Italia, Brex: “Siamo meglio di così, una sola chance per dimostrarlo”

Il centro azzurro è sicuro: la nazionale non ha fatto vedere tutto il proprio valore finora, e mette nel mirino la Scozia come ultima spiaggia

COMMENTI DEI LETTORI
  1. Dusty 16 Marzo 2021, 16:22

    Vedi Nacho noi siamo consapevoli che voi ci mettete l’anima e che questa situazione vi rode dentro in maniera tremenda anche perchè voi siete i primi a metterci la faccia insieme all’allenatore, però ormai a queste parole facciamo fatica a credere. Io direi che sarebbe meglio una pausa dialettica da parte vostra e nostra almeno fin tanto che arrivi una vittoria o anche solo una prestazione convincente, una di quelle gare che ti lasciano il rammarico per averla persa all’ultimo secondo per un calcio o un drop. E’ una soddisfazione da poco ma per noi vorrebbe dire veramente tanto.

  2. gian 16 Marzo 2021, 16:38

    Ci manca solo che siate peggio…
    Scherzi a parte, ragazzi, meno parole e più fatti.
    Poi permettetemi una battuta: ma nell’allenamento della difesa, quante ne hanno prese di mete?

  3. matt82 16 Marzo 2021, 17:30

    Intanto bruno rilasciato al club quindi è stato chiamato si è fatto un giorno di ritiro in nazionale e poi lo ha rispedito al club mi sembra una presa in giro, ci dovrebbe spiegare Smith che senso a convocare un giocatore che magari spera e crede di poter esordire e poi lo rilascia al club dopo un giorno, ovviamente il suo pupillo partirà titolare

  4. Rugby4ever 16 Marzo 2021, 19:24

    Questo è un giocatore di sostanza, non certo da 6 nazioni titolare, ma quando è in giornata in panchina può sempre tornare utile. Ha buona visione, linea di corsa sempre decente, placca e il suo lo fa sempre. Purtroppo sei in una nazionale sbagliata ed è chiaro che devi dire qualcosa giusto per tenere accesa la fiaccola (piccolissima ormai). Anche una vittoria con la scozia non cambierebbe nulla, come non è cambiato nulla quando abbiamo battuto il Sud Africa, il pesce puzza dalla testa. Detto questo, forza ragazzi, proviamo a chiudere con una piccola soddisfazione!

    • mikefava 16 Marzo 2021, 19:32

      No be’, una vittoria contro la Scozia cambierebbe eccome. Solo che saremo fortunati se non prenderemo un altro 40-50 a poco. Secondo me la Scozia è sempre stata la squadra che più ha fatto per noi come modo di giocare, ma comunque bisogna fare molto di più di ciò che si è fatto finora. Poi, mi viene un po’ da ridere…perché loro dietro hanno un certo Stuart Hogg…noi ci presentiamo con Jacopo Trulla. Mi sembrano due galassie diverse proprio. In un contesto come quello attuale, la Scozia arriverà con una voglia e una fame dopo la sconfitta con l’Irlanda…che secondo me ci spazzeranno via.

      • mistral 16 Marzo 2021, 20:07

        …concordo sulla diversità degli estremi e sulla voglia che avranno gli highlanders di far vedere che con l’irlanda è stato un mezzo passo falso, e che anche loro potevano correre per la vittoria finale… non saranno turisti quelli che scenderanno in campo…

      • Rugby4ever 16 Marzo 2021, 22:40

        Scusa ma non capisco cosa cambierebbe? In ottica futura devi comunque fare tabula rasa. Sarebbe plateale e chiaro che una nostra eventuale (e molto improbabile) vittoria sarebbe un exploit nostro a fronte di una debacle della Scozia. Non vedo assolutamente alcuna possibilità di dirti a fronte di una vittoria con la Scozia che il vento sta cambiando. I giocatori sono gli stessi e saranno gli stessi o quasi che ti ritroverai per il 2022, e quindi poco cambierà se non c’è niente dietro. Ripeto l’esempio del Sud Africa, vittoria fine a se stessa che non ha dato scossa ne niente (poco dopo abbiamo subito una pesante sconfitta da una squadra che era dietro di noi nel ranking). Non vedo cosa possa cambiare se non un pomeriggio di festa?

        • mikefava 16 Marzo 2021, 23:50

          Non cambia in generale, ma ti toglieresti un po’ di pressione da dosso. Non vorrebbe dire risolvere i problemi…ma tirare il fiato. Comunque stiamo sognando…svegliamoci.

  5. JV 16 Marzo 2021, 21:53

    Sono d’accordo, non ci sarà storia, perché di fronte avremo dei giocatori di rugby, dei combattenti, mentre non sono così convinto del fatto che i nostri diano tutto.
    Anzi penso proprio che non ci siano le condizioni perché possano dare tutto.
    La nazionale è priva di:
    1) leader, essenziali in campo per incanalare le energie di tutti e elevare le prestazioni di tutti;
    2) giocatori ruvidi, non necessariamente coincidono con i leader, ma con soli bravi ragazzi non si può fare una squadra di rugby competitiva.

  6. F.A.L 17 Marzo 2021, 07:13

    Che lavorino duro in allenamento non lo metto in dubbio ma sinceramente io vedo tanti bicipiti ma poca rabbia agononistica, poca bava alla bocca. L’avversario vede, annusa la nostra inferiorità tecnico tattica e ci deride in campo…serve gente alla Favaro che ti segava le gambe e non cedeva di un passo e non gente che quando vede che non riesce ad attuare il compitino si deprime. Fora i cojoni fio!!!!

Lascia un commento

item-thumbnail

Sei Nazioni 2022, Italia: Ange Capuozzo convocato per il raduno di Verona

L'estremo si unisce al gruppo che sta preparando l'esordio contro la Francia

24 Gennaio 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni 2022: Italia, i convocati per il raduno al via oggi

Crowley e gli azzurri al lavoro a Verona

23 Gennaio 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni 2022: Bitpanda è il nuovo sponsor della nazionale italiana

La piattaforma di investimento digitale sarà sulle maglie delle due nazionali italiane maschili per tutto il Sei Nazioni

20 Gennaio 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: Kieran Crowley dice la sua sul poco utilizzo degli azzurri in Inghilterra

Il commissario tecnico torna a parlare delle sue scelte verso il Sei Nazioni 2022 ormai sempre più vicino al suo inizio

17 Gennaio 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Toa Halafihi: “Sarebbe bello giocare con Parisse. In azzurro per andare oltre i limiti”

Il terza linea del Benetton è carico per guadagnarsi un posto nel prossimo Sei Nazioni, portando all'Italia tutta la sua fisicità

14 Gennaio 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Crowley: “Il minutaggio di Varney? Un Problema. Vogliamo fare un passo avanti”

L’head coach azzurro in conferenza stampa commenta le sue scelte verso il Sei Nazioni

14 Gennaio 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale