Zebre, Bradley: “Buona prova difensiva, ci sono mancate le giocate in attacco”

Le parole del coach e di capitan David Sisi al termine di Zebre-Edimburgo

COMMENTI DEI LETTORI
  1. madmax 24 Gennaio 2021, 09:34

    La fotografia del nostro rugby; nelle parti fisiche, le più rapide e facili da sviluppare, ce la caviamo. Nelle parti tecniche, dei tre quarti in particolare, siamo ancora indietro, e tanto.

    • Ventu 24 Gennaio 2021, 10:03

      concordo, direi che ci manca anche la parte mentale, probabilmente è una conseguenza di quello che dici tu. Ogni volta che vedi le zebre in attacco non ti danno mai veramente l’impressione di poter andare in meta, poi magari la meta la fanno anche ma manca un po’ la convinzione nelle proprie azioni

    • tony 24 Gennaio 2021, 10:05

      Purtroppo è così, adesso le cose sono un po’ migliorate a livello giovanile , ma negli anni 90 e primi 15 anni duemila c’è stata pochezza e a capo a dare gli indirizzi tecnici in federazione ci sono stati Dondi e Gavazzi e nelle società principali Manghi, Munari , Gavazzi e Zambelli etc tutti accumunati.

      • mamo 24 Gennaio 2021, 12:55

        Buondì Tony,
        escluderei Zambelli che si è dimesso (a tempo) un anno sì e l’altro pure perché non aveva l’incorporazione delle under.

    • Winchester 24 Gennaio 2021, 14:13

      Se nel tuo commento vuoi far passare il concetto che la mischia chiusa non ha aspetti tecnici di rilievo e che sia facile e rapida da mettere a posto, credo che tu sia fuori strada.
      Ci sarebbe da capire come mai in Italia siamo più bravi a “mettere a posto” la mischia (tenendo a mente che negli ultimi cinque o sei anni la nazionale ha sofferto moltissimo da questo punto di vista) che a “mettere a posto” i tre quarti. Anche nei tre quarti c’e’ una parte del lavoro da fare che e’ fisica e un’altra che e’ più tecnica.

  2. olly69 24 Gennaio 2021, 10:55

    Non so chi di voi ha avuto modo di leggere l’intervista a John Wells su Rugbymeet, ma io l’ho trovata illuminante: “…mentre i giocatori italiani giocano duro, con passione e molta aggressività, spesso mancano di intelligenza o comprensione del gioco rispetto ai giocatori di Premiership. La capacità di prendere decisioni sotto pressione, quando si tratta di decidere dove passare la palla o calciare, come “leggere un attacco” o “vedere lo spazio”.
    Mentre nella struttura di gioco difensiva una sana impostazione tattica consente quantomeno, con abnegazione e fatica, di contenere i danni, se vuoi andare a meta serve una lettura del gioco che solo in parte puoi acquisire con la preparazione tattica. Più si alza il livello, più i sistemi difensivi si fanno organizzati e impenetrabili, più la capacità di leggere situazioni in un contesto di gioco organizzato sono fondamentali. É qui che casca l’asino: le squadre italiane generalmente crollano negli ultimi 20 minuti, a mio avviso per due ragioni: un perdurante (e per molti versi incomprensibile per me) insufficienza nella preparazione atletica e una frustrazione mentale indotta dall’incapacità di andare a meta. Azioni prolungate e infruttuose sono il segnale che ai nostri manca la capacità di “vedere gli spazi”, di leggere la situazione in un attimo. A questi livelli occorre improvvisazione e capacità di leggere la situazione. Peraltro l’invenzione del singolo, senza essere accompagnato dal resto della squadra, non è sufficiente. Ahimè la strada è lunga…

    • LiukMarc 24 Gennaio 2021, 12:02

      Tutto vero. Anche vero che lo si sa da tempo, cioè non lo scopriamo certo oggi che ai nostri mancano soprattutto competenze tecniche (come fare le cose bene, specie sotto pressione) e tattiche/di conoscenza del gioco (come prendere le decisioni giuste, o quantomeno non le peggiori, nei vari momenti della partita). E lo si vedeva chiaramente anche nelle ultime U20 dai grandi risultati. Vinta sul piano fisico, si vedevano anche belle cose, sotto pressione, confusione e scarsa capacità di prendere decisioni.
      Ma qualcuno ha davvero fatto qualcosa?
      Nelle squadre di club, in Accademia, nei CFT o come si chiamano i ragazzi si sono cresciuti prima a tecnica e conoscenza del gioco e poi a fisico, o viceversa? D’altronde ricordo anche un’intervista a Rodwell che diceva chiaramente qual era la differenza di focus di allenamento tra Italia e Inghilterra.

    • tony 24 Gennaio 2021, 12:13

      Verissimo…..

    • Ventu 24 Gennaio 2021, 13:46

      assolutamente vero. Secondo me crolliamo nel finale anche perché spendiamo il 100% delle energie in 60 minuti (spesso in modo poco fruttuoso…) mentre gli avversari si contentati di contenerci per poi batterci sulla stanchezza.
      Riassumendo non è una mancanza di preparazione atletica, se avessimo il doppio delle energie le finiremmo tutte in 60 minuti comunque, è il modo di giocare il problema

      • LiukMarc 24 Gennaio 2021, 14:27

        Anche su questo sono d’accordo. D’altronde se non sai fare una cosa – o non la sai fare come gli altri – ci devi spendere molte più energie del tuo avversario. Quindi noi per placcare o guadagnare terreno (non avendo le stesse comptenze tecnico-tattiche) dobbiamo spingere sull’acceleratore più e prima degli altri. E cosi ci infilzano a piacimento dopo un po’.

  3. LiukMarc 24 Gennaio 2021, 12:03

    Quasi quasi mi aspettavo “con la mischia e nel gioco fisico ci siamo anche fatti valere, quando l’ovale andava a chi doveva far girare mani e gambe abbiamo perso”.
    Comunque direi che Kearney va rinnovato per l’anno prossimo, Stoian o non Stoian.

  4. Claudio 24 Gennaio 2021, 12:13

    Sicuramente la partita è stata deludente, ma non è che anche Edimburgo, con anche loro con tanti nazionali in campo, abbia fatto vedere chissà cosa. Probabilmente anche certe scelte strategiche se calciare o no, hanno influito sul risultato finale.

Lascia un commento

item-thumbnail

Zebre, Bradley: “Contro Glasgow create molte opportunità, risultato deludente”

Michael Bradely si dice deluso per il risultato del match contro Glasgow Warriors di sabato, ma guarda avanti con ottimismo verso il futuro.

item-thumbnail

Video, URC: gli highlights di Zebre-Glasgow Warriors

6 punti per i ducali tutti dal piede di Canna

item-thumbnail

URC: Glasgow è scialba, ma le Zebre commettono solo errori

Finisce 17-6 per gli scozzesi la sfida del Lanfranchi. Partita alla portata, ma Zebre sprecone. Quarta sconfitta consecutiva

item-thumbnail

URC: la preview di Zebre-Glasgow Warriors

Gli emiliani vanno a caccia della prima vittoria, gli scozzesi vogliono continuare a fare bene. Calcio d'inizio alle ore 14

item-thumbnail

Zebre: lungo stop per Gabriele Di Giulio

Frattura scomposta del piatto tibiale esterno, per lo sfortunato trequarti ducale

item-thumbnail

Zebre: rivoluzione nel XV di partenza che aspetta Glasgow

Dodici novità dal primo minuto per i ducali che inseriscono tanti giocatori nel giro della Nazionale per puntare al primo successo stagionale