Galles: Jonathan Davies e Rhys Patchell salteranno il Sei Nazioni 2020

Grave infortunio al ginocchio per il centro, mentre il mediano d’apertura è stato operato alla spalla

COMMENTI DEI LETTORI
  1. Mr Ian 13 Novembre 2019, 08:12

    La RWC ci saluta con quest ultimo regalo..Il caso Davies potrebbe essere destinato a far discutere, intanto la WRU ha detto che pagherà per intero l anno di contratto del giocatore. Detta così sembra quasi un assunzione di responsabilità dell infortunio del giocatore, che stando a voci di corridoio non doveva giocare la partita col Sud Africa, anzi forse doveva fermarsi alle partite del girone.
    Quanto a Patchell invece, cresce sempre più l impressione che il ragazzo sia troppo fragile per il rugby di questo livello. Quest infortunio, sfortuna a parte, non ci voleva, anche perchè al mondiale non è che abbia giocato così tanto, forse è proprio lui che fisicamente inizia già a risentire dei colpi presi.
    Da un punto di vista tattico, ovviamente l infortunio di Patchell preoccupa molto di più perchè ad apertura rimane solo Dan Jones, che cmq sta giocando un buon rugby anche in ottica nazionale; O Brien che viene da un lungo stop, e Lamb che dovrebbe avere un contratto a tempo che sicuramente gli potrà essere rinnovato. Almeno che non si riesca a far tornare Owen Williams che a Gloucester è completamente sparito dai radar.
    Per Davies invece, anche se non ci fosse stato di mezzo l infortunio, difficilmente l avremmo rivisto in campo prima dell anno nuovo per poi tornare con buone probabilità al 6N. Cmq sia lui che Parkes hanno superato i 30 anni e pensare ad un ricambio generazionale oltre ad essere logico è anche normale. Per ora la profondità ai centri sembra non mancare, certo che i termini di paragone sono molto elevati ed a confronto nessuno sembra poter raccogliere il testimone. Però Steff Hughes sembra sulla buona strada per completare il suo percorso di maturazione, a 25 anni come si dice ora o mai più. Dalla sua parte ha la fiducia dello staff ed un ruolo di leadership che lo spogliatoio gli riconosce. Poi c’è Asquith, che a livello offensivo è il miglior centro in rosa, Fonotia, un back up di Parkes per caratteristiche. Tra i giovani occhio a Baldwin, per fisicità il più simile a Davies; Nicholas e dal settore giovanile si parla molto bene di Osian Knott.

Lascia un commento

item-thumbnail

Pro14: cosa è successo nell’undicesimo turno

Leinster ancora imbattuto, successi importanti per Edinburgh e Ospreys. Dieci mete del Munster ai Southern Kings

16 Febbraio 2020 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Pro14: la forte formazione di Glasgow per la sfida alle Zebre Rugby

Leone Nakarawa torna per la prima volta allo Scotstoun in maglia Warriors

13 Febbraio 2020 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Pro 14: ai Cheetahs il doppio derby sudafricano

L'ex squadra di Franco Smith supera per due volte i Southern Kings: 31-30 in rimonta in "gara-1", mentre nel secondo appuntamento i ghepardi stravinco...

4 Febbraio 2020 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Munster scuote il mercato in vista della prossima stagione

La franchigia irlandese annuncia di aver ingaggiato RG Snyman, Damian De Allende e Matt Gallagher fino al 2022. Basterà per interrompere il dominio di...

3 Febbraio 2020 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Pro14: Liam Williams potrebbe arrivare subito agli Scarlets liberandosi dai Saracens

Un trasferimento anticipato che converrebbe a tutte e tre le parti in questione

9 Gennaio 2020 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Galles, Alun Wyn Jones è pronto a tornare in campo ma intanto critica i suoi Ospreys

Il capitano dei dragoni e del suo club non le manda a dire alla dirigenza della franchigia militante in Pro14

8 Gennaio 2020 Pro 14 / Altri club