World Rugby Ranking: rivoluzione nella classifica mondiale

Il primo weekend di Autumn Nations Cup e la sorpresa nel Tri Nations hanno cambiato le carte in tavola

COMMENTI DEI LETTORI
  1. mistral 15 Novembre 2020, 10:56

    …italia “stabile” al 14° posto, ma a soli due punti (circa) da USA, Spagna e Uruguay e a 9 (e oltre) da Giappone, Scozia etc etc… “stabile” come una casa costruita su un pendio che scivola a valle, apparentemente immobile ma sempre più in basso…

  2. johnny 15 Novembre 2020, 11:42

    Speriamo che almeno la partita con la Georgia ci smuova da una simile miseranda posizione e magari anche quella con gli isolàni (se si farà ?). Almeno serva a questo ‘sto autumn nations…,

  3. Parvus 15 Novembre 2020, 11:50

    ho paura che con gli isolani le prendiamo di brutto!
    possiamo solo mettere nel mirino la georgia!
    in che stati che semo messi!

    • Marte_ 15 Novembre 2020, 11:55

      Ma perché, proprio non lo capisco questo piangersi addosso

  4. Parvus 15 Novembre 2020, 13:44

    marte ciao, e soprattutto buona domenica.
    non mi piango addosso, rilevo solamente che con quel po pò di bugdet che ha la fir a disposizione siamo al 14 posto!!!!!!! dai sii sincero…., e se lo avessero i figiani i nostri soldi??
    almeno fossimo come la scozia che programma gli inserimenti degli oriundi e-o degli stranieri…. gnanca queo semo boni far!!! semo netti!!!
    cosa voglio dire….???
    non riusciamo a programmare nemmeno chi poter inserire come giocatori nella nostra nazionale se sono stranieri…. siamo proprio degli incapaci.
    sempre un cordiale saluto.

    • Marte_ 15 Novembre 2020, 22:54

      Ma perché dovremmo perdere di brutto con le fiji?
      Al mondiale hanno perso con l’Uruguay, hanno pochi giorni di raduno rispetto a noi, problemi covid, ecc.
      Perché dovremmo perdere in partenza? Davvero non capisco. Poi ci sta che possano vincere, hanno giocatori formidabili però mi sembra un tantino esagerato

  5. Hrothepert 15 Novembre 2020, 14:49

    @Parvus, se posso permettermi di inervenire, sono d’accordo che, volendo, si potrebbe fare meglio per programmare e gestire l’ inserimento di oriundi e stranieri, ma, almeno per quano riguarda gli oriundi e nel confronto con la Scozia, va considerato che loro possono attingere a un bacino di oriundi, tra Sud Africa, Australia e Nuova Zelanda, che noi non abbiamo, dove giocatori di ottimo livello rimangono comunque chiusi per affermarsi al top, noi potevamo attingere quasi esclusivamente al bacino argentino, dal quale sono arrivati giocatori che avrebbero sicuramente giocato nella Nazionale del loro paese di nascita, come Dominguez e Castrogiovanni, o erano del livello che possono ancora permettersi gli scozzesi, penso ai Canale, Nieto e Garcia (tanto per fare qualche nome), poi, da quando il tutto il Rugby europeo ha svoltato nel professionismo (con ingaggi, un tipo di organizzazione e di tutele realmente di stampo professionistico, che noi abbiamo) e anche gli argentini hanno messo su una loro franchigia pro, per noi quel bacino si è chiuso e dai paesi australi e dalla Gran Bretagna finora sono arrivati giusto buoni giocatori, ma che non sono in grado di farci fare quel reale salto di qualità necessario a raggiungere il livello al quale aspiriamo (penso; con tutto il massimo rispetto e la riconoscenza possibili, sia chiaro , perchè c’hanno messo anima e impegno e comunque perchè migliori di quelli di produzione autoctona; ai vari McLean, Allan, Furno, ecc.).

    • TheTexanProp 15 Novembre 2020, 16:51

      Esattamente. Il nostro lido era considerato solo dagli argentini (vuoi per simile cultura e antenati) ma ora quel rubinetto si è chiuso. Perciò andiamo a pescare giocatori che mai giocherebbero in altre nazionali superiori alla nostra (forse alcuni in panca). Aggiungiamoci pure che non abbiamo investito granché bene nel rugby nostrano e si capisce perché il gap tra noi e quello sopra è aumentato.
      Comunque, questi nuovi naturalizzati ci permettono di essere superiori alle altre squadre Europee ma unicamente perché quelle non si possono ancora permettere questo tipo di giocatori.

      Il sipario è mantenuto in vita grazie al professionismo e il 6N. Senza il 6N (cosa che potrebbe benissimo capitare tra 3 anni), il giro in giostra terminerà.

    • Parvus 15 Novembre 2020, 17:53

      Hrothepert ciao, grazie per la risposta. in parte sono d’accordo con te. abbiamo un bacino di grandi giocatori con grandi competenze come gli australiani, e pensa ai francesi poi…o ai sud africani….
      ti faccio qualche nome marck giacheri seconda linea australiano per esempio, o a maset che ha giocato a treviso terza ala, per il sud africa uno come tito lupini o i fratelli cuttita o lo stesso fiasconaro celeberrimo atleta negli 800 metri che dopo aver fatto il record negli 800 m, ha giocato in s. a. moltissimi anni….
      come vedi anche noi possiamo attingere, basta volerlo e basta avere le capacità di farlo bene!
      mi ricordo poi che qualche tempo fa, il galles aveva costituito una commissione per scovare giocatri con cognome o con nonni gallesi……., esempi ne abbiamo moltissimi come vedi….., ma anche qua non sappiamo parlo sempre come fir fare niente! non esiste programmazione! per niente ci siamo lasciati scappare catt e conor……., e berbizier ecc………………

      • aries 15 Novembre 2020, 18:49

        Non vorrei che quello più pesante che ci siamo fatti scappare sia Atkinson, spero di cuore di sbagliarmi!

        • Parvus 15 Novembre 2020, 19:32

          aries guarda che la fir se ne fatti scappare…….
          e come vedi tiene queli che vuole tenere!!!!!!!!!!

  6. Dusty 15 Novembre 2020, 16:48

    Non capisco: il Sud Africa non gioca e va al primo posto?

    • mistral 15 Novembre 2020, 17:34

      …se NZ perde posizioni, il SAF rimane stabile e quindi…

  7. LiukMarc 15 Novembre 2020, 18:45

    Classifica che ovviamente è orfana di un Saf che è primo ma non gioca proprio da quel mondiale. Per il resto sembra comunque che il livello si sia almeno un po’ “avvicinato” nei piani alti e altissimi, con risultati non necessariamente scontati (All Blacks han perso con Argentina e Australia, e pareggiato con i Wallabies), Inghilterra e Francia che vincono e perdono, Irlanda che non è una corazzata con tutti, Scozia e Argentina che possono sorprendere senza essere sconfitti in partenza). Finalmente.
    Noi purtroppo siamo ancora nell’altra stanza.

    • Dusty 16 Novembre 2020, 08:19

      In questa altalena di nazionali che vincono e perdono noi siamo l’unica certezza.

  8. Ventu 15 Novembre 2020, 19:18

    comunque non vuol dire niente il ranking. Prima dei mondiali c’è stata anche l’irlanda al primo posto e poi hanno preso sberle dal giappone (Grande squadra ma non cosi’ grande da battere il numero 1 del ranking…)

    • mistral 15 Novembre 2020, 22:59

      …il ranking segnala una tendenza, e segnala che da vent’anni a questa parte le prime tre sono sempre le stesse, salvo la brevissima parentesi del settembre-ottobre scorso… e segnala che il giappone, negli ultimi dieci anni, non ha fatto che salire, l’italia scendere…

Lascia un commento

item-thumbnail

Test Match: novembre di fuoco per Clara Munarini

Anche altri 7 italiani impegnati nell'autunno internazionale a vario titolo

16 Ottobre 2021 Rugby Mondiale
item-thumbnail

World Rugby approva la regola: i leggins potranno essere utilizzati anche in campo maschile

La federazione internazionale tutela così i giocatori dal rischio di abrasioni e altri impatti

13 Ottobre 2021 Rugby Mondiale
item-thumbnail

“Il rugby sui campi in sintetico? Sembra quasi un altro sport”

La dichiarazione di un tecnico che per molti sta diventando un grido d'allarme

11 Ottobre 2021 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Quali sono le dieci squadre che hanno sempre partecipato alla Rugby World Cup?

L'elenco completo e "un'insospettabile assente"

11 Ottobre 2021 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

Rugby World Cup 2023: l’Uruguay si qualifica e sfiderà l’Italia in Francia

Decisiva la netta vittoria (34-15), nella seconda sfida contro gli USA

10 Ottobre 2021 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023