Top10: la meta finale di Greeff in Petrarca-Rovigo, spiegata da Marius Mitrea

Abbiamo chiesto all’arbitro della finale del massimo campionato di tornare sul momento decisivo del match e spiegarci nel dettaglio il protocollo TMO

COMMENTI DEI LETTORI
  1. Dusty 9 Giugno 2021, 09:33

    Come sempre Mitrea è semplice e chiaro nelle sue spiegazioni. Del resto siamo di fronte al miglior arbitro che finora l’Italia abbia mai avuto ed inoltre aggiungerei come la sua presenza aiuti a crescere la folta schiera di direttori di gara che da qualche tempo si è affacciata, anche grazie a lui, sulle scene nazionali e internazionali. Speriamo che la FIR sappia avvalersi delle sue competenze e della considerazione internazionale di cui gode per dei ruoli di formazione e sviluppo dell’intera classe arbitrale.

    • Cuco23 9 Giugno 2021, 17:56

      Buon arbitro senza ombra di dubbio, sul discorso miglior arbitro italiano mai avuto a mio parere credo che Giulio De Santis sia superiore a Mitrea

  2. s6tefanoRR 9 Giugno 2021, 09:45

    Il Rovigo, per correttezza dell’articolo, non ha “inseguito tutto l’incontro”, il risultato a fine primo tempo era 10-16 per la RR. Tuttavia apparte un lieve momento di stanchezza, la RR ha condotto per tutto l’incontro il gioco mantenendo “il bandolo della matassa”, il Pet aveva solo Lyle a tenerli a galla.
    Riguardo la meta: non è mai stata messa in dubbio il toccato, semmai si voleva essere certi che non vi fossero scorrettezze. Dubbio confutare dal valido Mitrea. Tutto il resto sono polemiche da bar sport, come le inesattezze e il pressapochismo di questo articolo confermano.

  3. robrossi 9 Giugno 2021, 10:01

    Domanda per gli arbitri che leggono: l’interpretazione “usa soltanto il braccio e non le gambe e il corpo e quindi non è doppio movimento”, è univoca o una tesi di Mitrea?

    • Dusty 9 Giugno 2021, 10:12

      E’ la regola, anche perché un arbitro non deve avere tesi o interpretazioni ma applicare solo ed unicamente il regolamento.

      • robrossi 9 Giugno 2021, 11:22

        Veramente il regolamento non cita tutto ciò. Il regolamento del rugby union non parla neanche di doppio movimento (quello del rugby leage sì).
        la regola 8.2c dice “A try is scored when an attacking player with the ball is tackled short of the goal line and the player’s momentum carries them in a continuous movement along the ground into the opponents’ in-goal, and the player is first to ground the ball.
        La 21.7 dice “If a tackled player has momentum that carries them into their own in-goal area, they can make a touch down”.
        Quello che dice Mitrea non è frutto della lettera del regolamento, ma, immagino, di una prassi interpretativa stabilita tra arbitri.

        • fan5712 9 Giugno 2021, 13:28

          Forse dovresti leggere anche il regolamento in italiano, o andare a vedere un’altra regola, magari del placcaggio.

          • robrossi 9 Giugno 2021, 15:31

            Ma esiste un regolamento italiano(che non sia la traduzione del regolamento di world rugby)?

  4. sonny 9 Giugno 2021, 13:01

    A dire il vero nel secondo tempo Rovigo a parte di tre mark è apparso nei 22 Petrarchini al trentaseiesimo con quella fantastica azione che ha portato la meta .

  5. fan5712 9 Giugno 2021, 13:34

    Chissà se la finale del 2013 Prato Mogliano avrebbe avuto un esito diverso se l’arbitro avrebbe presa la decisione sul campo come in questo caso

  6. gian 9 Giugno 2021, 16:00

    Ringraziamo mitrea per la spiegazione della catena delle decisioni, così si chiariscono un paio di dubbi che si possono avere riguardo l’uso del tmo in certe situazioni, tra l’altro mitrea, in campo, aveva ben spiegato tutto parlando con il resto dello staff arbitrale ed aveva indicato, chiaramente, che voleva vedere se ci fosse stata una spinta con le gambe, in quel caso avrebbe dato doppio movimento, la spinta non c’era, meta chiara e senza discussioni.
    Detto questo, sarebbe meglio spiegare qualcosa sul doppio movimento, perché ok se uno corto allunga il braccio, ok se sull’inerzia o sul rotolamento si arriva in meta, ma un giocatore che si insacca a 30cm dalla meta e che riesce a segnare con la palla protetta sotto al petto con un evidente sforzo suppletivo e l’aiuto della spinta dei compagni, come successo in finale, con che criterio gli fischi o meno il doppio movimento?
    Ripeto, per l’interpretazione di mitrea la meta era chiara ed evidente e senza discussioni, però vorrei capire (e vedo che non sono il solo) le linee guida che regolamentano le letture sul doppio movimento

  7. Cuco23 9 Giugno 2021, 17:52

    Al momento della designazione arbitrale ero scettico riguardo Mitrea, e invece riconosco che ha arbitrato molto bene. Sulla meta finale non credo ci siano dubbi, mentre se proprio dobbiamo imputargli un errore, penso che abbia graziato il Rovigo di un giallo (presa al collo di Trussardi).

    • gian 9 Giugno 2021, 23:30

      Discutibile, anche se non si vede benissimo dalle immagini, il calcio dato per una mezza spinta ad un rossoblù che pareva aver fatto ostruzione e che finisce addosso al ricevitore.
      Calcio Rovigo che si toglie gratis da un bell’impiccio nei pressi dei suoi 22 in un momento difficile

Lascia un commento

item-thumbnail

Top 10, Mogliano: 11 giocatori salutano il club

Sono 11 i giocatori che lasciano il club dopo la stagione 2020-21, tra cui il capitano Matteo Corazzi

27 Luglio 2021 Campionati Italiani / TOP10
item-thumbnail

Colorno: ufficiale l’ingaggio di Cristian Bartoloni

Ottavo innesto degli emiliani per la prossima annata agonistica

27 Luglio 2021 Campionati Italiani / TOP10
item-thumbnail

Top10: chi siede in panchina?

Definiti i 10 staff del torneo

25 Luglio 2021 Campionati Italiani / TOP10
item-thumbnail

Top10, rugbymercato: tutti i movimenti ufficiali, dopo una settimana rovente

Petrarca, Colorno e Viadana molto attive. Grandi conferme a Mogliano

25 Luglio 2021 Campionati Italiani / TOP10