha un bambino in una culla. Urge un cambio radicale.

  5. madmax 12 Dicembre 2021, 11:40

    Bradley mi è simpatico ma il suo italiano dopo tanti anni è ancora pietoso. Per caso ho ascoltato Ibrahimovic e centrava quasi i congiuntivi… altro pianeta. Sono piccole cose, che dimostrano il rispetto per il paese nel quale operi e che mantiene te e la tua famiglia. In questo sia lui sia Crowley profondamente deficenti.

  6. Parvus 12 Dicembre 2021, 11:40

    io vedrei bene che treviso e padova si unissero e dessero il via al progetto DOGI tanto caro ad innocenti.
    padova e treviso avrebbero i fondi necessari con l’aiuto dell’ immancabile fir, per costruire una franchigia con selezionati elementi stranieri di primissimo piano.
    per me e non solo per me, vedere due franchigie in veneto sarebbe un bel e pesante autogol soprattutto per la federazione.
    ricordiamoci che ora le zebre non sono gestite con “il sistema gavazzi”, ma con “il sistema innocenti” e quindi se andassero a chiudere, ne perderebbe veramente tanto la nostra federazione!!!!
    penso solo ai soldi delle acciaierie padovane con i soldi dei maglioni trevisani cosa si potrebbe fare!!!!
    avanti con i dogi!!!! senza perdere tanto tempo.
    tanto sia padova che treviso trovrebbero un buon accordo in caso di progetto condiviso DOGI.

    • cammy 12 Dicembre 2021, 12:03

      Dalla proposta del Petrarca di entrare nel pro14 senza contributo federale a partner di Treviso.. me sa che c’è ne passa..

  7. fulvio.manfredi 12 Dicembre 2021, 12:04

    Abbiamo assoluto bisogno di allargare la base e la FIR continua a finanziare due franchigie. Una, per il nostro livello, basta e avanza e la sede dev’essere Treviso (Parma chiaramente non la merita..). Se poi, per impegni contrattuali, dobbiamo proprio metterne in campo due, questo è un problema perché dove stanno i soldi per sostenerne una seconda totalmente privata? Le multinazionali straniere investono in squadre italiane, ma certamente, con la fama che abbiamo, non in squadre di rugby.

  8. Parvus 12 Dicembre 2021, 14:03

    ripeto se padova facesse una franchigia da sola, non avrebbe senso…, visto che a poche decine di kilometri c’é treviso!!!!! cogliere l’opportunità di fondere due patrimoni enormi come quello nero e quello bianco verde, convogliando tutto sotto la maglietta rossa con i bordi gialli dei dogi sarebbe scacco matto in una mossa.
    sarebbe far capire che il veneto non è rampante campanilismo ma interpretazione di un progetto, capacità progettuale, visione di insieme…., insomma fare sistema, quello che non è stato fatto a parma.

    • maiunagioia 12 Dicembre 2021, 14:31

      Il fatto di avere le due squadre italiane in URC distanti pochi km rappresenta un problema?
      Io non vedo come. Anzi e’ un valore aggiunto. Ricordo poi che mentre la Fir paga l’affitto delle strutture in uso alle Zebre, il Petrarca ha impianti di proprietà. Così come Treviso.
      Avere i migliori italiani che si allenano e giocano a distanza di 1 ora in una delle regioni con la più alta capillarità di club e appassionati, è solo positivo. Viadana con gli Aironi e Parma con le Zebre hanno dimostrato che forzare una scelta solo per una questione territoriale è sbagliato. Padova ha sponsor, strutture e storia per poter puntare sempre a vincere quando scende in campo. Le Zebre giocano per partecipare…

  9. Gianluca jesi 12 Dicembre 2021, 14:04

    Forse voleva dire ” i ragazzi sentono la precarietà e non si vogliono spendere più di tanto, col rischio poi di rompersi, sono professionisti e si stanno guardando intorno”. Agonia

  10. 3rdlost 12 Dicembre 2021, 14:33

    Qui si gioca a fare gli imprenditori con i soldi degli altri… Quindi patron Petrarca metterebbe i soldi e Treviso comanda? O patron Treviso e lascia comandare Petrarca? Sogni o desideri? O meglio si mettono d’accordo? In modo da avere soldi per sviluppare il rugby in altre zone di Italia? Ripeto sogni e desideri. Non ritengo che investire nel top10 sia un modo di sviluppare il gioco in Italia, senza il contributo federale il top 10 non reggerebbe neanche il torneo provinciale.. Con 300 spettatori di media cosa vuoi scimmiottare. Tagliare i contributi a tutte le squadre senior, finanziarie solo tornei giovanili dando grossi contributi ai vincitori, premiando chi effettivamente è bravo. Non chi importa stranieri..

  11. narodnik 12 Dicembre 2021, 21:29

    La peggiore squadra d’Europa,se fanno l’exploit e levano punti a Treviso sarebbe la beffa finale.

Lascia un commento

item-thumbnail

Zebre: il bollettino medico su Johan Meyer

Le condizioni del terza linea degli emiliani

29 Novembre 2022 United Rugby Championship / Zebre Rugby
item-thumbnail

Il calendario delle Zebre fino ai derby col Benetton Rugby

Impegni contro squadre scozzesi, francesi e inglesi

28 Novembre 2022 United Rugby Championship / Zebre Rugby
item-thumbnail

URC: Zebre, niente da fare. Ulster domina e vince 36-15

La squadra di Roselli ci prova, soprattutto nel primo tempo, ma gli irlandesi prendono il largo nel finale di frazione e gestiscono il secondo tempo s...

25 Novembre 2022 United Rugby Championship / Zebre Rugby
item-thumbnail

URC: la preview di Ulster-Zebre

Riprende il torneo intercontinentale. Gli emiliani fanno visita agli irlandesi: kick off, oggi, alle ore 20.35

25 Novembre 2022 United Rugby Championship / Zebre Rugby
item-thumbnail

URC, Zebre: la formazione che fa visita all’Ulster

Matt Kvesic in campo dal primo minuto, possibile esordio anche per Riccardo Genovese

24 Novembre 2022 United Rugby Championship / Zebre Rugby
item-thumbnail

URC, Ulster: due nazionali infortunati saltano la sfida con le Zebre

Nordirlandesi alle prese con diverse assenze nel preparare la sfida alla franchigia ducale, in calendario venerdì alle 20.35

22 Novembre 2022 United Rugby Championship / Zebre Rugby