Giappone: 36 convocati per preparare la sfida ai Lions

Diciannove reduci dalla coppa del mondo e tredici esordienti per scendere in campo a Murrayfield per la prima volta dopo la Rugby World Cup

COMMENTI DEI LETTORI
  1. LiukMarc 24 Maggio 2021, 13:47

    Redazione, credo ci sia un lapsus nel sottotitolo/sommario “Diciannove campioni del mondo e tredici esordienti”, visto che non mi sembra i giapponesi siano “campioni del mondo” 🙂 Per carità, bravi eh, ma non cosi tanto…

    • Lorenzo Calamai – OnRugby.it 24 Maggio 2021, 14:14

      Molto freudiano, il lapsus :).
      Grazie, corretto

  2. Mich 24 Maggio 2021, 14:01

    Conto 18 cognomi dal sapore poco nipponico. Credo si possa dire con buona approssimazione che il Giappone la squadra con più equuiparati/naturalizzatidi origine che sia attualmente in circolazione, tra le compagini nazionali.

    • aries 24 Maggio 2021, 14:15

      Lo stavo per scrivere sta mattina, poi non ho premuto il pulsante invio😁 mi sembrano, in proporzione, sempre meno i cognomi Giapponesi. Anche gli asterischi degli esordienti, mi sembrano più i cognomi esteri

    • narodnik 24 Maggio 2021, 14:55

      Sinceramente,avendo le capacita’ di attrarre piu’ stranieri di rilievo qua equiparerebbero di piu’,stavamo tutti a stracciarci le vesti per l’infortunio a Faiva e su paolino,il lasagna-gate in salsa al pomodoro.

      • aries 24 Maggio 2021, 14:58

        😂 beh, il lasagnagate è stato un fallimento! A sto punto l’unica cosa che può fare la nonna è farlo inquartare quando scende, magari ci farà meno danni

  3. roff 24 Maggio 2021, 14:23

    Tongani a go-go. La sorpresa è Gerhard Van Der Heever, giocava nei Bulls boh…10 anni fa? A Munster stava in panchina.

  4. mikefava 26 Maggio 2021, 00:59

    Boh, ogni volta che si parla di “Giappone”, non capisco che senso abbia…più di metà squadra non è realmente giapponese. Per carità, bravi a rendersi interessanti per gli stranieri, ma così, lo dico sempre, perdono di senso le squadre nazionali…perché se l’Italia fosse composta da un 70% di giocatori neozelandesi, poniamo caso, avrebbe davvero titolo per chiamarsi Italia? Io preferisco una nazionale scarsa ma composta per grossa parte da giocatori nati all’interno del paese o quantomeno cresciuti culturalmente e sportivamente nel paese (anche se immigrati, magari), rispetto ad una nazionale forte ma composta e “falsata” da tanti giocatori stranieri che, non solo non hanno radici, ma non hanno nemmeno un genitore o almeno un nonno italiano (per fare la parte). Non è una questione di razzismo, ovviamente, è solo che così diventano squadre di club di alto livello e non più squadre nazionali. A mio modesto parere.

Lascia un commento

item-thumbnail

Irlanda: Andy Farrell convoca 50 giocatori per preparare i Test Match di novembre

Lo staff tecnico pensa al futuro iniziando anche a valutare le possibilità a disposizione per il Sei Nazioni 2022

17 Settembre 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Barbarians: Tra i convocati nomi eccellenti in campo e in panchina

Tanti nomi importanti tra i primi convocati dei Barbarians, che il 27 novembre giocheranno contro Samoa a Twickenham

8 Settembre 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Inghilterra: Maro Itoje nuovo capitano della nazionale?

A novembre ci sarà un passaggio di consegne con Farrell? In Inghilterra monta la discussione

3 Settembre 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

All Blacks: c’è un nuovo gruppo di leader che punta alla Rugby World Cup 2023

Quattro giocatori, in particolare, guideranno il gruppo nei prossimi anni verso l'obiettivo iridato

1 Settembre 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Gli Springboks hanno risposto alle critiche di Steve Hansen

Il ct Jacques Nienaber non le ha mandate a dire al collega neozelandese

1 Settembre 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match