Il botta e risposta tra Steve Hansen e World Rugby

Il CT degli All Blacks aveva attaccato il governo mondiale (e a lato il Sei Nazioni) per lo scarso impegno con le nazioni del Pacifico

COMMENTI DEI LETTORI
  1. RFC 9 Settembre 2019, 13:30

    Dopo che ruba tutti i migliori giocatori ha anche il coraggio di fare il difensore dei poveri?
    É come quando si lamenta degli arbitraggi.
    Ha la faccia come il…..

  2. mic.vit 9 Settembre 2019, 14:05

    in effetti il discorso è giusto ma da autentico para..gnosta per lo sfruttamento che fa la sua nazione dei giocatori isolani

  3. Mich 9 Settembre 2019, 14:36

    Sono incredulo. Hansen, ovvero l’allenatore degli All Blacks, gli stessi All Blacks che saccheggiano isole e isolotti, che deportano (mi si passi il termine colorito) giocatori per farne dei neozelandesi, che depauperano quindi il patrimonio rugbistico di nazioni più povere, poprio lui lamenta e denuncia lo stato di povertà sportiva di queste nazioni?

  4. Obelix-it 9 Settembre 2019, 14:43

    Cioè, cercherei di capire: eè proprio lui, Steve Hansen in persona, che ‘sbarca’ sulle isole degli isolani e gli rapisc ei lor talenti migliori??? E’ questo che mi state dicendo??

    Interessante…

  5. western-province 9 Settembre 2019, 15:19

    Il fatto è che sono i giocatori che SCELGONO di giocare per certe nazionali piuttosto che altre
    Tuilagi, Vunipola, Fekitoa, Naholo, Raka, Vakatawa sono nati in un paese e hanno scelto di giocare per un altro.
    I motivi bisognerebbe chiederli a loro (probabilmente le motivazioni saranno diverse, in modo da inquadrare un po’ meglio il problema e vedere se si può e se è il caso di risolverlo.
    Forse c’è chi lo ha fatto per vincere (Naholo?, Fekitoa?), chi lo ha fatto perchè lo sentiva più casa sua (Tuilagi? Vunipola?) forse lo hanno fatto per soldi (tutti?) forse lo hanno fatto perchè non si sentono a loro agio con il proprio paese.
    Quello che è certo è che se nelle isole ci giocassero le loro stelle ci sarebbero più partite divertenti

    • western-province 9 Settembre 2019, 15:20

      P.S. sul fatto che Hansen farebbe meglio a stare zitto neanche da discuterne..

    • Mich 9 Settembre 2019, 15:59

      Infatti nel mio commento facevo riferimento a nazioni ricche e nazioni povere.
      Non attribuisco responsabilità, nè ad Hansen nè ai giocatori. Il primo (non è pioniere e non sarà) fa il suo lavoro con il materiale che si ritrova, i secondi adottano scelte sportive e di vita che più ritengono giuste. E’ il parlare, in generale, che stride in termini di coerenza.

  6. Giorgio Brera 9 Settembre 2019, 18:55

    Non è certo mia intenzione prendere le parti di Hansen, ma questa cosa che la Nuova Zelanda “scippa” i migliori giocatori isolani va secondo me un po’ ridimensionata e comunque contestualizzata. I rapporti economici e sociali tra NZ (e Australia) con Fiji, Tonga e Samoa sono particolari e alle nostre latitudini e longitudini non è detto che ne abbiamo una visione del tutto corretta.
    In ogni caso, tanto per dare qualche numero, su 31 giocatori selezionati dagli AB per la RWC 2019 solo 3 non sono nati in Nuova Zelanda: Tu’ungafasi (tongano), Reece (fijano), Laulala (samoano). Ci sono un sacco di giocatori di famiglia isolana, ma tutti nati in NZ. Al contrario le squadre isolane sono piene di giocatori nati e formati rugbisticamente in NZ: Nasi Manu tanto per citarne uno, ma anche Sam Lousi e Siale Piutau (capitano), tutti e due internazionali per Tonga ma nati a Auckland (ovviamente, almeno credo, da famiglie tongane). Perché giocano per Tonga pur essendo nati e formatisi rugbisticamente in NZ? Forse banalmente perché negli AB non avrebbero trovato posto o perché sono contenti di difendere la maglia della loro famiglia di origine. Siamo sicuri che se Hansen li avesse chiamati in maglia nera avrebbero detto “no, grazie, preferisco giocare per Tonga”? Non lo so, ma dire semplicemente la NZ ruba i giocatori alle povere isole del Pacifico è troppo semplicistico.
    Auckland ha più di un milione e mezzo di abitanti. Un bel numero di loro gioca/ha giocato a rugby. Una percentuale non trascurabile di loro ha origini (prevalentemente per emigrazione) isolana. Aggiungiamo quelli che da giovanissimi si spostano dalle isole verso la NZ per tentare la fortuna nel rugby.

  7. Superignazzio 9 Settembre 2019, 20:19

    aggiungo anche che ritirare fuori sta storia del campionato globale sa molto di paravento per non dire altro…
    si è già dibattuto in lungo e in largo come alla fine della fiera la formula avrebbe di fatto impedito in toto a nazionali di seconda fascia di confrontarsi con le tier 1 , quindi di cosa stiamo parlando?
    mi sa tanto di discussione tirata fuori appositamente x romper le scatole a chi sembra abbia gli strumenti x rompergli le uova nel paniere

  8. Canino 10 Settembre 2019, 09:08

    Leggere che World Rugby paga lo stipendio all’allenatore del Canada mi lascia molto perplesso.
    Capisco la questione strategica e il fatto che il Nord America sia un bacino importante dal punto di vista sportivo, ma pagare l’allenatore di uno dei paesi più avanzati e con il PIL più alto del pianeta quando appunto ci sono nazioni come quelle pacifiche piene di talento e dove la situazione economica è molto difficile per chi vuole fare professionismo rimane difficile per me da comprendere.
    Evidentemente questi paesi non rappresentano bacini importanti né come numero di tesserati né come pubblico, ma forse con alcuni aiuti potrebbero sostenere delle strutture più vicine a quelle del professionismo europeo o australe

Lascia un commento

item-thumbnail

Rugby World Cup 2027: il nuovo sistema di qualificazione, come funzionano i sorteggi e in quale fascia può finire l’Italia

L'allargamento a 24 squadre cambia radicalmente l'avvicinamento al Mondiale in Australia: ecco tutte le modifiche

24 Luglio 2024 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

Gianluca Gnecchi sarà presente alle Olimpiadi di Parigi 2024

Il fischietto bresciano scenderà in campo allo Stade de France per il torneo olimpico

23 Luglio 2024 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Olimpiadi Parigi 2024: il calendario del torneo olimpico di rugby seven maschile e femminile

Si comincia il 24 luglio, in un torneo che si svilupperà sino al 30 luglio

22 Luglio 2024 Rugby Mondiale / Sevens World Series
item-thumbnail

Dupont e il Sevens, non solo una mossa mediatica per le Olimpiadi

Nel torneo finale SVNS, Antoine Dupont ha dimostrato di avere un impatto fondamentale sulla Francia Sevens: basterà ai Bleus per vincere l'oro alle Ol...

22 Luglio 2024 Rugby Mondiale
item-thumbnail

World Rugby Ranking: la classifica mondiale al termine delle Summer Series

La vittoria dell'Italia col Giappone consolida il miglior piazzamento di sempre degli Azzurri

21 Luglio 2024 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Mondiale Under 20: tutti i risultati e la classifica finale dell’edizione 2024

Il resoconto e i tabellini dell'ultima giornata del World Rugby U20 Championship 2024

20 Luglio 2024 Rugby Mondiale / JR Rugby World Cup