Italia, Under 18: i convocati per il test contro ‘Ireland U18 Clubs’

Mattia Dolcetto ha convocato 21 atleti (più 2 invitati) per il test del 2 novembre a Badia Polesine

COMMENTI DEI LETTORI
  1. Marte_ 23 Ottobre 2019, 18:25

    Non conosco nessuno, qualcuno da tenere d’occhio? Garbisi è il fratello di Paolo? Sarebbe un altro fratello dopo quello di Cannone 🙂
    Come distribuzione
    Roma 4
    Milano 4
    Treviso 6
    Prato 7
    + 2 veneti
    Abbastanza equilibrata, e come dicevo qualche giorno fa sotto il post sulla boutade (al momento) del Petrarca in Pro14, assolutamente non venetocentrica

    • aries 23 Ottobre 2019, 19:00

      Lapo Frangini, tallonatore, è un bel cinghialino, ľho visto giocare un paio di volte… Vorrei vederne di più di partite delle giovanili, avrei anche voluto vederne di più in passato, ma nella vita c’è anche altro, purtroppo…😂 Ancora non mi buttano fuori di casa, ma questo mondiale sta minando alcune certezze, sabato c’è pure la prima in casa dei medicei, la Benetton e le zebre, potrebbe essere ľultimo week-end nel letto di casa!

      • xnebiax 23 Ottobre 2019, 19:25

        In bocca al lupo per la tua vita da sfrattato aries! 😛
        @Marte_ Io non ho visto giocare nessuno, tranne che nella finale U18 di giugno scorso passata su therugbychannel.
        Mi ricordo però che dopo il 6 Nations Festival U18 uscì un articolo inglese che nominava un atleta per ogni nazione da tenere d’occhio per il futuro. Per l’Italia scriveva solo cose buone di Menoncello.

        • aries 23 Ottobre 2019, 19:57

          Grazie per la solidarietà, apprezzo molto! Il mio riferimento a Frangini comunque è dovuto esclusivamente al fatto che è ľunico che ho visto, cui associo un nome ad un viso, magari, anche gli altri toscani sono validissimi… Tra 4/6 anni sarò molto più utile, anche se probabilmente scriverò dall’interno di un van o nel caso migliore un camper!

        • Marte_ 23 Ottobre 2019, 20:03

          Grazie a entrambi. Fra mondiale, i soliti campionati, alte aspettative sulle under e per finire in bellezza il Mondiale U20 in Italia.. c’è materiale per tutti per essere lasciati o allontanati (a meno che la/il partner non sia appassionata/o allo stesso modo)

    • giomarch 23 Ottobre 2019, 23:48

      Assolutamente non venetocentrica, questa prima convocazione, solo 6+2 su 23, solo il 35%….
      Non voglio nemmeno lontanamente entrare nelle qualità dei singoli, nemmeno io li conosco tutti, ma il fatto che le convocazioni siano state fatte solo tra CDFP + 2invitati non ti lascia pensare?
      Normale? Guardando la fase a gironi dell’under elite 2018/2019 e la fase finale non ti sembra si sia perso qualcosa per strada?
      Dopo 12anni di centri di formazioni/accademie zonali e chi più ne ha più ne metta abbiamo avuto 12 convocati su 31 al mondiale provenienti dalle accademie.. circa il 38%… vogliamo togliere i veneti da questi 12?
      Privilegiare il chiaro percorso naturalmente paga, ma al di la delle ovvietà, la vera domanda è: se le possibilità ai giovanotti fossero date in funzione al merito e non in funzione del numero di targa (CDFP) dove saremo oggi come movimento?
      Veneto o non veneto una scossa sismica del 9mercalli al sistema va data, che sottolinei come il veneto ne abbia pochi e che le convocazioni le trovi equilibrate solo perchè rappresentative di tutti i CDFP mi fa comunque intuire i contenuti delle ovvie risposte che potrei ricevere….

      • massimiliano 24 Ottobre 2019, 11:50

        che risposte potresti ricevere, che piaccia o meno hai ragione

      • Marte_ 24 Ottobre 2019, 12:39

        Guarda che quelli che sono stati convocati alla coppa del mondo non hanno fatto parte dell’accademia principalmente perchè
        -Sono di formazione straziera (oriundi e equiparati)
        -Sono troppo vecchi (Zanni, Ghira, Tebaldi, Palazzani, credo Lovotti)
        -Hanno fatto di andare all’estero da giovani (Pasquali, Ferrari)
        Dei convocati al mondiale l’unico che è venuto dai club è Canna, immagino che sia maturato più tardi. Ed è nella franchigia federale che molti vedono che la peste nera.
        Essendo una nazionale, seppur U18, credo abbiano convocato i migliori perchè chiunque vuole vincere, e a livello giovanile ci capita più spesso che in altre situazioni. Se sai di fenomeni lasciati a casa me li puoi segnalare? Così cerco di seguirli.
        Il discorso sul Veneto (e ne sono un estimatore ovviamente) di alcuni era: solo da noi ci sono squadre di ottimo livello e ottimi giovani. Credo non sia così, la toscana e il centro italia ne producono molti più di prima e si nota dalle convocazioni giovanili. E’ un passo importante per tutto il movimento

        • giomarch 24 Ottobre 2019, 14:54

          Dopo N anni una squadra toscana è entrata lo scorso anno in finale elite… E non fraintendermi, ne sono felice.
          Tuttavia, sei a conoscenza che è capitato perchè la composizione della fase finale è costruita in modo da garantire l’accesso a qualcuno degli altri gironi?
          Lo sai che dei convocati solo 3 su 23 quella finale l’hanno vista?
          Sai da quanto tempo una squadra veneta vince quella finale?
          Nessuno dice che nel resto d’italia non possa crescere un campionissimo, trovo però che è inequivocabilmente penalizzata la qualità con convocazioni a pioggia tra i vari CDFP, il risultato che vedo è che terze linee che hanno ammazzato il campionato under(vale anche per altri ruoli) qui non ci sono…
          Circa la maggiore, fa piacere che mi scrivi che l’accademia in dodici anni non è stata in grado di sostituire (e qui riprendo la tua lista):
          -Sono di formazione straziera (oriundi e equiparati)
          -Sono troppo vecchi (Zanni, Ghira, Tebaldi, Palazzani, credo Lovotti) #Lovotti è uno dei 12
          -Hanno fatto di andare all’estero da giovani (Pasquali, Ferrari) #Ferrari all’estero non lo hanno fatto giocare per il transfer..

          Attenderemo diventi maggiorenne per dire che il sistema non funziona? Quando il palazzo e chi lo regge si farà un esame di coscienza per poter guardarsi la mattina allo specchio vedendo l’immagine riflessa? Sono i soldi del movimento….e qui mi fermo altrimenti diventerei volgare.
          PS: Tutti i vecchietti che nomini sono stati formati dai CLUB ad eccezione di Lovotti con investimenti per le casse della federazione trascurabili… Casse che si sono azzerate con questa gestione, questo sistema, ecc ecc, diciamo che il motto un centro di formazione ogni voto non ha funzionato benissimo..

      • Andrea B. 24 Ottobre 2019, 14:36

        Un paio di considerazioni
        – conoscendo l’Italia, secondo me, pure nei Cdf chiamano i ragazzi in base a “criteri” tali da fare contente un po’ tutte le varie zone che compongono l’area di giurisdizione del Cdf stesso… non succede solo a livello nazionale a danno del Veneto.
        – credo che in alto si debbano rendere conto che il sistema Italia per i giovani vada a due velocità: da una parte il Veneto con il suo territorio e i club in grado di autosostenersi nella crescita di giocatori di livello, dall’altra il resto d’Italia che, per lo più, ha bisogno di individuare i talenti e farli crescere in un ambiente più formativo. Ad esigenze diverse vanno date risposte diverse. Fosse per me, nelle regioni “meno evolute” ad un certo punto della stagione, diciamo dagli u15 in poi, farei fare in pianta stabile solo allenamenti e partite tra selezioni di area e regionali. In pratica siamo a metà strada tra le nazioni che possono affidarsi solo ai club e chi ha la necessità di “concentrare le forze” Ecco, ho detto la mia boiata😁

    • kinky 24 Ottobre 2019, 08:06

      Quindi tu non vai per meritocrazia? Incredibile!
      Io invece un giorno vorrei vedere al contrario una convocazione dove è nettamente sbilanciata questo rapporto che in molti auspicate….questo significherebbe che realmente sono chiamati i migliori!
      Detto questo credo che sia un work in progress perché dei 26 andati via in tournée quest’estate ce ne sono solo 12!

  2. faustotesta 24 Ottobre 2019, 12:59

    Io ho iniziato al Rugby (allenandolo nei primi anni) il primo della lista (Andrei Bogdan Andreica). L’ho trasportato su e giu’ per l’Italia. Spero che il 2 novembre faccia bene. Conoscendolo darà il 120%. Mi sobbarcherò volentieri i mille chilometri (A+R) per vedere questo match…..

  3. franzele 25 Ottobre 2019, 06:57

    Non Veneto centrica…. ma allora che senso ha vincere a mani basse i vari campionati u18 se poi ,per andare in nazionale ed intraprendere il famoso “percorso”, bisogna corrispondere a criteri geopolitici e non tecnici?
    Secondo me ci dovrebbero andare i più forti in nazionale, ma sarà un criterio antiquato il mio….

    • giomarch 25 Ottobre 2019, 11:40

      eh, ma sai quanti voti porta…?
      Chissenefrega dei ragazzi e del loro impegno..
      CDFP avrebbe un acronimo bellissimo che rispecchierebbe perfettamente caratteristiche ed attitudini di chi ha concepito questo sistema e questo percorso, lo schema ponzi a confronto è robetta da dilettanti…

      • franzele 25 Ottobre 2019, 13:03

        Adesso stuzzichi le mie curiosità enigmistiche… vabbè, comunque è un sistema autoreferenziale che non porta risultati, ma porta voti.
        Così togli la possibilità a chi resta fuori da cpccippicì di andare avanti. E chi non entra nei vari centri non lo fa solo per motivi tecnici, ma anche con questioni personali, di studio, di famiglia…. poi guardi cosa produce e ti trovi davanti al deserto.

  4. franzele 25 Ottobre 2019, 07:24

Lascia un commento

item-thumbnail

La situazione nel campionato Under 18 élite

Il torneo si è dovuto fermare a ridosso del momento cruciale della prima fase

item-thumbnail

Sei Nazioni Under 20: diretta streaming Francia-Italia Under 20

Azzurrini in campo alle 21:00 ad Aix-en-Provence: seguiamo insieme il match

7 Febbraio 2020 Rugby Azzurro / Nazionali giovanili
item-thumbnail

Sei Nazioni under 20: Italia in Francia, sfida ai campioni del mondo

Scoglio durissimo da superare per gli Azzurrini di capitan Garbisi: la Francia non è la stessa di Napoli

7 Febbraio 2020 Rugby Azzurro / Nazionali giovanili
item-thumbnail

Italia, Under 18: i convocati per il raduno di metà febbraio

Sono 28 gli atleti scelti da coach Mattia Dolcetto

5 Febbraio 2020 Rugby Azzurro / Nazionali giovanili
item-thumbnail

Sei Nazioni Under 20, coach Roselli: “Nel gruppo ci sono potenzialità e personalità”

Intervista all'head coach degli azzurrini: lavoro di gruppo, scelta del capitano, la sfida al Galles e i propositi per il futuro

31 Gennaio 2020 Rugby Azzurro / Nazionali giovanili
item-thumbnail

Italia, Under 20: sconfitta contro gli Espoirs di Grenoble

All'esordio stagionale, gli azzurrini cedono ai francesi 31-19

15 Dicembre 2019 Rugby Azzurro / Nazionali giovanili